All’ordine del giorno i legami economici mentre l’italiana Meloni visita l’Iraq | notizia

Meloni, che si trova a Baghdad per il suo primo viaggio bilaterale fuori dall’Europa, ha elogiato la ‘cooperazione culturale’ italo-irachena.

Il primo ministro iracheno fa appello al suo primo ministro italiano in visita per legami economici più stretti mentre l’Iraq ricco di petrolio continua a soffrire di interruzioni di corrente e infrastrutture fatiscenti.

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni, che guida la terza economia più grande della zona euro, ha visitato le truppe italiane in Iraq prima di Natale – il suo primo viaggio bilaterale fuori dall’Europa.

“Abbiamo espresso il nostro desiderio di promuovere la cooperazione economica in tutti i settori, in particolare in agricoltura, acqua e salute”, ha detto venerdì il primo ministro Mohammed Shia al-Sudani in una conferenza stampa congiunta.

La Meloni, accolta per la prima volta dal presidente iracheno Abdul Latif Rashid, ha detto nella stessa conferenza stampa che “l’Italia ha sempre sostenuto l’Iraq”.

“L’Iraq è un Paese che ha raggiunto passi importanti nel campo della stabilità della sicurezza”, ha detto, aggiungendo che Roma “è interessata alla presenza di imprese italiane in Iraq”.

Commentando la “cooperazione culturale”, Meloni ha detto che la sua visita ufficiale in Iraq “segna l’inizio di un rapporto speciale che lega due Paesi amici, l’Iraq e l’Italia”.

Il primo ministro iracheno Mohammad Shia al-Sudani cammina con il primo ministro italiano Giorgia Meloni durante una cerimonia di benvenuto a Baghdad, Iraq, il 23 dicembre 2022. [Iraqi Prime Minister Media Office/Handout via Reuters]

Esplorazione e produzione di gas

UN Rapporto Condotto dall’Iraqi News Agency (INA), al-Soudani ha sottolineato “l’intenzione dell’Iraq di aprire percorsi di partenariato e investimento con l’Italia e tutti i Paesi dell’Unione Europea” ed ha espresso il suo “apprezzamento per il ruolo italiano all’interno della coalizione internazionale per combattere l’Isis”. [ISIL].”

Al-Soudani ha chiesto all’Iraq “società specializzate in infrastrutture ma anche nello sfruttamento del gas”.

READ  Emporio Armani svela le divise fuori campo per la nazionale italiana di calcio - WWD

Il paese è ricco di petrolio, ma quasi due decenni dopo che un’invasione guidata dagli Stati Uniti ha rovesciato il dittatore Saddam Hussein, è afflitto dal deterioramento delle infrastrutture, dalla corruzione endemica e dalla disoccupazione diffusa.

Quasi un terzo della popolazione vive in povertà, secondo le Nazioni Unite.

Al-Soudani ha detto che l’Iraq è “pronto a fornire all’Italia il petrolio e il gas di cui ha bisogno”.

L’Iraq è il secondo produttore di greggio dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC), con una produzione di 3,3 milioni di barili al giorno.

Il partito di estrema destra Fratelli d’Italia di Meloni ha preso il potere alle elezioni di settembre, formando un governo di coalizione con la Lega anti-immigrazione e Forza Italia di Silvio Berlusconi.

È la prima donna Presidente del Consiglio italiana a guidare il governo italiano di estrema destra dalla seconda guerra mondiale.

L’Italia, membro della NATO, ha dispiegato fino a 650 persone in Iraq e Kuwait, secondo il sito web del Ministero della Difesa.

Sotto l’operazione di Prima Parthika, quel personale assiste i comandi multinazionali in Kuwait, Baghdad ed Erbil. Forniscono formazione e supporto amministrativo alle forze armate e alla polizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.