HSI restituisce all’Italia una rara lettera di Colombo del XV secolo

ROMA – Patrick J. Lechleitner, vicedirettore e direttore ad interim senior per l’immigrazione e l’applicazione delle dogane (ICE) degli Stati Uniti, si è recato a Roma il 19 luglio per restituire alle autorità italiane la lettera originale di Colombo del XV secolo rubata. inchiesta internazionale.

“È per me un piacere essere qui per celebrare la restituzione di questo importante manufatto ai suoi legittimi proprietari – il popolo italiano – e vorrei ringraziare il nostro ufficio di HSI Attaché Rome per l’eccellente collaborazione con i nostri colleghi internazionali e HSI Wilmington per il loro straordinario lavoro nell’identificarlo, rintracciarlo, recuperarlo e restituirlo. “Questa è la quarta versione originale di questa lettera che è stata rubata negli ultimi decenni e non potremmo essere più felici di restituirla. L’Italia e gli Stati Uniti mantengono un forte partenariato, in particolare in materia di applicazione della legge; Dalle indagini sul traffico di droga e dall’interruzione delle reti di riciclaggio di denaro alla lotta alla criminalità informatica e all’eliminazione della criminalità organizzata, siamo più che alleati e amici: siamo partner a pieno titolo nella lotta contro la criminalità.

Nel marzo 1493, l’esploratore Cristoforo Colombo scrisse una lettera annunciando le sue scoperte al re Ferdinando e alla regina Isabella, che sponsorizzarono il suo viaggio nel Nuovo Mondo. La lettera fu inviata a Roma, dove fu stampata come opuscolo in latino da Stephen Blanc, un importante stampatore dell’epoca, e distribuita alle biblioteche di tutta Europa. Il tipografo omise erroneamente il nome della regina dall’introduzione dell’opuscolo (la versione nota come Plannck I), ma ben presto si rese conto del suo errore e pochi giorni dopo ristampò l’opuscolo con il nome della regina (la versione nota come Plannck II).

READ  L'Italia ha condannato il riconoscimento da parte di Putin delle aree controllate dai ribelli in Ucraina

Nel settembre 2011, HSI Wilmington ha ricevuto informazioni riguardanti diversi falsi di versioni latine stampate a mano del XV secolo, comunemente note come Columbus Letter. Le indagini fino ad oggi hanno portato al furto di tre lettere Plannck II Columbus dalla Biblioteca Nazionale della Catalogna a Barcellona; la Biblioteca Ricardiana di Firenze; E la Biblioteca Apostolica Vaticana nella Città del Vaticano è stata scoperta, sequestrata e restituita da HSI Wilmington.

Nel giugno 2018, HSI Wilmington e HSI Rome hanno chiesto a un esperto di libri rari della Princeton University di compilare un elenco completo di tutte le lettere di Colombo conosciute in Italia su cui avevano lavorato dall’inizio dell’indagine. Durante un inventario fisico condotto nel 1988, HSI Wilmington scoprì una copia della lettera Planck I Columbus precedentemente di proprietà della Biblioteca Nazionale Marciana (“Biblioteca Nazionale Marciana”) a Venezia. Nel settembre 2018, Garab si è recato con Garbini e funzionari italiani alla Biblioteca Nazionale.

Sulla base delle scoperte dello specialista di libri rari e di ulteriori analisi condotte dal personale del Museum Preservation Institute dello Smithsonian Institution, è stato stabilito che la lettera di Plannck I Colombo rubata dalla Biblioteca Nazionale Marciana potrebbe essere la stessa lettera di Colombo nella collezione di una biblioteca privata negli Stati Uniti. HSI ha collaborato con l’ufficio del procuratore degli Stati Uniti per il distretto del Delaware per recuperare la lettera contattando l’esattore, che ha collaborato alle indagini.

Il saccheggio di manufatti storici e culturali è una delle forme più antiche di criminalità organizzata transnazionale, ed è quell’aspetto transnazionale che dà a HSI la capacità di indagare su questi casi. Le leggi doganali statunitensi autorizzano HSI a svolgere un ruolo di primo piano nelle indagini sui crimini legati all’importazione, esportazione e distribuzione illegali di beni culturali, arte e antichità. A sostegno di questa specifica area, HSI ha sviluppato il programma Cultural Property, Art and Antiquities (CPAA), che aiuta a preservare e proteggere il patrimonio culturale mondiale e la conoscenza delle civiltà del passato. Lavorando con agenzie specializzate nel settore, CPAA conduce formazione e sensibilizzazione, supporta indagini sui beni culturali (come quelle condotte da HSI Wilmington e HSI Roma) e migliora le relazioni internazionali con i governi stranieri per recuperare il patrimonio culturale saccheggiato e la storia rubata del loro paese.

READ  I più ricchi d'Italia (18 luglio 2023)

Dal 2007, le indagini HSI hanno portato alla restituzione di oltre 20.000 articoli in più di 40 paesi e aziende. Gli oggetti restituiti includono arte saccheggiata dai nazisti, dipinti francesi, sarcofagi egizi, sculture italiane, monete romane, vasi greci, manoscritti miniati, fossili di dinosauri mongoli e cinesi e resti umani.

Nell’anno fiscale 2022, il programma CPAA di HSI ha rimpatriato beni culturali in più di 15 paesi, tra cui Francia, India, Iraq, Italia e Mali. Gli oggetti restituiti includono tavolette cuneiformi, manufatti religiosi e disegni architettonici rubati dalle comunità ebraiche durante l’Olocausto.

Seguici su Twitter @HSI_HQ Scopri di più sulle missioni e operazioni globali di HSI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *