La sopravvissuta all’Olocausto Tova Friedman diventa una star di TikTok a 85 anni | Notizie degli Stati Uniti

Tova Friedman afferma che i video sono per coloro a cui “non piacciono le lezioni a scuola, a cui non piace il modo in cui gli insegnanti insegnano o altro”.


Giovedì 23 marzo 2023 17:36, Regno Unito

Un sopravvissuto all’Olocausto che si nascondeva tra i cadaveri nel campo di concentramento di Auschwitz è diventato una star di TikTok all’età di 85 anni.

Tova Friedman appare nei video girati dal nipote di 17 anni, Aaron Goodman, nello stato americano del New Jersey.

Da quando hanno iniziato a pubblicarlo nel settembre 2021, ha attirato 75 milioni di visualizzazioni.

Goodman aveva solo sei anni quando fu detenuta ad Auschwitz nel 1944 e nel 1945.

Per saperne di più:
TikTok sarà bandito dai dispositivi e dalle reti parlamentari
La Cina accusa gli Stati Uniti di “aver abusato del potere statale” dopo aver bandito TikTok

Friedman ha affermato che TikTok è “un ottimo veicolo per l’Olocausto, per i giovani che non vogliono leggere libri”.

È per coloro a cui “non piacciono le lezioni a scuola, a cui non piace il modo in cui insegnano gli insegnanti o altro”.

“Qui stanno ascoltando”, ha osservato.

Alcuni di coloro che hanno commentato i video affermano di aver appreso molto poco o nulla sull’Olocausto in classe.

I video più visti, ha detto Aaron, sono “quelli che mostrano il loro numero” – l’iscrizione tatuata sulle braccia dei prigionieri ad Auschwitz.

“Le persone in tutto il mondo non possono permettersi di avere l’opportunità di vedere un sopravvissuto, di vedere la storia sul loro braccio”, ha detto.

“Quindi i social media e TikTok sono il modo in cui trasmettiamo il nostro messaggio e mostriamo le prove dell’Olocausto che le persone negano in modo inesatto”.

READ  Le autorità del Costa Rica trovano il relitto che si ritiene provenga da un aereo che trasportava un uomo d'affari tedesco

Un TikTok mostra filmati in bianco e nero della signora Friedman con altri bambini ebrei all’inizio del 1945.

Alza la manica per mostrare il numero tatuato sull’avambraccio.

Il film ritraeva l’esercito sovietico una settimana dopo aver liberato il campo.



immagine:
Aaron afferma che TitTok è “il modo in cui trasmettiamo il nostro messaggio”. foto: AP

Fuori dall’inquadratura vicina, la madre di Friedman le ha insegnato a sopravvivere evitando il contatto visivo con le guardie e nascondendosi tra i cadaveri.

Sua madre era molto infelice dopo la guerra e morì sulla quarantina.

Aron ha affermato di realizzare i video per contrastare la retorica antisemita online ed educare la generazione di TikTok sugli orrori dell’Olocausto.

“Dobbiamo concentrarci sulla storia e mettere in guardia le persone su dove può portare l’odio se non viene colto, se nessuno fa nulla al riguardo”, ha detto l’adolescente.

Parlando di creare la vita dopo tali orribili atrocità, la signora Friedman, che lavora come terapista e assistente sociale, ha detto: “La vita è fluida e puoi vivere di nuovo.

“Questo è ciò di cui vorrei parlare alla gente. È la speranza che l’umanità possa ricostruirsi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *