Le eruzioni dell’Etna bloccano i voli e ricoprono di cenere l’aeroporto di Catania

I voli sono stati sospesi all’aeroporto di Catania in Sicilia domenica dopo che l’Etna, il vulcano più attivo d’Europa, ha ricoperto la città di uno spesso strato di cenere.

La cenere è caduta sulla pista e sulla città di Catania, così come su almeno una città alle pendici dell’Etna, secondo l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV).

L’INGV, che monitora da vicino l’Etna con strumenti sui pendii, ha notato che la copertura nuvolosa in una giornata piovosa ostruisce la vista dell’eruzione, che spesso fornisce uno straordinario spettacolo di lava fumante durante i periodi di maggiore attività del vulcano.

Non ci sono state notizie di feriti.

Le foto e i video ripresi dopo l’eruzione mostrano un’enorme colonna di cenere che si alza dal vulcano, coprendo il cielo. Alcune delle foto mostrano anche la cenere sulle case e sulle auto delle persone.

L’aeroporto di Catania ha dichiarato che a causa di Ashfall, le operazioni di volo sono state temporaneamente sospese.

Le autorità aeroportuali hanno affermato che stanno monitorando attentamente la situazione e riprenderanno i voli non appena le condizioni lo consentiranno.

La foto d’archivio mostra la lava che scorre lungo le pendici dell’Etna. La Sicilia ospita il vulcano più attivo d’Europa, anche se dal 1922 non c’è stata un’eruzione importante e mortale.

(Reuters)

L’INGV ha indicato che il monitoraggio ha registrato evidenze di escalation dell’attività di tremore negli ultimi giorni.

L’agenzia di stampa italiana ANSA ha riferito che i residenti delle città di Adrano e Biancavilla hanno riferito di aver sentito domenica una forte esplosione dal vulcano.

READ  At least 12 people were killed in two landslides in Indonesia

Un aereo coperto di cenere vulcanica, dopo l’eruzione dell’Etna, è visto all’aeroporto internazionale di Catania

(via Reuters)

Una persona mostra una pesante cenere vulcanica dall’attività vulcanica dell’Etna domenica

(EPA)

Giovedì, l’Agenzia nazionale della protezione civile italiana aveva indicato in un avviso che, alla luce dell’aumento dell’attività vulcanica, potrebbero verificarsi cambiamenti “bruschi” nell’attività dell’Etna.

All’inizio del 2021, l’eruzione è durata diverse settimane. Ma non ha scatenato una grande eruzione dal 1922.

L’Etna, alto circa 3.330 metri, è uno dei vulcani più attivi al mondo.

A causa della storia della sua attività recente e dei rischi per le popolazioni vicine, l’Etna è stato aggiunto all’elenco dei 16 vulcani in tutto il mondo, una classificazione data dalle Nazioni Unite ai vulcani che presentano più di un pericolo vulcanico.

Il vulcano è continuamente monitorato dagli scienziati per garantire la sicurezza delle comunità vicine, mentre studiano i processi geologici in gioco.

Segnalazione aggiuntiva da parte delle agenzie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *