Il Pakistan lancia attacchi contro l'Iran due giorni dopo l'attacco missilistico

  • Scritto da Francesco Mao
  • BBC Notizie, Singapore

Commenta la foto,

Le misure di sicurezza sono state rafforzate nella provincia pakistana del Balochistan dopo un attacco missilistico iraniano al confine

Il Pakistan ha lanciato attacchi missilistici di ritorsione sul vicino Iran, due giorni dopo che l’attacco iraniano aveva infiammato le relazioni tra i due paesi.

Il Pakistan ha affermato che i suoi attacchi hanno colpito “nascondigli terroristici” nella provincia di confine del Sistan e del Baluchestan.

I media iraniani hanno riferito che tre donne e quattro bambini sono stati uccisi.

L'attacco del Pakistan arriva dopo la sua rabbia per l'attacco iraniano, che secondo Teheran prendeva di mira gruppi terroristici.

I due paesi si accusano a vicenda da tempo di ospitare gruppi militanti che lanciano attacchi dalle aree lungo il confine condiviso.

Ma un’azione militare formale tra Pakistan e Iran sulla questione è rara, e i due paesi di solito mantengono relazioni amichevoli, anche se fragili.

Giovedì il ministero degli Esteri pakistano ha confermato i suoi attacchi, di cui mercoledì sera i media iraniani sono stati i primi a riferire.

Ha detto che il Pakistan “rispetta pienamente” la “sovranità e l'integrità territoriale” dell'Iran, ma la sua azione di giovedì è stata “una manifestazione della ferma determinazione del Pakistan a proteggere e difendere la propria sicurezza nazionale contro tutte le minacce”.

L'azione militare del Pakistan arriva dopo che il Pakistan ha condannato fermamente l'attacco iraniano di martedì, che secondo Islamabad ha ucciso due bambini.

Teheran ha avvertito delle “gravi conseguenze” di questo atto “illegale”, ha impedito all'ambasciatore iraniano di tornare nel Paese e ha ritirato il suo ambasciatore dal Pakistan.

L'Iran ha insistito sul fatto che i suoi attacchi miravano solo a Jaish al-Adl, che classifica come gruppo terroristico, e non ai cittadini pakistani.

Ma Islamabad, arrabbiato, dubitava che il raid fosse avvenuto “malgrado la presenza di diversi canali di comunicazione”.

All’inizio di questa settimana, l’Iran ha anche attaccato obiettivi in ​​Iraq e Siria.

Gli attacchi aerei arrivano in un periodo significativo di disordini in Medio Oriente, con l’intensificarsi della guerra tra Israele e il movimento palestinese di Hamas a Gaza e gli attacchi del movimento Houthi dello Yemen, sostenuto dall’Iran, sulle navi nel Mar Rosso.

Teheran ha affermato di non voler essere coinvolta in un conflitto più ampio.

Ma i gruppi del cosiddetto “asse della resistenza”, che comprende gli Houthi e gli Hezbollah in Libano e vari gruppi in Siria e Iraq, stanno effettuando attacchi contro Israele e i suoi alleati per mostrare solidarietà ai palestinesi.

La settimana scorsa, anche gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno lanciato attacchi aerei contro gli Houthi dopo che avevano attaccato navi commerciali.

READ  Una volta eravamo filo-russi... ma ora abbiamo cambiato le nostre posizioni per difendere l'Ucraina contro Vladimir Putin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *