Istantanea: Regolamento sulla gestione finanziaria in Italia

Regolamento di gestione finanziaria

Struttura e autorità di regolamentazione

Come viene controllata la gestione finanziaria nella tua giurisdizione? Qual è la responsabilità primaria dei fondi, dei gestori finanziari e delle autorità di regolamentazione per la regolamentazione di tali fondi di marketing?

La gestione collettiva di portafogli è un processo regolamentato che richiede l’autorizzazione preventiva (da parte di una banca italiana) e include i termini e le condizioni applicabili al rilascio dell’accreditamento nei termini applicabili.

Prima dell’attuazione dell’Alternative Investment Fund Managers Order (AIFMD) la definizione di gestione congiunta di portafoglio era ristretta perché includeva solo fondi contrattuali e SICAV (società di investimento a capitale variabile), quindi gli investimenti non congiunti in titoli convertibili (OICVM) sono possibile. Verranno installati anche come strutture non regolamentate.

Questo quadro normativo è cambiato non appena l’AIFMD è stato implementato, poiché l’AIFMD si applica a tutti i GEFIA, indipendentemente dalla legittimità dei fondi di investimento alternativi (FIA). I FIA possono ora essere costituiti in forma contrattuale o societaria, entrambe le strutture sono regolate dalla legge. Inoltre, nell’attuazione dell’AIFMD, tutti i gestori di FIA devono essere accreditati (con limitate differenze normative tra gestori full-purpose e sub-entry) Italia regole di placcatura che disciplinano i GEFIA subportali.

Inoltre, la consulenza sugli investimenti è un processo normativo che richiede l’approvazione preventiva (attraverso la Commissione italiana per le società e le borse (ConSOP)) e le condizioni per il rilascio dell’accreditamento includono quelle richieste dalle Linee guida sugli strumenti finanziari dei mercati (MiFID). I consulenti per gli investimenti non saranno autorizzati a fornire una gestione congiunta del portafoglio in relazione ai FIA a meno che non siano accreditati come GEFIA.

Gestione finanziaria

La gestione finanziaria è regolamentata nella tua giurisdizione?

La gestione finanziaria non è un’attività regolamentata in Italia. I gestori di piccole finanze in genere esternalizzano outsourcer specializzati e rispettano le normative applicabili in materia di rappresentazione delle operazioni.

READ  Un uomo agli arresti domiciliari in Italia avrebbe supplicato la moglie di andare in carcere per evadere: 'Prigione è meglio'

Riconoscimento

Qual è il processo di approvazione del finanziamento o di licenza? Quali sono i requisiti chiave applicabili ai gestori e agli operatori di fondi di investimento nella tua giurisdizione?

Una società che desideri essere riconosciuta come SGR italiana deve soddisfare una serie di condizioni, tra cui: (1) una società per azioni (forma giuridica); (2) sede legale e sede in Italia; (3) riduzione del capitale sociale iniziale a € 1.000.000 (€ 500.000 per le SGR full-purpose dedicate ai FIA chiusi ‘riservati’ (come qui definiti) o € 50.000 per le SGR controllate); (4) gli amministratori, i direttori generali ei sindaci sono in possesso di determinati requisiti di etica, indipendenza, esperienza, capacità, onestà e altri requisiti; (5) proprietari di beni degni di soddisfare determinati requisiti morali, competenti e ragionevoli; E (6) il sistema consiliare non preclude una gestione efficiente e prudente e attua efficacemente le funzioni di controllo attraverso la Banca d’Italia e la Consap. La Banca d’Italia rilascerà l’accreditamento se sono soddisfatti tutti i requisiti di legge e regolamentari applicabili e sono soddisfatte le condizioni per una buona e prudente gestione.

Approssimativamente lo stesso iter autorizzativo si applica ai fondi costituiti come strutture societarie e alle SICAV, che sono imprese di investimento a capitale variabile e SICAF a capitale fisso.

I FIA di natura contrattuale non necessitano di autorizzazione preventiva e sono ammissibili ai FIA prenotati, previa sottoscrizione:

  • Investitori professionali nell’ambito della MiFID;
  • Società e privati ​​(che non sono qualificati come investitori professionali) impegnano AI 500.000 o più a FIA;
  • Le società e le persone fisiche (non qualificate come investitori professionali) per avvalersi dell’impegno di F 100.000 nei FIA e dei benefici dei servizi di consulenza MiFID II non devono superare il 10% dell’importo totale investito nei FIA assegnati. Il portafoglio finanziario totale dell’investitore;
  • I gestori di portafogli di investimento assumono 100.000 o più impegni nei confronti dei fondi di investimento alternativi per conto di clienti al dettaglio; E
  • Direttori e personale di AIFM (senza impegno minimo).
READ  10 argomenti da vedere in una settimana (dal 30 novembre al 6 dicembre)

Il regime regolamentare applicabile a tutti i fondi deve nominare un depositario che svolga la sicurezza e altre funzioni in conformità con i termini applicabili. Solo le banche e le imprese di investimento italiane (o le succursali locali di banche e imprese di investimento dell’UE) sono autorizzate dalla Banca d’Italia a svolgere operazioni di deposito.

Tutti i fondi, inoltre, sono soggetti agli obblighi di segnalazione di Banca d’Italia e Consap.

La portata regionale del regolamento

Qual è lo scopo regionale della regolamentazione finanziaria? Un manager straniero può svolgere funzioni amministrative o fornire servizi senza accreditamento a clienti nella tua giurisdizione?

I gestori di società dell’UE per joint venture (OICVM) e di Fondi di Investimento Alternativo (AIFM) in titoli convertibili possono offrire i propri servizi in Italia:

  • Tramite una filiale; O
  • Senza stabile organizzazione.

Una filiale è un’estensione della società a cui è affiliata (cioè non è considerata uno studio legale separato ai fini normativi). La prestazione di servizi senza una stabile organizzazione si riferisce ai dirigenti che svolgono le loro funzioni senza una presenza fisica permanente.

I gestori di OICVM UE o GEFIA che intendono operare in Italia non necessitano di accreditamento. Il quadro europeo, invece, prevede una procedura di dichiarazione da parte dell’autorità competente dello Stato membro del gestore, comprovante che: (1) il gestore è autorizzato a gestire in Italia con le caratteristiche che il suo nucleo familiare desidera costituirlo in fondi statali; (2) Ha firmato un accordo con un depositario italiano per garantire che abbia accesso alle informazioni necessarie per l’adempimento dei propri obblighi.

I gestori di OICR o GEFIA non UE non possono operare in Italia senza la costituzione e l’autorizzazione di una controllata in Italia; La situazione cambierà estendendo il passaporto AIMD a paesi terzi.

READ  Fresco, croccante e delizioso: uve da vino bianco autoctono del nord Italia

I gestori dell’UE sono tenuti a rispettare tutte le leggi e i regolamenti applicabili ai fondi italiani e ad attenersi a determinati codici di condotta raccomandati per le SGR italiane se il gestore dell’UE agisce tramite una succursale in Italia.

Acquisizione

L’acquisto di azioni di controllo o illimitate in un gestore finanziario all’interno della vostra giurisdizione è soggetto alla previa approvazione dell’autorità di regolamentazione?

(1) l’acquisizione di almeno il 10 per cento del capitale sociale di una SGR, (2) la varianza delle azioni deve raggiungere la fascia del 20, 30 o 50 per cento del capitale sociale di una SGR, (3) il controllo della SGR da parte di Bank Off Italy richiede un preavviso. Valutato da Banca d’Italia, I potenziali partner possiedono la necessità di prestigio, giusto carattere e capacità. La partecipazione in SGR è soggetta ad obbligo di pubblicità nell’albo delle imprese idonee.

Gli stessi requisiti si applicano alla detenzione di azioni in fondi costituiti come entità societarie (SICAV e SICAF), mutatis mutandis.

Restrizioni alla compenso e alla partecipazione agli utili

Esistono restrizioni normative sulla struttura degli accordi di compenso e partecipazione agli utili del gestore finanziario?

La Banca d’Italia ha emanato un regolamento che disciplina le linee guida della European Securities and Exchange Commission in materia di sane politiche retributive nell’ambito delle direttive AIFMT e UCIDS. In particolare, dovrebbe essere prestata attenzione all’equilibrio tra le componenti fisse e variabili della retribuzione e alla richiesta di retribuzione variabile (compresi gli interessi), comprese le commissioni differite e la meccanica del clapboard.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.