Come la commovente lettera di Jannik Sinner ai suoi genitori dopo la vittoria agli Australian Open nascondeva una dolorosa verità per la stella italiana

Di Josh Alston per Daily Mail Australia

23:02 28 gennaio 2024, aggiornato 23:02 28 gennaio 2024

  • Sinner è diventato il primo italiano a vincere gli Australian Open
  • È diventato un vincitore del Grande Slam quando aveva solo 22 anni
  • Ha dovuto fare grandi sacrifici per raggiungere il suo obiettivo



La stella italiana Jannik Sinner ha conquistato molti cuori quando è diventato domenica il primo vincitore dell'Australian Open oltre ai tre grandi Roger Federer, Novak Djokovic e Rafael Nadal dal 2005.

Ma il 22enne ha anche rivelato l’enorme quantità di abnegazione necessaria per raggiungere l’apice del suo sport.

In superficie, è stata un'ascesa rapida e fulminea verso la vetta per il numero quattro del mondo, che è destinato a ricevere un'altra spinta in classifica dopo la sua vittoria nel Grande Slam.

È diventato il primo italiano a vincere la Coppa d'Australia e solo il secondo a vincere un titolo del Grande Slam nell'era Open.

Lo ha fatto anche dopo aver subito una serie di infortuni al piede nel 2022 che lo hanno visto ritirarsi dal Miami Open e dal French Open ed essere escluso anche dai quarti di finale di Wimbledon contro Djokovic.

Quando aveva 12 anni, Sinner era effettivamente un campione di sport sulla neve in Italia. Ma la sua abilità nel tennis lo ha costretto a prendere una decisione molto difficile durante la sua adolescenza.

Siner (attaccante, centro) deve allenarsi e giocare lontano dai suoi genitori (ultima fila, a sinistra, secondo da sinistra) per anni per raggiungere i suoi obiettivi.
Tutti i sacrifici sono valsi la pena dopo aver vinto il titolo dell'Australian Open domenica a Melbourne Park, con il 22enne che è diventato il primo italiano a vincere il titolo.

Sinner detiene il trofeo dell'Australian Open e attribuisce ai suoi genitori il merito di avergli dato la libertà di dedicarsi al suo nuovo sport che alla fine si è concluso con la gloria del Grande Slam.

READ  Il trasferimento del Nottingham Forest è stato interrotto dopo che l'offerta dell'ala da 9,5 milioni di sterline è stata respinta

“Avrei voluto che tutti avessero i miei genitori perché mi hanno sempre lasciato scegliere quello che volevo”, ha detto.

Ha aggiunto: “Anche quando ero più giovane, ho praticato qualche altro sport e non mi hanno mai fatto pressione. Spero che questa libertà sia possibile per quanti più bambini possibile”. Grazie mille ai miei genitori.

Anche se questo annuncio è stato commovente, quello che ha detto dopo è stato straziante.

“Non li vedo molto spesso, purtroppo”, ha ammesso Sinner nella sua conferenza stampa post partita.

“Ma quando li vedo, è sempre un momento fantastico.”

La stella italiana ha rivelato di essere stato costretto a crescere velocemente lontano dai suoi genitori e ad allenarsi duramente da adolescente in terra straniera.

“Ho lasciato casa quando avevo 14 anni, quindi sono dovuto crescere molto in fretta, provando a cucinare da solo, provando a fare il bucato”, ha detto Sinner.

“Sai, le prime volte è stato diverso, ma poi il contrario, probabilmente è stato il modo più veloce per crescere.

“Penso che sia stato difficile per me, ma neanche per i genitori lasciare il figlio a 14 anni non è facile.

Mi hanno sempre dato [opportunities]Non mi hanno mai fatto pressione e questo è probabilmente il motivo per cui sono qui oggi.

Sono un ragazzo molto rilassato e mi piace giocare a tennis. Ho 22 anni, quindi mi piace anche fare cose normali.

«E questo è tutto. Sono i genitori perfetti. Ovviamente li conosco solo io ma sono fantastici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *