Andy Murray sulle prospettive dell’Australian Open: “È un sorteggio difficile ma sono ben preparato”

L’ex numero uno del mondo sarebbe perdonato per aver maledetto la sua fortuna dopo aver pareggiato l’ex finalista di Wimbledon, semifinalista qui l’anno scorso, al primo turno, ma Murray apprezza chiaramente le sue possibilità di provocare un ribaltamento.

“È ovviamente un sorteggio difficile”, ha detto. “Ma mi sento anche come se fossi in un posto molto migliore rispetto a qualsiasi altro torneo importante dell’anno scorso.

“Mi sento ben preparato, mi sento pronto per affrontare un top player all’inizio dell’azione, mentre forse l’anno scorso il mio gioco a volte non era così buono e ho ottenuto un pareggio difficile, una partita difficile all’inizio del torneo, non è stato t una bella sensazione.”

L’anca problematica di Murray ha retto bene l’anno scorso e non ha avuto assenze importanti per infortuni, ma non sta ottenendo risultati e non sta giocando il tennis che aveva sperato.

Dopo aver sofferto di crampi durante la seconda metà della stagione, ha ammesso seccamente di aver sentito di aver lasciato perdere la sua forma fisica.

Ne ha parlato in un ritiro pre-campionato negli Stati Uniti con l’allenatore Ivan Lendl, e anche se la scorsa settimana ha perso la sua unica partita preliminare competitiva contro Sebastian Korda ad Adelaide, ha messo a segno una solida prestazione al torneo di esibizione a Koyeong, battendo i giovani. L’australiano Alex de Minor.

“Un buon periodo di allenamento mi ha dato del tempo per lavorare su alcune cose e migliorare alcune cose”, ha detto il 35enne.

“Ho svolto molto lavoro sia fuori dal campo che in palestra fisicamente e nelle partite che ho giocato, sia che quelle partite fossero a Kooyong o ad Adelaide o quando abbiamo giocato in Scozia (al Battle of the Brits il mese scorso) i miei movimenti e le mie cose erano molto migliori rispetto a questa fase dell’anno scorso.

READ  Sport motoristici: Max Verstappen vola verso la vittoria all'apertura del Gran Premio di Miami

“Quando mi muovo bene tendo a giocare bene, e questo è davvero importante per me. Questa è probabilmente la cosa di cui sono stato più felice. Le condizioni giocano molto velocemente qui, quindi è importante essere leggeri sui piedi”.

Murray e Perrettini sono avversari conosciuti avendosi incontrati quattro volte negli ultimi anni, con l’italiano in vantaggio per 3-1.

Il loro ultimo incontro risale al terzo turno degli US Open la scorsa estate, dove Murray è stato frustrato da una sconfitta in quattro set.

“Ovviamente la partita degli US Open è stata combattuta e la partita che abbiamo giocato a Stoccarda è stata combattuta e ho vinto contro di lui a Pechino”, ha detto lo scozzese.

“So come mi sento oggi rispetto a dove mi sentivo andando agli US Open e giocando meglio, fisicamente sono in una posizione migliore. Mi sento davvero ben preparato per l’evento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.