Israele afferma che il corpo dell'ostaggio è stato recuperato durante un raid notturno a Gaza

Israele afferma di aver trovato il corpo di Elad Katzir, l'uomo preso in ostaggio durante un attacco di Hamas nel sud di Israele il 7 ottobre.

L'esercito israeliano ha dichiarato in un comunicato che il corpo di Katsir è stato recuperato da Gaza durante la notte e riportato in Israele.

“Il corpo del rapito Elad Katzir, che secondo le informazioni dell'intelligence è stato ucciso in prigionia dall'organizzazione terroristica Jihad islamica, è stato salvato di notte da Khan Yunis e riportato in territorio israeliano”, ha detto l'esercito israeliano, aggiungendo che la vittima è stata identificata da funzionari sanitari. E la sua famiglia è stata informata.

Katsir, 47 anni, è stato rapito con sua madre Hanna Katsir dal Kibbutz Nir Oz il 7 ottobre, quando Hamas e altri gruppi islamici affiliati hanno attaccato il sud di Israele, uccidendo circa 1.200 israeliani e prendendo in ostaggio più di 250 persone.

La signora Katsir era tra gli ostaggi rilasciati da Hamas a novembre come parte di una serie di cessate il fuoco temporanei e scambi di prigionieri, mentre suo padre è stato ucciso a Nir Oz.

“Il nostro compito è individuarlo e riportarlo indietro [remaining] rapiti in patria”, ha affermato l’IDF, aggiungendo che “stanno lavorando in pieno coordinamento con gli organismi nazionali e di sicurezza competenti e continueranno fino al completamento della missione”.

Risoluzione del Consiglio per i Diritti Umani su Gaza: il Consiglio vuole ritenere Israele responsabile

La guerra tra Israele e Hamas è durata più di sei mesi ed è diventata uno dei conflitti più sanguinosi di questo secolo.

READ  Joe Biden promette di rendere "molto, molto difficile" qualsiasi invasione russa dell'Ucraina | Ucraina

Dall’attacco transfrontaliero di Hamas del 7 ottobre, le forze israeliane hanno invaso e bombardato la Striscia di Gaza, uccidendo decine di migliaia di palestinesi e sfollando milioni di persone.

Secondo le stime dell’esercito israeliano, del Ministero della Sanità di Gaza e dell’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari, dall’inizio della guerra sono morti più di 33.000 palestinesi, tra cui più di 13.000 bambini.

Le Nazioni Unite hanno avvertito che la Striscia di Gaza è sull’orlo della carestia, con le famiglie nella parte settentrionale assediata della Striscia costrette a vivere con “meno di un barattolo di fagioli al giorno”.

Le agenzie internazionali hanno accusato Israele di imporre severe restrizioni al flusso di aiuti alimentari a Gaza, cosa che Israele ha negato. Sette operatori umanitari, tra cui tre britannici, sono stati uccisi lunedì in un attacco aereo israeliano, un incidente che ha portato alla condanna globale e al licenziamento di due alti ufficiali militari.

Sebbene la stragrande maggioranza degli abitanti di Gaza sia ora fuggita nella città più meridionale di Rafah, si ritiene che più di 300.000 persone siano rimaste intrappolate nel nord, che è stato testimone dei peggiori bombardamenti israeliani.

Israele ha detto che intende lanciare un attacco di terra su Rafah il prossimo, anche se il suo più stretto alleato, gli Stati Uniti, lo ha esortato a riconsiderare la possibilità di farlo.

Nel frattempo, Hamas continua a lanciare razzi contro Israele da Gaza, mentre Hezbollah e altri gruppi armati lo fanno dal sud del Libano. Si ritiene che Hamas e la Jihad islamica detengano ancora ostaggi catturati durante il raid del 7 ottobre, così come i corpi di coloro che morirono durante la prigionia, senza che si intraveda la fine del conflitto.

READ  Uragano Otis: almeno 27 morti a seguito della tempesta di categoria 5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *