Il supervulcano della California è dormiente, ma gli scienziati dicono che è turbolento: ScienceAlert

Lo suggerisce un nuovo studio condotto dai ricercatori del California Institute of Technology (CIT). Caldera della lunga valle Nella California orientale si agita e si rigira incessantemente mentre la profonda camera magmatica si raffredda per un lungo, lungo sonno.

L’ultima volta che il vulcano ha eruttato è stata Quasi 100.000 anni fa. Molto prima, fu espulsa abbastanza cenere da seppellire la moderna città di Los Angeles sotto un chilometro di sedimenti.

Oggi, il vulcano Long Valley è in uno stato relativamente lento. Ma le cose non sono tranquille sul fronte orientale della California. Alla fine degli anni ’70, uno sciame di terremoti iniziò a lanciarsi dalla caldera – Depressione Che si trova sopra il vulcano sepolto.

Nei decenni successivi, il vulcano produsse periodi regolari di “apparenti disturbi”, che causarono il rigonfiamento e lo sgonfiamento del terreno.

Fortunatamente, questo non è necessariamente un segno di rovina imminente. I ricercatori del CIT hanno ora trovato prove che tutta questa attività inquietante è dovuta al raffreddamento del supervulcano, non al riscaldamento.

“Non pensiamo che la regione si stia preparando per un’altra massiccia eruzione vulcanica, ma il processo di raffreddamento potrebbe rilasciare abbastanza gas e liquidi da causare terremoti e piccole esplosioni”. Lui dice Il geofisico Zhongwen Zhan.

“Ad esempio, nel maggio 1980, nella sola zona si sono verificati quattro terremoti di magnitudo 6”.

I risultati del team si basano sui dati raccolti da un cavo in fibra ottica lungo 100 chilometri, utilizzando il rilevamento acustico distribuito.

Nel corso di un anno e mezzo, i ricercatori del Caltech hanno utilizzato questo sistema interconnesso – l’equivalente di 10.000 sismometri individuali – per catalogare più di 2.000 eventi sismici, molti dei quali non avrebbero potuto essere avvertiti dagli esseri umani sulla Terra.

READ  Gli astronomi vedono le lune formarsi in un disco attorno a un lontano esopianeta

Questi dati sono stati poi inseriti in un algoritmo di apprendimento automatico, che ha trasformato le misurazioni in una mappa ad alta risoluzione della caldera e del vulcano che si trova sotto di essa.

Questa è la prima volta che una rete di sensori acustici distribuiti in profondità ha rivelato la dinamica interna della Terra, afferma Ettore Biondi, sismologo del Caltech e primo autore dello studio.

le immagini prodotto Il team afferma che questi oggetti hanno una “risoluzione laterale eccezionale” a profondità fino a 8 chilometri. Anche le immagini delle parti più profonde, fino a 30 chilometri di profondità, sono state catturate con un “straordinario livello di dettaglio”.

I risultati mostrano una chiara disconnessione tra la grande camera magmatica del vulcano, situata a 12 chilometri sotto la superficie, e il sistema idrotermale superficiale situato sopra di essa.

Sembra che quando la camera profonda si raffredda, gas e liquidi salgono verso la superficie, causando potenzialmente terremoti e rigonfiamento della Terra.

Un diagramma raffigurante la camera magmatica sotto la Caldera di Long Valley. Il diagramma è stato sviluppato dalla tomografia utilizzando onde sismiche. (Biondi et al. Progresso della scienza2023)

Questo effetto di ebollizione potrebbe “stimolare marcate deformazioni superficiali e terremoti”, hanno detto i ricercatori. Lui scrive.

Questo è diverso e molto meno pericoloso di ciò che accade durante un’eruzione vulcanica attiva, quando il magma in una camera vulcanica si spinge nella crosta superiore e fuori nel mondo.

Il modo in cui l’attività sismica viaggia attraverso questi strati suggerisce che la parte superiore della camera magmatica contiene una calotta solidificata di roccia cristallizzata, che si raffredda nel tempo.

Con la fine dell’attività del supervulcano, dicono i ricercatori Lui dice Il suo “cuore che batte” rallenta gradualmente.

Il team prevede di misurare quegli ultimi impulsi a una profondità di 20 km utilizzando un cavo di sensori sismici lungo 200 km.

READ  Come guardare la pioggia di meteoriti delle Perseidi - l'ultimo evento celeste dell'estate

Lo studio è stato pubblicato in Progresso della scienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *