I giocatori PC di Helldivers 2 stanno ottenendo rimborsi poiché Steam rinuncia al limite di tempo di gioco

Steam sta rimborsando ai giocatori centinaia di ore di gioco in Helldivers 2 dopo che l'editore Sony e lo sviluppatore Arrowhead hanno detto ai giocatori PC che per continuare a giocare oltre il mese prossimo, dovranno collegarsi a un account PSN.

Un giocatore è riuscito a ottenere un rimborso tramite Steam nonostante avesse giocato a Helldivers 2 per oltre 90 ore semplicemente inviando una richiesta di rimborso con il messaggio: “Sony ha cambiato retroattivamente il funzionamento del gioco e mi ha imposto accordi legali che non accetto. “

Rimborsi su Steam Work: ecco un bravo ragazzo Steam accetta una logica semplice e diretta.
diu/lockes5hadow InSubacquei

Oggi abbiamo appreso che Helldivers 2 è stato ritirato dalla vendita in 177 paesi e territori poiché i requisiti di tethering di PlayStation Network (PSN) entrano in vigore, anche quando PSN non è disponibile.

Lo sviluppatore Arrowhead ha affermato che questi requisiti di collegamento sono stati resi facoltativi quando il gioco è stato rilasciato all'inizio di febbraio a causa di problemi tecnici. Tuttavia, il “periodo di grazia” iniziale per i giocatori di Helldivers 2 su Steam è terminato e venerdì l'editore di Helldivers 2 ha annunciato che presto ai giocatori di Steam verrà richiesto di collegarsi a un account PSN.

Da allora, il gioco ha ricevuto oltre 200.000 recensioni negative dai giocatori di Helldivers 2 su Steam.

Guarda su YouTube

Joan Pilestedt, CEO di Arrowhead e direttore creativo di Helldivers 2, ha risposto a commenti, domande e lamentele con apertura e gentilezza per tutto il fine settimana. Raccontare I giocatori hanno affermato che, sebbene lo studio “non sia responsabile della vendita del gioco” e “non sappia perché non sia possibile creare un account in diverse parti del mondo”, esso stesso “ha un ruolo da svolgere” in questa confusione.

“Non sono innocente in tutto questo: è stata una mia decisione disabilitare il collegamento dell'account al momento del lancio in modo che i giocatori potessero giocare”, ha detto Bilstedt. “Non mi sono assicurato che i giocatori fossero a conoscenza dei requisiti e non ne abbiamo parlato abbastanza.

“Sapevamo circa sei mesi prima del lancio che sarebbe stato obbligatorio per i titoli PS online.”

Billstedt ha affermato che il team sta ancora “parlando di soluzioni con PlayStation, soprattutto per i paesi non PSN”.

“La tua voce è stata ascoltata e sto facendo tutto il possibile per parlare a nome della comunità, ma non ho l'ultima parola”, ha detto oggi.

READ  Aggiungi acconciature nere a Monster Hunter Rise • Eurogamer.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *