Il ritiro dell’Italia dalla BRI fa luce sui legami in vista del vertice UE-Cina | IFRI

Nessuno dei due paesi ha confermato ufficialmente il ritiro dell’Italia, ma la notizia è stata ampiamente riportata mercoledì dai media che citano fonti governative. Si ritiene che l’Italia abbia presentato formalmente la sua proposta pochi giorni fa. I partner BRI sono obbligati a dare un preavviso di tre mesi prima di rinnovare automaticamente la loro adesione per cinque anni e l’adesione dell’Italia è prevista per marzo.

Il primo ministro Giorgia Meloni, leader della destra italiana, non ha fatto commenti sulla sua volontà di abbandonare l’adesione. Ancor prima di entrare in carica nell’ottobre dello scorso anno, aveva affermato che la decisione dell’Italia di aderire alla BRI nel 2019 era stata un “grave errore”. A settembre il ministro degli Esteri si era lamentato del fatto che la BRI non aveva prodotto i risultati attesi.

Distillare gli afflussi della BRI dai dati sugli investimenti è difficile, ma il crescente squilibrio commerciale tra Cina e Italia lo dice chiaramente. Secondo il Fondo monetario internazionale, le esportazioni italiane verso la Cina sono aumentate del 19% a 17,3 miliardi di dollari dal 2019 al 2022, ma le sue importazioni dalla Cina sono aumentate di quasi il 71% a 60,5 miliardi di dollari nello stesso periodo.

[…]

Ha detto che l’incontro di Pechino sarà “un vertice ghiacciato” visti i punti critici tra Cina ed Europa sulle questioni geopolitiche, in particolare le relazioni cordiali di Pechino con il presidente russo Vladimir Putin, che è stato sanzionato dall’Occidente nella guerra della Russia con l’Ucraina. Giuliano. L’Europa vuole che la Cina metta fine alla guerra, ma Pechino rifiuta di condannare Putin.

Tuttavia, mentre l’Europa cerca di prendere le distanze dalla Cina, anche i singoli paesi si rendono conto della necessità di mantenere rapporti di lavoro con la seconda economia mondiale. Al vertice del G20 di Bali a settembre, Meloni ha affermato che il ritiro dell’Italia dalla BRI “non comprometterebbe le relazioni con la Cina”, ponendo le basi per tale mossa.

Il prossimo anno l’Italia assumerà la presidenza del G7 Giuliano Rome ha detto di aver fatto il punto e di essersi resa conto che, sebbene la relazione fosse diventata “costosa per la sua immagine”, non aveva “nessun beneficio”.

[…]
READ  I più ricchi d'Italia (18 luglio 2023)

Ma già a settembre, il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha elogiato il fruttuoso rapporto con l’Italia nell’ambito della BRI dopo un incontro con la sua controparte italiana.

Tuttavia, gli analisti sostengono che la reazione di Pechino potrebbe essere moderata. “Non è nel suo interesse reagire in modo troppo forte in questo ambiente”, ha detto Giuliano.

[…]

>> Leggi l’articolo completo sul sito Nikki Asia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *