Chanel e Brunello Cucinelli acquisiscono una partecipazione congiunta in Cariaggi Lanificio

Per ricevere la newsletter di Vogue Business, Registrati qui.

Chanel e Brunello Cucinelli hanno firmato un accordo congiunto per acquisire una quota di minoranza nel produttore italiano di lana e cashmere Cariaggi Lanificio, i due marchi hanno annunciato martedì in una rara partnership.

In base all’accordo, Chanel e Brunello Cucinelli deterranno ciascuno il 24,5% di Cariaggi Lanificio, noto per i suoi filati animali e vegetali di alta qualità. La famiglia Cariaggi manterrà una quota di maggioranza del 51%. L’accordo, che è significativo in quanto incrocia gli interessi di due case di lusso, si basa sull’investimento iniziale di Brunello Cucinelli in Cariaggi Lanificio lo scorso anno, quando ha acquisito una quota del 43% nel produttore. Cariaggi è il principale fornitore di cashmere di Brunello Cucinelli. Altri termini dell’accordo non sono stati resi noti.

Mantenere la conoscenza e l’impegno per una qualità eccezionale e la sostenibilità del prodotto sono priorità comuni per entrambi [Chanel and Brunello Cucinelli]Bruno Pavlovsky, Chief Fashion Officer di Chanel e Presidente di Chanel SAS, ha dichiarato in un comunicato stampa. “Per questo, attraverso questa partnership in Italia, luogo di primaria importanza per Chanel, abbiamo deciso di unire le nostre due case per contribuire a mantenere la filiera davvero eccezionale del cashmere e delle fibre naturali, di cui Cariaggi Lanificio è una delle sue leader riconosciuti”.

Le acquisizioni della supply chain sono in aumento nel 2023 poiché i marchi di lusso cercano più controllo ed efficienza, nonché migliori margini di profitto. Burberry ha annunciato a marzo che intende acquisire il suo fornitore di capispalla tecnici Model per 21 milioni di euro. All’inizio di questo mese, OTB Group ha acquisito una partecipazione di maggioranza nel fornitore italiano di articoli in pelle Frassineti di Jil Sander. Chanel ha anche una storia di acquisizione di partecipazioni nei suoi fornitori e l’anno scorso ha acquisito una quota di maggioranza nell’azienda italiana di maglieria Paima. Gran parte dell’azione relativa all’approvvigionamento dei fornitori si svolge in Italia, con la sua grande attenzione alla qualità artigianale. Il cashmere è particolarmente richiesto poiché una clientela più giovane cerca di investire in un lusso discreto.

READ  Southgate: il fallimento dell'Italia è un monito per l'Inghilterra durante le qualificazioni a Euro 2024

“Siamo onorati di collaborare con Chanel e Brunello Cucinelli per portare avanti un piano industriale incentrato sull’innovazione e la sostenibilità, compresa la costruzione di nuove strutture e l’utilizzo di tecnologie all’avanguardia per garantire cashmere di alta qualità, innovazione e servizio ai nostri stimati clienti. ha detto in una nota l’Amministratore Delegato, Piergiorgio Cariaggi.” senza ignorare il nostro profondo rispetto per la nostra terra, il nostro ambiente e la nostra sostenibilità.

Commenti, domande o feedback? Scrivici a feedback@voguebusiness.com.

Altro da questo autore:

BFC sostiene uno “Storytelling” più piccolo alla London Fashion Week di giugno

Beauty Pie nomina l’ex dirigente di Peloton come Senior CEO

Shiseido annuncia la “nuova normalità” poiché le vendite sono cresciute del 2,6% nel primo trimestre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *