Inizia in Italia il nuovo processo per diffamazione di Amanda Knox

Amanda Knox è tornata sotto processo in Italia, dove ha trascorso anni in carcere Nel 2007 ha ucciso il suo compagno di stanza britannico Prima che alla fine venisse rilasciata e le fosse permesso di tornare in America

Quando la Knox era una studentessa di 20 anni, lei e il suo allora fidanzato Raffaele Sollecito furono accusati di aver ucciso Meredith Kercher durante un viaggio all'estero nella città italiana di Perugia. È stato trovato il 7 novembre 2007, con la gola tagliata sotto una coperta sul pavimento della camera da letto che condivideva con Knox nel dormitorio della Hilltop University. Le autorità identificarono immediatamente la coppia come principale sospettata, dando il via ad una lunga saga legale che alla fine si sarebbe conclusa con un nuovo processo. Da mercoledì a Firenze.

La Kercher e il suo fidanzato italiano furono inizialmente giudicati colpevoli, ma il verdetto fu poi annullato dalla Corte Suprema del paese nel 2015. Ostacoli legali nel corso degli anni. I giurati hanno citato difetti nelle indagini nel loro verdetto finale, sottolineando la mancanza di prove, inclusa la mancanza di “indizi biologici” che collegano la coppia all'omicidio della Kercher.

A quel punto, la Knox, che ora ha 36 anni, aveva trascorso quattro anni in prigione come madre di due figli.

Ma la corte all'epoca confermò la condanna di Kercher nel 2011 per aver diffamato il proprietario del bar congolese Patrick Lumumba, che secondo lui era coinvolto nel suo omicidio. È stato imprigionato per due settimane prima che il suo alibi fosse verificato e fosse rilasciato.

Nel 2019, il team legale della Knox ha presentato ricorso contro la condanna, citando una sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo dello stesso anno, h.ehm diritti Durante il suo interrogatorio iniziale con le autorità italiane, gli è stato negato l'accesso ad un avvocato e ad un interprete.

READ  La vittoria di Zverev ha portato la Germania al livello dell'Italia Giro dell'ATP

“La signora Knox era particolarmente vulnerabile, essendo una giovane donna straniera di 20 anni all'epoca, che non era stata in Italia per molto tempo e non parlava correntemente l'italiano”, ha osservato all'epoca la Corte europea.

Corte Suprema d'Italia Ordinato un nuovo processo per l'accusa di diffamazione In ottobre. Anche se non era chiaro se la Knox sarebbe comparso all'inizio dell'udienza di mercoledì, in precedenza aveva detto che intendeva prendere posizione e difendersi. Se verrà dichiarata non colpevole, sarà completamente prosciolta dalle accuse legate all'omicidio della Kercher.

“Non ho paura Per tornare in Italia Prendi posizione in mia difesa”, ha scritto su X a dicembre.

“Non ero ancora pronto a farlo quando avevo 20 anni”, ha continuato. “Dopo tutti questi anni, finalmente sono qui. Voglio che mia figlia e mio figlio vedano come difendono la verità e i tuoi principi.

Rudy Good, un immigrato della Costa d'Avorio, è stato riconosciuto colpevole dell'omicidio di Kercher durante un processo separato e condannato a 16 anni di prigione nel 2008. Nel dicembre 2020, un tribunale italiano ha stabilito che avrebbe potuto completare il suo mandato con il servizio sociale. È stato rilasciato dalla prigione l'anno successivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *