Francesco Farioli giustifica l’interesse del Sunderland mostrando a Kylian Mbappe e al Paris Saint-Germain come si fa

Il Sunderland si stava avvicinando alla penultima partita della stagione contro il Watford quando l’allenatore dell’Alanyaspor Francesco Farioli è stato collegato al trasferimento al Wearside.

Sembrava strano in quel momento dato che la squadra di Tony Mowbray era ancora in lizza per i play-off del campionato e si sarebbe effettivamente qualificata per la lotteria di fine stagione. I Black Cats sono stati battuti dai vincitori degli spareggi Luton in due gare, nonostante avessero preso il comando nella gara di ritorno a Kenilworth Road.




Il consenso generale allo Stadium of Light era che Mowbray avesse fatto miracoli nel portare la squadra neopromossa a finire tra i primi sei, soprattutto data la mancanza di esperienza in squadra. I rapporti affermavano che Farioli aveva parlato con il Watford della sostituzione di Chris Wilder, mentre il Sunderland voleva nominare l’italiano per la stagione 2023/24.

  • LEGGI DI PIÙ: Il tecnico del Sunderland Tony Mowbray lascia un suggerimento per l’attaccante prima della partita di questo fine settimana contro il Norwich City
  • LEGGI DI PIÙ: Tony Mowbray “ha fede” tirerà fuori il Sunderland dalla sua attuale zona difficile per sfidare
  • Il 34enne non ha allenato né in Inghilterra né fuori dalla Turchia, ma ha fatto parte dello staff tecnico di Roberto De Zerbi al Sassuolo ed è stato molto apprezzato durante la sua permanenza lì. Il Sunderland mostrerà il suo sostegno restando con Mowbray, dopo una stagione impressionante.

    Ciò ha permesso al Nizza, squadra della Ligue 1, di entrare e nominare Farioli in estate dopo che la società si è separata da Lucien Favre. Da allora, l’italiano ha dimostrato la sua abilità come allenatore, con Les Aiglons che è arrivato secondo in Ligue 1, imbattuto nelle prime nove partite.

    READ  MotoGP Mugello: Opzioni analisi Oliveira, tutto resta aperto

    Il Nizza è solo un punto dietro la capolista Monaco, e un punto davanti al Paris Saint-Germain dopo aver battuto i campioni in carica 3-2 in casa all’inizio di quest’anno. È normale che i club abbiano un occhio al futuro o almeno un piano se le cose non vanno bene, quindi non sarebbe una sorpresa se l’italiano fosse legato ad un nuovo trasferimento allo Stadio della Luce.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *