L’esercito israeliano uccide un ragazzo palestinese nella Cisgiordania occupata | Notizie del conflitto israelo-palestinese

Ramallah, Cisgiordania occupata – L’esercito israeliano ha ucciso una ragazza palestinese di 15 anni nella città di Beitunia, vicino a Ramallah, nella Cisgiordania occupata.

Il Ministero della Salute palestinese ha identificato le vittime come Fella Rasmi Abd al-Aziz Masalmeh, 15 anni. Avrebbe dovuto compiere 16 anni il giorno del suo compleanno, lunedì ha dichiarato in una dichiarazione di essere stata uccisa quando i soldati dell’occupazione le hanno sparato durante un raid in Beitunia.

I funzionari palestinesi inizialmente hanno identificato erroneamente la vittima come una donna di 19 anni di nome Sana al-Tal.

L’agenzia di stampa ufficiale palestinese, Wafa, ha riferito che un altro palestinese, Anas Hassouna, 26 anni, è stato ferito e arrestato durante la sparatoria.

Masalmeh, che è stata colpita da un proiettile mentre era in macchina, è della città di Al-Dhahiriya, a sud di Hebron, nel sud della Cisgiordania occupata.

I media locali hanno diffuso notizie e immagini dell’incidente alle 4 del mattino (01:00 GMT) e la sua morte è stata confermata diverse ore dopo.

un disse il testimone Wafa, che Masalmeh e Hassouna erano in un’auto che guidava sulla strada, ignari che le forze israeliane erano di stanza in diversi punti fino a quando non sono stati sorpresi dalla presenza dell’esercito.

“Quando hanno cercato di voltarsi, hanno trovato altri soldati di fronte a loro che hanno iniziato a sparare contro di loro senza preavviso”, ha detto il testimone, che vive nella zona, aggiungendo che i soldati di stanza a diverse angolazioni hanno sparato contro l’auto tre volte. Perché ha cercato di scappare.

Il testimone ha aggiunto che i soldati dell’occupazione hanno portato Hassouna, che era alla guida, fuori dall’auto e che stava sanguinando, mentre Masalmeh è morto sul posto.

READ  La crisi di Angela Merkel: due parlamentari si dimettono dopo "guadagni personali da accordi con maschere" | Politica notizia

Una dichiarazione dell’esercito israeliano ha affermato che i soldati hanno individuato un “veicolo sospetto diretto verso di loro durante un’operazione condotta dalle forze di sicurezza”, secondo i media israeliani. La dichiarazione indicava che le forze avevano segnalato al veicolo di fermarsi, ma questo si era precipitato verso di loro, dopodiché avevano sparato contro il veicolo.

Il video di sorveglianza ampiamente diffuso sui social media mostra l’auto che si ferma lentamente nell’area prima di essere colpita dai soldati di stanza nelle vicinanze. Al Jazeera non ha potuto verificare in modo indipendente il filmato.

[Translation: “Media coverage video: The moment occupation forces fired at a vehicle and injured its occupants, during a raid on Beitunia, west of Ramallah, at dawn today.”]

Diaa Qurt, il sindaco di Beitunia, ha detto ad Al-Jazeera che l’esercito di occupazione ha preso d’assalto la città, a ovest di Ramallah, per effettuare degli arresti, durante i quali sono scoppiati gli scontri.

“Questi ragazzi erano in macchina… l’esercito ha interrogato la macchina, e poi ha sparato alla macchina”, ha detto Qurt. “Ucciderli in un batter d’occhio è un crimine.”

Qart ha detto che l’esercito israeliano ha consegnato il corpo della bambina ai paramedici palestinesi e l’hanno portata al Ramallah General Hospital.

Ha sottolineato che domenica sera l’esercito ha arrestato tre palestinesi di Beitunia.

In quanto popolo palestinese occupato, l’esercito israeliano ha il potere di sparare e uccidere i nostri giovani anche se si limitano a lanciare pietre durante gli scontri. Sparano anche ai pedoni o alle persone nelle loro auto.

READ  I seguaci di QAnon che sono andati a Dallas per cercare JFK Jr si rifiutano di andarsene

Oggi, lunedì, il Ministero degli Affari Esteri palestinese ha chiesto “misure internazionali per costringere lo stato occupante a fermare la sua aggressione contro il nostro popolo”, in risposta all’omicidio.

Ha aggiunto: “L’ultima vittima di questa aggressione è stata la ragazza che è stata martirizzata questa mattina a Beitunia”.

Le forze israeliane effettuano raid e arresti in tutta la Cisgiordania occupata quasi quotidianamente, come parte di un tentativo di sopprimere i gruppi armati che operano nei territori palestinesi.

I militari sparano regolarmente proiettili veri durante questi raid, spesso uccidendo o ferendo i residenti, compreso il personale non coinvolto.

Finora, nel 2022, l’esercito israeliano ha ucciso 197 palestinesi nella Cisgiordania occupata e ha assediato la Striscia di Gaza, tra cui 43 bambini. Secondo le Nazioni Unite, quest’anno il numero di palestinesi uccisi da Israele nella Cisgiordania occupata è il più alto degli ultimi 16 anni.

L’Ufficio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani ha osservato in precedenti rapporti che le forze israeliane “spesso usano armi da fuoco contro i palestinesi esclusivamente per sospetto o come misura precauzionale, in violazione degli standard internazionali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.