Inondazioni in Tanzania: decine di morti in inondazioni e frane nel distretto settentrionale di Hanang

  • Scritto da Alfred Lastik e Wedayli Chipilushi
  • BBC News, Dar es Salaam e Londra

Commenta la foto,

La regione di Hanang si estende fino al Monte Hanang, la terza vetta più alta del paese

Il bilancio delle vittime di inondazioni e frane nel nord della Tanzania è salito a 63 persone.

Per far fronte all’impatto delle piogge torrenziali, la presidente Samia Suluhu Hassan ha interrotto la sua partecipazione al vertice sul clima COP28 a Dubai.

Anche le case, le infrastrutture e i terreni agricoli sono stati danneggiati.

Massicce inondazioni stanno colpendo paesi dell’Africa orientale, in parte a causa del fenomeno climatico El Niño.

Il governo della Tanzania ha affermato che 400 soccorritori sono stati inviati nella regione settentrionale di Hanang.

La portavoce presidenziale Zahra Yunus ha detto in una dichiarazione rilasciata lunedì che i soccorritori stanno lavorando in condizioni difficili, come comunicazioni difettose e strade bloccate e danneggiate.

“La presidente Samia, che era a Dubai per partecipare alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28), ha deciso di abbreviare il suo viaggio e di arrivare nel paese il prima possibile per affrontare questo disastro”, ha detto la signora Yunus.

La COP28 è iniziata il 30 novembre e durerà fino al 12 dicembre.

Secondo la signora Yunus, il presidente ha ordinato al suo governo di pagare i funerali delle persone uccise dalle inondazioni e dalle frane. Ha inoltre ordinato al governo di coprire le spese ospedaliere per i feriti e gli alloggi temporanei per coloro le cui “case sono state spazzate via”.

“Abbiamo schierato un team di medici e operatori sanitari. I servizi sono molto migliori e molti pazienti stanno bene”, ha affermato il dottor Godwin Molele, vice ministro della Sanità della Tanzania.

Commenta la foto,

Le proprietà delle persone sono state danneggiate dalle inondazioni

Fanuel John, padre di quattro figli, originario di un villaggio chiamato Jindabi, stava cercando la moglie e i figli scomparsi.

Udì il rumore dell’acqua che scorreva quando uscì, che secondo lui era “il ruggito della valle”. Girò la testa e vide l’acqua scorrere verso di lui.

Ha detto alla BBC: “Ho subito chiesto a mia moglie e ai miei figli di uscire velocemente e ci siamo arrampicati su uno dei grandi alberi”. “Quando siamo saliti sull’albero, ho capito che l’alluvione si stava avvicinando.”

Ha aggiunto: “Sono rimasto scioccato quando ho visto tutti gli alberi cadere. Sono caduti diversi tipi di alberi. Ho esortato la mia famiglia a pregare”.

L’acqua ha poi raggiunto circa 1,8 metri e ha circondato la famiglia.

“Ci siamo lasciati e quella è stata l’ultima volta che li ho visti”, ha detto.

Un altro sopravvissuto, Samuel Mtinda, ha sentito “un suono come il rumore di un’auto che passava” e ha guardato fuori.

“Ho visto la nostra casa e le case dei nostri vicini sommerse dall’acqua e dalle rocce”, ha detto. “Ho chiesto a mia moglie e ai miei figli di correre nel cortile della scuola. Continuiamo a correre finché non troviamo un posto sicuro.”

Si dice che le inondazioni siano il più grande pericolo naturale in Tanzania, colpendo decine di migliaia di persone ogni anno.

Il mese scorso, precipitazioni superiori al normale hanno causato morti e distruzioni di proprietà nella città principale, Dar es Salaam, e in alcune altre aree.

I raccolti sono stati spazzati via in alcune parti del paese, colpendo i mezzi di sussistenza delle persone.

L’Agenzia meteorologica della Tanzania ha avvertito che le piogge continueranno questo mese.

Report aggiuntivo di Munira Hussein

READ  Guerra in Ucraina: Arnold Schwarzenegger dice alle forze russe che non vuole "spezzarle" come suo padre che ha combattuto con i nazisti | notizie dal mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *