La sicurezza di Israele al centro della politica estera tedesca sull'Olocausto, apprende l'ICJ | Germania

La Germania ha affermato che la sicurezza di Israele è “al centro” della sua politica estera a causa della sua storia dell'Olocausto, ma ha negato le accuse presso la più alta corte delle Nazioni Unite di aver aiutato il genocidio di Gaza armando Israele.

Il Nicaragua ha intentato una causa contro la Germania presso la Corte internazionale di giustizia chiedendo ai giudici di ordinare la sospensione delle vendite di armi tedesche a Israele, sostenendo che violano l'obbligo di prevenire il genocidio e garantire il rispetto del diritto umanitario internazionale.

Martedì, la Germania ha avuto l'opportunità di rispondere alle accuse contro di lei dopo che il team legale del Nicaragua ha aperto il caso lunedì. Il Nicaragua ha dichiarato alla Corte internazionale di giustizia che era “patetico” che la Germania fornisse aiuti umanitari ai palestinesi fornendo loro le armi che li hanno uccisi, e che la Germania sembrava “incapace di distinguere tra autodifesa e genocidio”.

In risposta alle critiche, i rappresentanti tedeschi hanno insistito sul fatto che le armi erano state fornite solo “sulla base di un esame approfondito… che va ben oltre i requisiti del diritto internazionale”.

Tanja von Oslar-Gleichen, consigliere legale del Ministero degli Esteri tedesco, ha dichiarato alla corte: “La nostra storia è la ragione per cui la sicurezza di Israele è al centro della politica estera tedesca.

“Laddove la Germania ha fornito sostegno a Israele, anche sotto forma di esportazioni di armi e altro equipaggiamento militare, la qualità e gli scopi di queste forniture sono stati grossolanamente distorti dal Nicaragua”.

Ha aggiunto: “La Germania ha imparato dal suo passato, un passato che include la responsabilità di uno dei crimini più orribili della storia umana, l'Olocausto”.

READ  La guerra tra Israele e Hamas: annullamento del summit tra Giordania, Stati Uniti, Egitto e leader palestinesi alla vigilia della visita di Biden in Medio Oriente | notizie dal mondo

Nonostante le critiche del Nicaragua a tale argomento, un altro avvocato, Christian Thames, ha affermato che “la Germania continua a fornire sostegno umanitario (a Gaza) ogni giorno”.

La Germania ha anche chiarito che ritiene che Israele stia agendo per legittima difesa in risposta agli attacchi del 7 ottobre in cui Hamas e altri militanti palestinesi hanno ucciso circa 1.200 persone. Israele ha ucciso più di 33.000 palestinesi nel suo attacco di ritorsione.

Il Nicaragua vuole anche che la Corte internazionale di giustizia costringa la Germania a riprendere i finanziamenti all’UNRWA. La Germania ha ritirato il suo sostegno all’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi in seguito alle accuse israeliane, non ancora confermate, secondo cui 12 dipendenti sarebbero stati coinvolti negli attacchi del 7 ottobre.

Si prevede che la Corte internazionale di giustizia emetterà misure provvisorie sul caso Nicaragua entro poche settimane, ma una sentenza definitiva potrebbe richiedere anni.

A gennaio, in risposta a una causa intentata dal Sud Africa contro Israele, la Corte internazionale di giustizia ha emesso diverse misure provvisorie volte a fermare qualsiasi potenziale atto di genocidio.

Un altro avvocato tedesco, Samuel Wordsworth, ha affermato che poiché la Corte internazionale di giustizia non si è ancora pronunciata sulla violazione da parte di Israele della Convenzione sul genocidio, la Germania non può violare l'obbligo di prevenire il genocidio.

“Come si può affermare che non è stato garantito il rispetto di uno Stato terzo, se non è mai stato dimostrato che tale Stato terzo non abbia rispettato in primo luogo?” Chiesto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *