Il tribunale italiano sospende il processo contro il personale delle Nazioni Unite nel caso dell'omicidio dell'ambasciatore congolese – Giurista

Martedì un giudice italiano ha stabilito che due dipendenti dell'agenzia delle Nazioni Unite non possono essere perseguiti Vittime Un diplomatico italiano, la sua guardia del corpo e un autista nella Repubblica Democratica del Congo (RDC), secondo un quotidiano romano. Fato Cotiziano. Nel corso dell'udienza preliminare, il giudice Marisa Moschetti, ONU Ha scoperto che i dipendenti dell'agenzia godono dell'immunità diplomatica salvo qualsiasi indagine italiana.

Il caso è iniziato nel 2021 Vittime L'ambasciatore italiano nella RDC Luca Attanasio, la sua guardia del corpo Vittorio Iacovaci e l'autista Mustafa Milambo. Tutti e tre sono stati uccisi durante un fallito tentativo di rapimento mentre si recavano a un progetto del Programma alimentare mondiale (WFP). Nel 2023, un tribunale militare locale colpevole Sei persone sono responsabili dell'attacco vicino al Parco Nazionale Virunga, nella parte orientale della RDC. Tribunale Condannato Sei persone coinvolte negli omicidi sono state condannate all'ergastolo.

La Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio di Rocco Leone e Mansour Lukuru Ruwakasa, che erano rispettivamente vice capo del PAM della RDC e responsabile della sicurezza al momento dell'attacco. Il governo cercò di ritenere Leon e Ravagasa responsabili della morte di Attanasio e del suo convoglio, accusandoli di negligenza nell'organizzazione della spedizione.

Mosetti ha affermato nella sentenza di martedì a Roma che l'ONU. In quanto dipendenti dell'agenzia, i due hanno ricevuto l'immunità diplomatica e sono stati quindi protetti da procedimenti penali. Sul tema dell'immunità è intervenuto un avvocato del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Udienza del 24 gennaio. L'avvocato alla fine ha esortato la corte a garantire l'immunità per i due dipendenti delle Nazioni Unite, nonostante alcune domande sulla corretta procedura per comunicare l'immunità che l'Ufficio del Procuratore Generale ha cercato di utilizzare nelle sue argomentazioni.

READ  L'italiano Meloni, che è in testa alle urne, dice di non essere minacciato

Martedì, il padre di Attanasio, Salvatore Attanasio, ha detto al Fatto Cotitiano che il verdetto della corte è stata una decisione agrodolce, annunciata pochi giorni prima del terzo anniversario dell'omicidio di suo figlio. La Procura di Roma ha detto che intende ricorrere in appello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *