Attacchi aerei su Rafah nel mezzo di rinnovati sforzi per mediare i colloqui di cessate il fuoco a Gaza | Guerra Israele-Gaza

Almeno 22 persone sono state uccise negli attacchi aerei su Rafah, mentre Hamas e Israele subiscono pressioni per partecipare a quelli che sono visti come i colloqui di cessate il fuoco dell'ultima possibilità prima di una minacciosa invasione di terra israeliana nell'estremo sud della Striscia di Gaza.

I medici hanno riferito che gli attacchi che lunedì hanno colpito tre case nella città adiacente al confine egiziano hanno provocato il ferimento di un maggior numero di persone, mentre a Gaza City il bombardamento di due edifici ha provocato la morte di altre quattro persone e il ferimento di molti altri.

Gli attacchi israeliani arrivano nel contesto di rinnovati sforzi internazionali per mediare un cessate il fuoco nel conflitto che dura da quasi sette mesi: una delegazione di Hamas, comprendente il vice capo del movimento palestinese a Gaza, Khalil al-Hayya, dovrebbe arrivare nella capitale egiziana. Il Cairo, lunedì. Rispondere alla recente tregua israeliana e proporre il rilascio degli ostaggi attraverso mediatori egiziani e qatarioti.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken, alla sua settima visita nella regione dallo scoppio della guerra, è attualmente in Arabia Saudita e dovrebbe prossimamente visitare Israele per discutere i negoziati. Circa 1.200 israeliani furono uccisi e altri 250 furono presi in ostaggio nell'attacco di Hamas del 7 ottobre. Più di 34.000 palestinesi furono uccisi nella conseguente rappresaglia israeliana a Gaza, che lasciò in rovina gran parte del territorio costiero.

Un alto funzionario di Hamas ha detto domenica che il movimento “non ha avuto grossi problemi” con l'ultimo piano di tregua, che essenzialmente rimane lo stesso accordo delineato in diversi cicli di colloqui falliti dopo il crollo di un cessate il fuoco durato una settimana alla fine del conflitto. l'anno. Novembre.

READ  La vacanza di Johnson a Mustique vale il doppio dell'importo pubblicizzato

Nei giorni scorsi Hamas ha diffuso diversi video che documentavano la vita degli ostaggi, una mossa ampiamente interpretata come un gesto di buona volontà nei confronti dei mediatori. Tuttavia, un funzionario del gruppo ha detto lunedì a Reuters che restano “domande e richieste di informazioni”, suggerendo che una risposta all'ultima proposta potrebbe non ricevere una risposta immediata.

L’intensificarsi dei preparativi israeliani per un’operazione di terra a Rafah, dove più della metà dei 2,3 milioni di abitanti di Gaza si sono rifugiati per sfuggire ai combattimenti altrove, significa che i colloqui di questa settimana potrebbero essere l’ultima occasione per salvare una soluzione diplomatica per liberare gli ostaggi e fermare o porre fine alla guerra. guerra. .

Israele ha affermato che la leadership di Hamas, insieme a quattro battaglioni di combattenti, è di stanza a Rafah e sta usando ostaggi israeliani come scudi umani, e che un'operazione di terra è necessaria per mantenere la promessa del primo ministro Benjamin Netanyahu di “vittoria completa” sui palestinesi. enclave. militanti e riportare in patria i restanti circa 130 ostaggi.

Ma il piano a lungo minacciato di attaccare Rafah ha suscitato una forte opposizione da parte degli alleati di Israele, compresi gli Stati Uniti, che affermano che le condizioni di sovraffollamento potrebbero portare a migliaia di vittime civili, oltre a interrompere ulteriormente le consegne di aiuti dall’Egitto. Joe Biden ha ribadito la sua chiara opposizione all’invasione di Rafah in una conversazione con Netanyahu domenica.

L'ultima proposta di cessate il fuoco sembra includere concessioni da parte di Israele, che è sotto pressione internazionale e locale per la sorte degli ostaggi e la crisi umanitaria causata dalla sua guerra a Gaza.

READ  Potrebbe Tim Scott diventare il primo presidente repubblicano nero d'America?

Secondo quanto riferito, Israele sarebbe pronto ad accettare il rilascio di meno di quaranta ostaggi in cambio del rilascio dei palestinesi detenuti nelle carceri israeliane, nonché di una seconda fase della tregua che includa un “periodo di calma continua” – una nuova risposta alle ripetute richieste di Hamas richiesta di una calma permanente. cessate il fuoco.

Secondo quanto riferito, sarebbe anche disponibile a discutere il ritorno dei palestinesi alle loro case nella metà settentrionale della Striscia e il ritiro delle forze israeliane dal corridoio centrale che ora divide l’area.

I ministri di Netanyahu hanno discusso pubblicamente se portare avanti la tregua, con i membri di estrema destra della sua coalizione che minacciano di ritirarsi dal governo se sembra che Israele stia “cedendo” alle richieste di Hamas.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *