La super berlina a quattro porte Ford Mustang è in produzione

Nonostante tutti i suoi piani di espansione, Farley ritiene che Ford debba stare attenta a diversificare eccessivamente il marchio. “Alcune persone pensano che possiamo combinare la Mustang con la guida fuoristrada: guarda cosa ha fatto Porsche con la 911 Dakar e cosa stava facendo Lamborghini”, ha detto “Ma non ne sono così sicuro.”

Un punto di rassicurazione per i sostenitori della Mustang è l'intenzione della Ford di continuare a produrre motori V8 “finché Dio e i politici ce lo permetteranno”. Farley promette che si batterà duramente per mantenere in produzione questi popolari motori e i cambi manuali spesso ad essi associati.

Crede che possa mantenere questa promessa più a lungo rispetto alle case automobilistiche ad alte prestazioni – come Aston Martin – perché Ford sta rapidamente sviluppando una gamma di supporto di modelli di veicoli elettrici puri che forniranno le compensazioni di flotta necessarie per mantenere legali i suoi fratelli alimentati a combustione interna.

Tuttavia, le future Mustang offriranno probabilmente potenza ibrida per ridurre le emissioni di carbonio e migliorare le prestazioni. “Abbiamo testato e crediamo davvero che i motori elettrici parziali funzionino bene per i conducenti ad alte prestazioni”, ha affermato Farley.

“L’unica cosa che posso promettere è che non realizzeremo mai una Mustang completamente elettrica”, ha aggiunto Farley, escludendo il SUV elettrico Mustang Mach-E che porta il suo nome.

“Guardo altri utilizzatori di pura energia elettrica come la Formula E, e persino aziende come Rimac, e non penso che questo sarebbe una buona soluzione per la Mustang. È fantastico per le altre Ford – guarda il successo globale del Transit – ma non per Mustang.”

Farley, che è stato nominato CEO di Ford alla fine del 2020 e da allora ha ricostruito la sua gamma di modelli, vede l’ascesa della Mustang alla ribalta globale come una grande vittoria per l’azienda.

READ  Google invia un avviso agli utenti di Drive in merito alla cancellazione improvvisa dei file

“Quando abbiamo deciso, intorno al 2015, che la Mustang sarebbe dovuta diventare globale – con la guida a destra e altri cambiamenti costosi – sembrava che stessimo correndo un grosso rischio”, ha detto “Ma al giorno d’oggi, alcuni dei nostri più grandi rischi i concessionari sono in paesi come la Svezia”. E in Australia, direi che il futuro della Mustang non è mai stato così luminoso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *