Hamas afferma che l'ostaggio britannico-israeliano Nadav Popplewell “è morto in un attacco aereo”

Sabato Hamas ha annunciato che l'ostaggio britannico-israeliano era morto a Gaza, poco dopo la diffusione di un video in cui sembrava essere vivo.

Le Brigate Izz al-Din al-Qassam, il braccio armato di Hamas, hanno pubblicato sabato mattina un video di 11 secondi che mostra Nadav Popplewell, 51 anni, che conferma il suo nome e la sua casa nel Kibbutz Nirim, nel sud di Israele.

Popplewell è nato nella città di Wakefield, nello Yorkshire, ma vive in Israele da almeno due decenni.

Non è chiaro quando sia stato girato il video né in che stato si trovasse. Il video mostra un livido sull'occhio destro.

Al filmato viene aggiunto un testo in arabo ed ebraico che dice: “Il tempo sta per scadere. “Il vostro governo sta mentendo”.

Il Telegraph non mostra il video o le foto perché è stato ripreso sotto costrizione.

Popplewell “non ha ricevuto cure mediche approfondite”.

Questo è stato originariamente interpretato come il primo segno della vita del 51enne, rapito dal gruppo terroristico il 7 ottobre insieme alla madre, poi rilasciata.

Ma il movimento ha poi affermato in un comunicato che è morto per le ferite riportate in un attacco aereo israeliano più di un mese fa.

Hamas ha affermato in un comunicato che Popplewell era tenuto in ostaggio quando un missile israeliano ha colpito il luogo in cui erano tenuti.

Il portavoce Abu Ubaida ha detto: “È morto perché non ha ricevuto cure mediche intensive nelle strutture mediche a causa della distruzione degli ospedali a Gaza da parte del nemico”.

L'esercito israeliano non ha fornito un commento immediato sull'ultimo video.

READ  La Gran Bretagna impone sanzioni all'oligarca russo Gennady Timchenko e a cinque banche

Ha fatto riferimento ai precedenti video di ostaggi rilasciati da Hamas come terrorismo psicologico e ha anche negato alcune delle precedenti accuse del movimento secondo cui gli ostaggi sarebbero stati uccisi dal fuoco israeliano.

Popplewell è stato prelevato dalla stanza sicura

Popplewell è descritto come un avido lettore e fan della fantascienza, un padre di famiglia a cui piace giocare a bridge con gli amici nel kibbutz e si diverte a guardare le serie TV, secondo Bring Them Home Now, un'organizzazione israeliana creata da famiglie di ostaggi.

È stato arrestato da una stanza sicura nella sua casa con sua madre, Hannah Berry, doppia cittadinanza sudafricana. Successivamente è stata rilasciata durante il primo cessate il fuoco a novembre.

Il fratello maggiore del signor Popplewell, Roy, è stato ucciso nell'attacco.

Sua sorella, Ayelet Svalitsky, che ha condotto una campagna a Londra dopo gli attacchi terroristici per il rilascio della sua famiglia, ha parlato di come ha perso tutta la sua famiglia il 7 ottobre.

Questo video è il terzo di un ostaggio di Hamas rilasciato in meno di un mese.

Il 27 aprile, il gruppo ha pubblicato un video che mostrava due persone vive: Keith Siegel e Omri Miran.

Tre giorni prima era stato trasmesso un altro video in cui Hirsch Goldberg Pauline era in ostaggio vivo.

In quel filmato, Goldberg Bolin ha affermato che circa la metà dei rimanenti ostaggi israeliani rapiti da Hamas sono stati uccisi durante i combattimenti a Gaza.

Ha affermato che almeno 70 dei restanti 128 ostaggi sono stati uccisi a Gaza dai bombardamenti israeliani, il che probabilmente era una ripetizione di ciò che gli avevano detto i suoi rapitori.

READ  Si prevede che i leader europei si raduneranno attorno a Zelenskyj al vertice spagnolo

Il comitato forense ufficiale israeliano ha stimato il numero a 36.

Ciò è avvenuto quando Joe Biden ha detto che ci sarebbe stato un cessate il fuoco “domani” se Hamas avesse rilasciato i rimanenti ostaggi israeliani.

Intervenendo ad un evento di raccolta fondi a Seattle, Biden ha detto: “Spetta ad Hamas” fermare i combattimenti nella regione.

Ha detto: “Ci sarà un cessate il fuoco domani se… Hamas rilascerà gli ostaggi, le donne, gli anziani e i feriti”.

“Israele ha detto che spetta ad Hamas se vuole farlo, possiamo finirlo domani. Il cessate il fuoco inizierà domani”, ha aggiunto.

Una valutazione dell'intelligence americana vista dal Wall Street Journal il mese scorso ha concluso che più della metà degli ostaggi potrebbero essere morti.

Circa 252 persone sono state rapite nella Striscia di Gaza il 7 ottobre quando i militanti di Hamas hanno attaccato il sud di Israele.

L'attacco ha provocato la morte di oltre 1.170 israeliani e stranieri, la maggior parte dei quali civili, secondo un conteggio preparato dall'Agence France-Presse sulla base di dati ufficiali israeliani.

Secondo il Ministero della Sanità dell'enclave gestita da Hamas, nella campagna militare di ritorsione di Israele a Gaza, finora sono state uccise almeno 34.971 persone, la maggior parte delle quali donne e bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *