La donna sopravvissuta al congelamento: ScienceAlert

La mattina presto della vigilia di Capodanno in Minnesota, nel 1980, un uomo di nome Wally Nelson trovò il corpo del suo amico, disteso nella neve a pochi passi dalla sua porta di casa.

L’auto della diciannovenne Jean Hilliard si è fermata mentre tornava a casa dei suoi genitori dopo una serata fuori. Indossando poco più di un cappotto invernale, guanti e stivali da cowboy, è partita nell’aria notturna a meno 30° C (meno 22° F) per chiedere aiuto alla sua amica.

Ad un certo punto sono inciampato e ho perso conoscenza. Per sei ore, il corpo di Hilliard giacque al freddo, il calore svanì lasciandola – secondo diversi resoconti – “congelata”.

“L’ho afferrata per il colletto e l’ho fatta scivolare sulla veranda”, ha detto Nelson anni dopo In un’intervista con la Minnesota Public Radio.

“Pensavo che fosse morta. Si è congelata sopra un piatto, ma ho visto alcune bolle che le uscivano dal naso.”

Se non fosse stato per la rapida risposta di Nelson, Hilliard sarebbe potuto diventare uno di loro Migliaia di morti Raggiunge l’ipotermia ogni anno. Invece, la sua storia è diventata parte della tradizione medica e della curiosità scientifica.

Come può sopravvivere un corpo quando è congelato?

Storie di persone Vivo Temperature gelide Noi siamo Abbastanza insolito Essere degno di nota ma nemmeno esattamente raro. In effetti, i professionisti medici nei climi freddi Hai un detto: “Nessuno muore finché non è caldo e morto.”

Ci si è resi conto che una grave ipotermia non è necessariamente la fine della vita Diventa la base del trattamento stesso. In condizioni controllate, l’abbassamento della temperatura corporea può raffreddare il metabolismo e ridurre la fame insaziabile di ossigeno del corpo.

READ  Come portare le persone dalla Terra a Marte e tornare di nuovo in sicurezza?

In ambito medico, o in rare occasioni altrove, un corpo criogenico può sopprimere l’intero processo della morte abbastanza a lungo da gestire un polso basso, almeno per un po’.

Ciò che risalta nel racconto di Hilliard è la natura estrema della sua ipotermia.

Dimentica il fatto che la sua temperatura corporea era appena di 27 gradi Celsius, ben 10 gradi inferiore a quella di un essere umano sano. Era – apparentemente – congelato. Il suo viso era pallido, i suoi occhi duri, la sua carnagione dura Si dice che sia molto difficile Da forare con un ago ipodermico.

Nel Detti di George SatherIl medico che l’ha curata ha detto: “Il corpo era freddo e completamente solido, come un pezzo di carne uscito dal frigorifero”.

Tuttavia, nel giro di poche ore, il corpo di Hilliard è tornato in salute dopo essere stato riscaldato da piastre riscaldanti. Stava parlando a mezzogiorno e, con un po’ di intorpidimento e vesciche alle dita dei piedi, presto iniziò a vivere una vita normale, non influenzata dalla sua notte da lecca-lecca umana.

Per gli amici e la famiglia nella sua comunità, ovviamente Era tutto grazie Per la forza della preghiera. Ma qual è la posizione della biologia su questo tema?

A differenza di molte sostanze, l’acqua occupa più volume allo stato solido che allo stato liquido. Questa espansione è una brutta notizia per i tessuti corporei bloccati dal freddo, poiché il loro contenuto liquido potrebbe gonfiarsi al punto da rompere i vasi.

Anche pochi cristalli di ghiaccio vaganti che si aprono nel posto sbagliato possono perforare le membrane cellulari con i loro frammenti aghiformi, trasformando gli arti in macchie nere di pelle e muscoli morti, o ciò che comunemente conosciamo come congelamento.

READ  Sintomi di demenza: i primi segni possono includere costipazione

Vari animali hanno sviluppato alcuni eleganti adattamenti per affrontare i pericoli derivanti dai cristalli di ghiaccio taglienti e in espansione in condizioni di congelamento parziale. Ad esempio, i pesci di acque profonde conosciuti come pesci del ghiaccio pinna nera antartica producono glicoproteine ​​come un tipo di antigelo naturale.

Rana di legno Trasforma il contenuto delle sue cellule In una bevanda inondando il suo corpo di glucosio, resistendo così al congelamento e alla disidratazione. Fuori dalle loro cellule, l’acqua si trasforma in un solido, rivestendo i tessuti di ghiaccio e facendoli apparire, a tutti gli effetti, solidi come cubetti di ghiaccio a forma di rana.

Non avendo altro da citare se non osservazioni esterne, è difficile dire con certezza come il corpo di Hilliard abbia resistito al congelamento. C’era qualcosa di unico nella chimica del suo corpo? O anche la composizione delle sue texture?

Forse. La domanda più importante è cosa significhi esattamente “congelato” in questo caso. Sebbene la temperatura corporea di Hilliard fosse scesa, era ancora ben al di sopra dello zero. C’è una grande differenza tra il metaforico “gelato fino alle ossa” e l’acqua dura nelle vene.

Il fatto che il corpo di Hilliard fosse solido è… Un segno comune di grave ipotermiaCon una durezza muscolare aumentata a questo punto, può anche… Rigore mortaleL’indurimento che avviene nel corpo di una persona morta.

Anche il fatto che la superficie del suo corpo fosse fredda e bianca, e che anche i suoi occhi apparissero vitrei e “duri”, potrebbe non sorprendere. Il corpo chiuderà i canali che portano ai vasi sanguigni sotto la pelle per mantenere gli organi in funzione, al punto che il corpo apparirà grigio e rimarrà notevolmente freddo al tatto.

READ  Lo studio ha rilevato che il livello del mare sta aumentando rapidamente negli Stati Uniti meridionali

Per il personale medico abbastanza persistente da tentare la fortuna con una piccola iniezione sottocutanea su vene gravemente ristrette, soprattutto se coperte da sottili strati di pelle secca premuti saldamente contro muscoli duri, potremmo persino immaginare che il risultato potrebbe essere uno o due aghi piegati.

Non avendo molto da riportare oltre ad alcuni resoconti sorprendenti, possiamo solo speculare se il corpo “congelato” di Hilliard fosse tipico, se scioccante, o stranamente unico nella sua capacità di resistere a un cambiamento di stato così estremo. Tuttavia non c’è dubbio che sia stata fortunata.

Più impariamo sulle cose straordinarie di cui è capace il corpo umano, meno dipenderemo dalla buona sorte per salvare una vita come la sua in futuro, e più dai progressi della medicina e dalle risposte rapide.

Una versione precedente di questo articolo è stata pubblicata nel luglio 2021.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *