Altri 3 gatti muoiono di influenza aviaria H5N1 negli Stati Uniti

Altri tre gatti sono morti a causa del virus dell'influenza aviaria H5N1 negli Stati Uniti, uno dei quali era un gatto domestico non imparentato con gli allevamenti, secondo funzionari governativi. È ormai noto che almeno 10 gatti sono morti da quando l’influenza aviaria si è diffusa alle mucche da latte all’inizio di quest’anno.

Due gatti sono stati trovati morti in un caseificio nella contea di Curry, nel Nuovo Messico, secondo la veterinaria statale Dr. Samantha Orig. Anche le mucche della fattoria sono risultate positive dopo che i lavoratori hanno notato un calo della produzione di latte.

Il terzo caso è stato segnalato nella contea di Yellowstone, nel Montana, dove un gatto domestico ha mostrato “segni nervosi” dopo che il suo proprietario ha trovato una puzzola morta nella proprietà.

Inizialmente il gatto era stato sottoposto al test per la rabbia, ma in seguito si scoprì che era infetto dal virus dell'influenza aviaria H5N1. Non c’erano collegamenti con fattorie o mucche da latte, ha detto a BNO News il veterinario statale Tahne Szymanski.

Almeno 10 gatti sono morti negli Stati Uniti a causa del virus dell’influenza aviaria H5N1 da quando il virus è stato confermato nelle mucche da latte alla fine di marzo. Il numero reale di gatti da stalla infetti potrebbe essere più elevato a causa dei test limitati.

La diffusione globale del ceppo H5N1 2.3.4.4b – e la sua recente diffusione a un numero crescente di mammiferi – ha sollevato preoccupazioni sulla possibilità di trasmissione da uomo a uomo da una variante futura. Finora sono stati riscontrati solo pochi casi umani dopo il contatto con uccelli o bestiame infetti.

READ  La donna sopravvissuta al congelamento: ScienceAlert

Il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) ha annunciato alla fine di marzo che l'influenza aviaria era stata riscontrata nel latte non pastorizzato di mucche malate in Kansas e Texas, rendendo questi i primi casi mai riscontrati nei bovini. Da allora il numero di focolai negli allevamenti da latte è salito a 42 casi in nove stati e anche un lavoratore agricolo in Texas è risultato positivo.

Venerdì, il governo degli Stati Uniti ha annunciato un finanziamento di quasi 200 milioni di dollari per combattere la diffusione del virus dell’influenza aviaria H5N1 nelle vacche da latte, compreso il sostegno agli allevamenti da latte, test, sviluppo di vaccini, sorveglianza e misure per garantire la sicurezza del latte commerciale.

È noto che i gatti sono altamente sensibili a questo nuovo ceppo del virus dell’influenza aviaria H5N1. Il primo caso è stato segnalato in un gatto con questa variante vicino a un allevamento di anatre nel sud della Francia nel dicembre 2022, dopo di che l’animale è stato soppresso.

Nel 2023, quasi 40 gatti sono morti in due rifugi per animali della Corea del Sud dopo aver mangiato cibo per gatti contaminato, e in Polonia più di una dozzina di gatti sono morti in un’epidemia presumibilmente causata da carne cruda contaminata.

Negli Stati Uniti, almeno 23 gatti sono stati infettati dal virus dell'influenza aviaria H5N1, compresi i 10 casi segnalati nelle ultime settimane. Gli altri 13 casi si sono verificati lo scorso anno in relazione a pollame o uccelli selvatici infetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *