La crescita del settore dei servizi in Italia rallenta per il secondo mese a giugno

Un sondaggio di martedì ha mostrato che la crescita del settore dei servizi italiano è rallentata per il secondo mese consecutivo a giugno a causa dell’aumento dell’inflazione e del calo della domanda.

L’indice S&P Global Services Purchasing Managers’ Index (PMI) è sceso a 51,6 a giugno da 53,7 di maggio, scivolando più vicino alla soglia dei 50 separando crescita dalla contrazione e raggiungendo la lettura più bassa da gennaio.

Il risultato è stato sostanzialmente in linea con la previsione mediana di 51,5 in un sondaggio Reuters su 13 analisti.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Il sottoindice della nuova produzione nel settore dei servizi si è attestato a 52,3 a giugno, contro i 54,8 di maggio.

Il PMI manifatturiero italiano, pubblicato venerdì, ha mostrato che il settore è cresciuto al ritmo più lento in due anni a giugno, poiché l’incertezza legata alla guerra in Ucraina ha pesato sulla terza economia dell’eurozona. Leggi di più

Il PMI composito dei servizi e del settore manifatturiero si è attestato a 51,3 a giugno, in calo dal 52,4 di maggio e dal valore più basso da gennaio.

Il PIL italiano è cresciuto solo dello 0,1% nel primo trimestre dei tre mesi precedenti e il governo del primo ministro Mario Draghi ad aprile ha rivisto le sue previsioni di crescita per il 2022 al 3,1% dal 4,7% dello scorso settembre.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Lo riporta Gavin Jones. Montaggio di Catherine Evans

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.