La Finlandia afferma che la nave cinese è al centro delle indagini sui danni all’oleodotto

HELSINKI/VILNIUS (Reuters) – L’Ufficio investigativo nazionale finlandese ha dichiarato venerdì che le indagini sui danni al gasdotto Balti Connector si stanno attualmente concentrando sul ruolo della nave portacontainer cinese Newono Polar Bear.

All’inizio dell’8 ottobre, un gasdotto e un cavo di comunicazione che collegava la Finlandia e l’Estonia sono stati rotti, in quello che gli investigatori finlandesi hanno detto potrebbe trattarsi di un atto di sabotaggio, anche se non hanno ancora concluso se si sia trattato di un incidente o di un atto intenzionale.

Martedì la Svezia ha dichiarato che il terzo collegamento tra Stoccolma e Tallinn è stato danneggiato più o meno nello stesso momento degli altri due.

“La polizia ha stabilito nell’indagine penale che i movimenti della nave battente bandiera di Hong Kong NewNew Polar Bear coincidevano con l’ora e il luogo del danno al gasdotto”, ha affermato in una nota il National Bureau of Investigation.

“Per questo motivo le indagini si stanno ora concentrando sul ruolo della suddetta nave”, hanno aggiunto gli investigatori finlandesi.

Posizione del tubo del gas danneggiato

In seguito alla dichiarazione dell’Ufficio investigativo nazionale finlandese, gli investigatori estoni, che stanno anche indagando sugli incidenti dei cavi di comunicazione, hanno affermato che stanno ancora esaminando due navi, la russa New New Polar Bear e la Sevmorput.

“Abbiamo accertato che durante gli incidenti, le due navi, Nyonyo Polar Bear e Simorbut, erano nella zona. Stiamo ancora indagando se queste due navi abbiano avuto qualcosa a che fare o meno con il danno”, hanno detto in una nota a Reuters. .

READ  Ben Wallace prende le distanze dai commenti di Truss sui volontari dell'Ucraina britannica | politica di difesa

Secondo i dati di tracciamento delle navi esaminati da Reuters, solo quelle due navi erano presenti in tutti e tre i luoghi dell’incidente nel momento approssimativo in cui si è verificato il danno.

“oggetto pesante”

L’Ufficio investigativo nazionale finlandese ha affermato che sul fondale marino vicino al danno al gasdotto è stato trovato un “oggetto pesante” e si sta indagando se ciò sia collegato all’incidente.

“L’indagine ha confermato che il danno è stato causato da una forza meccanica esterna e, sulla base delle informazioni attuali, non c’è motivo di credere che il danno sia stato causato da un’esplosione”, ha dichiarato l’ispettore investigativo Risto Lohi.

Il National Bureau of Investigation ha affermato che si ritiene che una “enorme massa di terreno” formatasi di recente in profondità nel fondale marino limoso contenga un oggetto estremamente pesante ed è stata oggetto dell’indagine.

“Verranno fatti tentativi per sollevare l’oggetto dal mare per un esame tecnico”, ha detto Lohi.

NewNew Shipping, proprietario e gestore di NewNew Polar Bear, ha rifiutato di commentare quando contattato da Reuters.

Incidenti

Separatamente, il ministero degli Esteri finlandese ha dichiarato venerdì di aver contattato Cina e Russia attraverso i canali diplomatici in merito all’indagine sui danni a un oleodotto e a un cavo di comunicazione.

Il ministero degli Esteri finlandese ha dichiarato in una dichiarazione a Reuters di aver contattato la Cina per richiedere assistenza nella comunicazione con il nuovo orso polare.

Per quanto riguarda la Russia, la Finlandia ha contattato il ministero degli Esteri russo “per chiarire la gravità della questione” e aprire un’indagine.

Un secondo cavo di telecomunicazioni che collega Svezia ed Estonia ha subito un’interruzione parziale nello stesso periodo, che potrebbe essere dovuta anche a un influsso esterno, hanno affermato le autorità svedesi ed estoni.

READ  Il controllo russo su Kherson si indebolisce quando cede la riva occidentale del Dnipro

Questi incidenti hanno sollevato preoccupazioni sulla sicurezza degli approvvigionamenti energetici nella più ampia regione nordica e hanno spinto l’alleanza militare della NATO a intensificare i pattugliamenti nel Mar Baltico.

La società russa Rosatom ha affermato che la nave Sevmorbot non è collegata ad alcun danno all’oleodotto.

“Respingiamo categoricamente qualsiasi ipotesi infondata secondo cui una nave gestita da Rosatom potrebbe essere stata in qualche modo collegata all’incidente del gasdotto Baltic Connector nel Golfo di Finlandia l’8 ottobre”, ha detto Rosatom in una dichiarazione a Reuters.

“Ha attraversato il Golfo di Finlandia, una zona di intenso traffico marittimo, senza fermarsi né rallentare, e ha mantenuto una velocità media di 14,5 nodi. L’equipaggio non ha osservato né registrato nulla di insolito, sospetto o segnalabile in alcun modo. “”

Reporting di Anne Curranen, reportage aggiuntivo dalle redazioni di Pechino e Mosca, scritto di Terje Solsvik, editing di Gwladys Foch, Alex Richardson, Jonathan Oatis e Jane Merriman

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda

Andrius si occupa di politica e notizie generali negli stati baltici: Estonia, Lettonia e Lituania, i tre principali stati lungo il fianco orientale della NATO, i più convinti sostenitori dell’Ucraina e i più aspri critici della Russia nella NATO e nell’UE. Ha scritto articoli su tutto, dalla Cina che fa pressioni sulle aziende tedesche affinché lascino la Lituania, che sostiene Taiwan, ai migranti iracheni che si nascondono nei boschi al confine con la Bielorussia, a un contadino che brucia il grano per riscaldarsi durante una crisi energetica. Contatto: +37068274006.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *