La Corte Internazionale di Giustizia ordina a Israele di fermare l’operazione Rafah, quindi quale sarà il prossimo passo? | Notizie da Gaza

La Corte internazionale di giustizia ha emesso un ordine giuridicamente vincolante per Israele di fermare l’invasione di Rafah.

La Corte internazionale di giustizia ha chiesto a Israele di porre fine alle sue operazioni a Rafah, la parte più meridionale della Striscia di Gaza.

Nelle ultime due settimane, Israele ha ridotto in macerie interi quartieri di Rafah e costretto allo sfollamento centinaia di migliaia di persone.

Israele dice che ha bisogno di trasferirsi a Rafah per completare la sua missione di sconfiggere Hamas. Tuttavia, la Corte Internazionale di Giustizia ha stabilito che gli obiettivi bellici di Israele violavano di fatto i diritti dei palestinesi previsti dalla Convenzione sul genocidio.

Ecco tutto quello che c'è da sapere sui nuovi ordinamenti della Corte Internazionale di Giustizia.

Qual è la sentenza della Corte internazionale di giustizia nel caso Sudafrica contro Israele?

Secondo la Corte, Israele deve fermare il suo attacco a Rafah.

La corte non era convinta che Israele avesse adottato misure adeguate per proteggere le vite dei civili e ha votato – con una maggioranza di 13 giudici contro due – che Israele deve adottare misure efficaci per consentire a qualsiasi comitato investigativo sostenuto dalle Nazioni Unite di entrare a Gaza e indagare sulle accuse di genocidio. .

La Corte ha inoltre confermato la sua precedente sentenza del 26 gennaio secondo cui Israele deve aumentare i suoi aiuti ai palestinesi di Gaza.

“La Corte Internazionale di Giustizia sta sostanzialmente dicendo: OK, basta”, ha detto Alonso Jormendi, ricercatore di diritto internazionale al King's College di Londra. “È così grande… lo è [reflects] Perdita di pazienza [with Israel] secondo me.”

READ  Selezione della destra tedesca come leader della CDU da parte dei membri | Germania
Il direttore generale del Dipartimento per le relazioni internazionali e la cooperazione del Sudafrica Zane Dangor e l'ambasciatore sudafricano nei Paesi Bassi Vusimuzi Madonsela alla Corte internazionale di giustizia mentre il Sudafrica richiede nuove misure di emergenza per gli attacchi israeliani a Rafah, L'Aia, Paesi Bassi, 16 maggio , 2024. [Yves Herman/Reuters]

Qual è la denuncia del Sud Africa contro Israele?

Il Sudafrica inizialmente ha presentato una richiesta urgente a Israele per porre fine al suo attacco a Rafah, ma poi ha ampliato la sua richiesta per un cessate il fuoco completo a Gaza.

Questo fermerà l’attacco israeliano a Rafah?

Pochi minuti dopo l'emissione della sentenza, è emersa la notizia di attacchi aerei israeliani su Rafah.

Finora il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu non ha rilasciato dichiarazioni ufficiali. Ma gli analisti ritengono che Israele continuerà a violare l’ordine della Corte internazionale di giustizia.

Studiosi e analisti giuridici hanno affermato che Israele si era rifiutato di conformarsi alle precedenti misure provvisorie della Corte internazionale di giustizia il 26 gennaio. La Corte internazionale di giustizia aveva chiesto a Israele di aumentare gli aiuti per proteggere i diritti dei palestinesi ai sensi della Convenzione sul genocidio.

Jormandi ha aggiunto che la nuova misura temporanea raddoppia la pressione sui paesi occidentali che stanno armando Israele.

“Come può essere giustificata la vendita di armi a Israele da utilizzare a Rafah? Non penso che tu possa. “Penso che sia legalmente impossibile.” “Quindi mentre questo [ICJ order] Ciò non fermerà l’operazione a Rafah stessa, ma piuttosto aumenterà la pressione sull’idea che sia accettabile continuare a vendere armi a Israele.

Cos’altro ha detto la Corte internazionale di giustizia?

Israele ha ordinato l'apertura del valico di Rafah per fornire aiuti senza ostacoli.

“La cosa è [legally] Vincolo con Israele. ex [ICJ] Richieste [to scale up aid] “Abbiamo già avvertito gli stati che esiste un rischio imminente di genocidio, quindi il loro dovere – ai sensi della Convenzione sul genocidio – di prevenirlo è già attivato”, ha affermato Heidi Matthews, ricercatrice giuridica presso la York University di Toronto.

READ  Guerra in Ucraina: si sentono esplosioni a Kiev dopo massicci attacchi di droni

“È chiaro che alcune persone rimarranno deluse dal fatto che non ci sia un ordine di cessate il fuoco completo”, ha aggiunto “Questo è ancora un grande passo, ma non è un passo di cessate il fuoco completo”.

C'è una reazione da parte della Palestina o delle fazioni palestinesi?

Hamas ha accolto con favore le sentenze della Corte internazionale di giustizia. In un comunicato ha affermato che Israele continua a commettere massacri nella Striscia di Gaza. Il gruppo ha aggiunto che si aspetta che la corte alla fine emetta un ordine affinché Israele fermi la sua guerra sull'intera Striscia assediata.

“Ciò che sta accadendo a Jabalia e negli altri governatorati della Striscia di Gaza non è meno criminale e pericoloso di ciò che sta accadendo a Rafah”.

“Chiediamo alla comunità internazionale e alle Nazioni Unite di esercitare pressioni sull’occupazione affinché aderisca immediatamente a questa risoluzione e proceda seriamente e onestamente nella traduzione di tutte le risoluzioni delle Nazioni Unite che costringono l’esercito di occupazione sionista a fermare il genocidio che ha commesso contro la nostra gente per più di sette mesi”.

Come ha risposto Israele?

La risposta dei funzionari israeliani è stata in gran parte provocatoria.

Diversi funzionari hanno ripetuto le precedenti accuse secondo cui la corte stava aiutando i “terroristi”.

Il ministro delle Finanze Bezalel Smotrich aveva già twittato in precedenza

Ha avvertito che fermare l’assalto significherebbe che “il nemico raggiungerà i letti dei nostri bambini e delle nostre donne in tutte le parti del Paese”. Poi ha twittato: “La storia giudicherà quelli di Hamas e Isis che si sono schierati con i nazisti”. [ISIL]”.

READ  La polizia ha chiuso Cleveland Beach dopo aver scoperto un "oggetto sospetto"

La Corte internazionale di giustizia sarà in grado di attuare la sentenza di venerdì?

Non hanno alcuna autorità di controllo nel sistema delle Nazioni Unite. L’attuazione dipende dal rispetto da parte dei membri dei tribunali dei loro obblighi ai sensi del diritto internazionale e del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

In che modo questa udienza in tribunale è diversa dalla precedente?

Le due sessioni mirano a garantire la fine della devastante guerra intrapresa da Israele contro Gaza. Gli esperti hanno detto ad Al Jazeera che le nuove ordinanze della Corte Internazionale di Giustizia intensificano la pressione su Israele e sui paesi alleati per proteggere i palestinesi e porre fine alla guerra contro Gaza, che ha causato la morte di oltre 35.000 persone e ha reso la Striscia praticamente inabitabile.

Il ministro delle finanze israeliano e leader del partito sionista religioso Bezalel Smotrich.
Il ministro delle finanze israeliano e leader del partito sionista religioso Bezalel Smotrich [Gil Cohen Magen/AFP]

Cosa poi?

Gli ordini della ICJ sono giuridicamente vincolanti. Tuttavia, la sentenza della corte sarà ora discussa nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, dove i paesi potranno decidere di intraprendere azioni uniformi per attuare gli ordini della corte. Anche le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza sono giuridicamente vincolanti.

Tuttavia, gli Stati Uniti hanno potere di veto, che storicamente hanno utilizzato per proteggere Israele dalle conseguenze della violazione del diritto internazionale.

Il 18 aprile gli Stati Uniti hanno posto il veto al progetto di risoluzione che avrebbe reso la Palestina il 194esimo membro delle Nazioni Unite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *