Il capo del negozio Bury Chicken perde £ 12.000 in una controversia sul marchio Tesla

Commenta la foto,

Amanj Ali, capo di Colorado Chicken, si è opposto al tentativo di Tesla di registrare il proprio nome per servizi di ristorazione nel Regno Unito.

Il proprietario di un negozio di polli dell'area metropolitana di Manchester che ha affrontato Tesla in una controversia sul marchio è stato lasciato di tasca propria con 12.000 sterline dopo aver perso la causa.

Amanj Ali, 41 anni, possiede il marchio “Tesla Chicken & Pizza”, che ha registrato come uno dei nuovi piatti pronti.

Si è poi opposto al tentativo del produttore di auto elettriche Tesla di proteggere il suo marchio di servizi di cibo e bevande nel Regno Unito.

Tesla ha sostenuto che il marchio del signor Ali trarrebbe beneficio dalla sua reputazione. La BBC ha contattato Tesla per un commento.

Il signor Ali è proprietario del ristorante Colorado's Chicken a Pori e nel maggio 2020 ha registrato “Tesla Chicken & Pizza” presso l'Ufficio per la proprietà intellettuale (IPO) nella Classe 43 per servizi di cibo e bevande.

Lui ha detto che l'ispirazione per il suo marchio è la stessa del gigante automobilistico, l'inventore e ingegnere elettrico serbo-americano Nikola Tesla.

Quando gli è stato chiesto perché volesse intitolare la sua azienda a Nikola Tesla, ha detto: “Era un uomo intelligente… Quando ero giovane, leggevo di lui e guardavo le sue foto”.

Il signor Ali ha detto che Tesla non ha sollevato obiezioni al suo marchio durante il consueto periodo di due mesi dopo la registrazione, quando può essere presentata un'opposizione.

Ma nel novembre 2021 ha ricevuto un’e-mail dall’IPO.

“[It] Mi stava dicendo che qualcuno ha cercato di iscrivere Tesla nella sua stessa classe… Veniva dagli Stati Uniti e stavo pensando: chi è questo?

Tesla ha richiesto la protezione per i suoi marchi internazionali nel Regno Unito nella categoria alimenti e bevande, che comprende anche ristoranti pop-up, self-service e da asporto.

Il signor Ali si oppose perché credeva che se Tesla fosse riuscito a depositare il marchio, avrebbero tentato di invalidare il suo marchio per l'azienda che voleva far crescere.

Commenta la foto,

Nell'agosto 2020, il signor Ali ha creato un logo per la sua futura azienda

Come aveva previsto Ali, nel settembre 2022 Tesla ha presentato istanza di nullità del suo marchio, sostenendo che “Tesla”, registrato nel 2013, aveva una reputazione così consolidata che il suo marchio sarebbe stato sfruttato ingiustamente.

Nell'ambito del suo caso, Tesla ha cercato di sostenere di avere “buona fede” nel settore alimentare e delle bevande – una reputazione consolidata che può essere utilizzata per proteggere un marchio non registrato – a causa del tweet di Elon Musk del gennaio 2018 secondo cui Tesla intendeva aprire un ristorante con il marchio Tesla.

Salta il contenuto di Twitter, 1

Vuoi consentire i contenuti di Twitter?

Questo articolo contiene contenuti forniti da Twitter. Chiediamo il tuo permesso prima di caricare qualsiasi cosa, poiché potrebbero utilizzare cookie e altre tecnologie. Potresti voler leggere Twitter Gestione dei Cookie E politica sulla riservatezza Prima dell'accettazione. Per visualizzare questo contenuto, seleziona Accetta e continua.

Fine dei contenuti di Twitter, 1

Ma il funzionario auditore dell'IPO, il signor A. James, ha descritto queste prove come “senza speranza” e ha affermato che non esiste alcuna base legale per tale “attendibile buona fede”.

Ali ha detto che avrebbe fatto ricorso contro la decisione se avesse avuto i soldi, ma non voleva spendere di più, e la disputa di due anni lo stressava “ogni giorno”.

“Ad essere sincero, non riuscivo a dormire bene… e a volte non riuscivo a lavorare”, ha detto.

“Immagina che io sia solo un piccolo uomo d'affari che gestisce un negozio di polli, e che sta nascendo una grande azienda di proprietà dell'uomo più ricco del mondo.”

Commenta la foto,

Nel gennaio 2018, Elon Musk disse che Tesla avrebbe aperto un ristorante in “una delle nuove sedi Tesla Supercharger a Los Angeles”.

Secondo i documenti del tribunale, Tesla ha affermato che nelle comunicazioni tra le parti successive all'opposizione del signor Ali, si era offerto di vendere il suo marchio per £ 750.000.

Il signor Ali sostiene che questo è stato il risultato di un errore commesso dal suo ex avvocato, dopo che Tesla gli aveva offerto 750 sterline e aveva detto al suo avvocato che avrebbe preso in considerazione l'offerta “se ci fosse una K accanto”.

“Non avrei mai pensato che un giorno avrei venduto il mio marchio a Tesla”, ha detto. “Se avessi voluto venderlo a loro, avrei semplicemente comprato la parola Tesla”.

READ  Perché a londra c'è più luce del giorno che a sydney?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *