Gladiatore rumeno: Raiders Baldonado ha lasciato l’Italia per intraprendere la carriera nel calcio

Cresciuto a Roma, Habakkuk Baldonado non aveva mai sentito parlare di football americano fino all’età di 13 anni e i suoi genitori aggiunsero un nuovo pacchetto sportivo al loro contratto televisivo.

Ma qualcosa nel gioco ha immediatamente attratto l’italiano.

“L’ho appena visto in TV e sembrava interessante”, ha detto Baldonado. “È uno sport di squadra assoluto, quindi ho potuto trovare una famiglia in tutte le squadre in cui ho giocato. Adoro giocare con gli altri e il fattore responsabilità.

“Non direi che sia violento o aggressivo, ma ha molta intensità e questo mi piace.”

Sebbene non sia stato introdotto a questo sport fino all’adolescenza, Baldonado ha aperto un percorso che lo ha portato oltre l’Atlantico per giocare in America e infine in Canada come membro dei Saskatchewan Roughriders della Canadian Football League.

I Riders proveranno a porre fine a una serie di sei sconfitte consecutive sabato quando ospiteranno i Toronto Argonauts. L’inizio della partita è previsto alle due del pomeriggio

Baldonado non ha iniziato a giocare fino all’età di sedici anni.

Il 24enne ha detto: “Crescendo, ho praticato molti sport diversi e penso che alla fine tutti questi sport mi abbiano aiutato a diventare un calciatore migliore”. “Sono naturalmente super competitivo, quindi miro alla grandezza e cerco di migliorare ogni giorno.”

All’età di 17 anni aveva deciso di trasferirsi in Florida per continuare a giocare.

“È stata una grande transizione quando avevo 17 anni e mi sono trasferito (in Nord America) da solo e da allora sono rimasto per conto mio. Ne è valsa decisamente la pena ed è stato molto divertente, – ha raccontato Baldonado – Uno dei miei allenatori italiani era in contatto con un allenatore “della Florida e mi ha messo in contatto con l’allenatore della Florida e mi sono trasferito subito”.

READ  Olimpiadi invernali in diretta: GB ha battuto la Cina nel curling mentre Julia Marino vince il primo argento negli Stati Uniti

Baldonado ha giocato la sua prima stagione di football al liceo alla Clearwater International Academy di Clearwater, in Florida, e lì ha registrato 30,5 licenziamenti quella stagione.

Non si trattava solo di un nuovo livello di competizione a cui la squadra difensiva doveva abituarsi, ma anche di diversi cibi e stranezze americane, come l’ananas sulla pizza.

“Sono rimasto sorpreso dal cibo che mangiano negli Stati Uniti, è diverso. Ma l’Italia è conosciuta per il suo cibo”, ha detto Baldonado. “Il primo posto in cui sono andato a mangiare è stato Hooters quando sono andato in Florida, quindi era completamente diverso. “

La sua prestazione sul campo lo ha portato a ricevere offerte dai college per continuare a giocare al livello successivo.

“È stato molto divertente. Ho lavorato per realizzarlo, quindi non posso dire che sia stato inaspettato perché è quello per cui stavo lavorando. Ma è stato fantastico”, ha detto Baldonado.

Ha scelto di giocare per i Panthers dell’Università di Pittsburgh e con loro ha registrato 99 contrasti e 15 licenziamenti in 40 partite. Sebbene non sia stato selezionato nel Draft NFL, è stato scelto al secondo turno (12esimo assoluto) dai Riders nel CFL World Draft.

Ma prima di venire in Canada, ha avuto l’opportunità di firmare con i New York Giants. Ha frequentato il training camp ed è apparso in tre partite di preseason per il club NFL, registrando quattro contrasti e un licenziamento.

“È stato molto divertente. Sono competitivo e lavoro. Ho giocato con loro nel pre-campionato e ho avuto un ottimo pre-campionato – ha detto Baldonado -. È stato interessante, ma se lavori duro per ottenere qualcosa, puoi sempre riuscirci.”

READ  Il giovane laziale che ha "presumibilmente 42 anni" lascia l'Italia e inizia la sua carriera in un nuovo paese

Alla fine fu rilasciato e invece di aspettare di vedere se si sarebbe presentata un’altra opportunità nella NFL, Baldonado scelse di trasferirsi in Canada e firmare con i Raiders.

“Non mi piace stare a lungo senza far nulla”, ha detto Baldonado. “(I Giants) mi hanno rilasciato e ho pensato: ‘Sai una cosa? Invece di aspettare che un’altra squadra mi chiami, andiamo a giocare nella CFL e vediamo cosa succede. “

Ora, a soli sette anni dal suo trasferimento negli Stati Uniti, Baldonado è apparso in tre partite con i Raiders, registrando due contrasti difensivi e un contrasto per sconfitta.

Ha aggiunto: “Questo è il mio lavoro e questo è quello che faccio”. “Quando mi metti lì, agisco.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *