Le persone sulla scena dicono che “l’attacco russo alla caserma ucraina che ha ucciso 600 persone” ha mancato l’obiettivo

La propaganda del Cremlino ritrae la guerra come una lotta patriottica per la sopravvivenza, ma madri e mogli frustrate a Samarra ritraggono la guerra. Il ministero della Difesa russo è stato accusato di negligenza e soppressione delle informazioni.

Quasi 46.000 persone hanno firmato una petizione online chiedendo alle autorità di pubblicare un elenco completo dei soldati uccisi.

In un video in lacrime pubblicato sull’app di messaggistica sociale Telegram, una donna di nome Elena ha detto che i suoi tre figli erano stati tutti arruolati nell’esercito russo durante la mobilitazione e che non aveva ricevuto alcuna assistenza ufficiale dall’esercito dall’attacco di Capodanno.

“Dopo la tragedia, la commissione militare e l’ufficio di leva non hanno risposto all’appello e non lavorano con i parenti degli schiavi”, ha detto, asciugandosi le lacrime.

La fiducia dei russi nel Cremlino è scemata da quando ha ordinato la mobilitazione e quel senso di smarrimento è evidente a Samara, una città di 1,2 milioni di abitanti sulle rive del fiume Volga.

Dozzine di donne con il volto coperto, i cui mariti e figli sono stati arruolati nell’esercito russo e ora sono scomparsi, domenica hanno caricato video su Telegram per protestare contro la guerra. Hanno detto “Questa è la tua guerra, vogliamo la pace”.

READ  Almeno tre morti in un attacco a una nave cisterna iraniana al largo delle coste della Siria | Siria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.