Come i minatori di ratti hanno salvato i lavoratori dal tunnel indiano dopo 17 giorni | Notizie sulla costruzione

Dopo che i macchinari si sono rotti, i minatori di ratti hanno salvato con successo 41 lavoratori intrappolati in un tunnel nell’Uttarakhand, in India.

Quarantuno operai edili. Diciassette giorni. Le speranze di una nazione.

I soccorritori martedì hanno portato una dose di buone notizie in India, salvando 41 uomini che erano rimasti intrappolati sotto un tunnel crollato nello stato indiano himalayano dell’Uttarakhand dal 12 novembre.

Ma dopo giorni di tentativi, non sono stati solo i gadget high-tech ad avere successo: anche una squadra di minatori di topi, che praticavano un mestiere ufficialmente considerato illegale, si è rivelata un salvatore.

Così furono salvati gli operai

Cos’è successo al tunnel dell’Uttarakhand?

Il tunnel Silkiara Pind-Barkot in costruzione nell’Uttarakhand è crollato la mattina presto del 12 novembre. Di conseguenza, i lavoratori edili a bassa retribuzione, provenienti principalmente da altri stati dell’India settentrionale e orientale, sono rimasti intrappolati a 4,5 chilometri (3 miglia) sotto terra.

Il tunnel faceva parte dell’ambizioso programma di pellegrinaggio da 1,5 milioni di dollari del primo ministro indiano Narendra Modi che mira a collegare quattro luoghi di pellegrinaggio indù.

Le autorità non hanno confermato la causa esatta del crollo del tunnel, ma la zona è vulnerabile a frane, terremoti e inondazioni. Il geologo CP Rajendran ha detto ad Al Jazeera che il terreno himalayano contiene rocce molto fragili e “soffre costantemente di problemi di stabilità”.

Un membro del comitato di esperti che indaga sul disastro ha detto alla Reuters che inoltre il tunnel non aveva uscite di emergenza ed è stato creato a causa di un errore geologico.

Come si è sviluppata l’operazione di salvataggio?

Sebbene gli uomini nel tunnel siano stati contattati un giorno dopo il crollo, le operazioni di soccorso hanno dovuto affrontare diversi ostacoli che hanno ritardato l’operazione.

READ  Colpo di stato in Burkina Faso: il nuovo leader Damiba pronuncia il primo discorso

Le squadre di scavo hanno utilizzato macchinari pesanti per scavare verticalmente e orizzontalmente attraverso i rottami. La prima perforatrice si è rotta a causa di un intoppo, interrompendo l’operazione fino all’intervento di una seconda macchina. Tuttavia, dopo aver perforato orizzontalmente circa tre quarti del relitto, anche la seconda macchina si ruppe.

Lunedì scorso, sei minatori dell’India centrale sono stati incaricati di perforare la roccia rimanente con un trapano a mano, utilizzando una tecnica nota come “rat mining”.

In uno sforzo durato più di 24 ore, i minatori hanno lavorato in due squadre di tre persone ciascuna, con una persona che scavava, una seconda che raccoglieva i detriti e una terza che li spingeva fuori dal tubo.

L’operazione di salvataggio ha avuto successo martedì sera quando tutti gli operai sono stati recuperati dal tunnel, con i soccorritori che li hanno portati fuori in barella attraverso un tubo d’acciaio largo 90 cm (3 piedi).

Nasser Hussein, uno dei sei minatori, ha detto: “Quando li abbiamo visti all’interno del tunnel dopo la breccia, li abbiamo abbracciati come se fossero membri di un’unica famiglia”.

La tecnica di scavo a mano che alla fine salvò i lavoratori è nota come estrazione dei topi.

Cos’è l’estrazione dei ratti?

L’estrazione dei buchi dei topi o l’estrazione dei buchi dei topi è il processo di scavo di tunnel stretti scavando manualmente.

Questa tecnica ha preso il nome dalla sua somiglianza con i topi che scavano buche nel terreno. Questa pratica era comunemente usata nello stato nord-orientale di Meghalaya, dove i buchi erano solitamente abbastanza grandi da consentire ai lavoratori di scendere ed estrarre sottili strati di carbone. Per questo motivo ai bambini viene solitamente assegnato questo compito.

READ  La generazione del prepensionamento non ha il diritto di criticare i giovani per essere timidi riguardo al lavoro

La mancanza di ventilazione e di misure di sicurezza ha suscitato polemiche sul metodo, che è stato bandito da un tribunale ambientale nel 2014.

Ma questa pratica continua ad esistere nel settore minerario, in gran parte non organizzato.

Almeno 15 minatori sono stati uccisi in una di queste miniere a Meghalaya dopo essere rimasti intrappolati per più di un mese fino a gennaio 2019. Gruppi per i diritti umani affermano che tra le 10.000 e le 15.000 persone sono morte in tali miniere tra il 2007 e il 2014.

Tuttavia, alcuni minatori coinvolti nell’operazione di salvataggio hanno affermato di essere stati addestrati a Delhi e di non essere minatori di carbone.

Il Primo Ministro dell’Uttarakhand, Pushkar Singh Dhami, ha incontrato alcuni lavoratori prima di portarli in ospedale e ha regalato loro le tradizionali ghirlande di calendula. Ambulanze ed elicotteri erano in attesa all’ingresso del tunnel. Per festeggiare sono stati distribuiti dolci e lanciati fuochi d’artificio.

Nonostante l’invio di ambulanze per i lavoratori edili, “le loro condizioni sono ottime e altrettanto buone… proprio come le vostre o le mie”. “Non c’è alcuna tensione sulla loro salute”, ha detto Wakil Hassan, leader della squadra di soccorso.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *