All’interno il piano della Georgia per garantire la vittoria del Galles non è una tantum

Dopo due giorni selvaggiamente entusiasmanti nel 2022, cosa ci vorrà perché la Georgia avanzi per diventare una potenza mondiale dominante nel rugby? Paul Tito, ex capitano dei Cardiff Blues e attuale vice allenatore della Georgia, crede che la risposta sia semplice.

“Capo [centre Merab Sharikadze] Era molto sincero a riguardo”, ha detto Tito Il podcast del telegrafo di rugby. “Abbiamo solo bisogno di partite regolari di ‘primo livello’. Abbiamo dimostrato di poter giocare contro gli italiani e ora il gallese a Cardiff. Se dovessimo giocare quelle partite regolari a luglio e novembre, questo sarebbe l’obiettivo. Idealmente, giocare nel Sei Nazioni sarebbe fantastico, ma non so fino a che punto si possa arrivare. Penso che il rugby georgiano sia in crescita. Ed è emozionante farne parte.

“Abbiamo avuto una breve discussione come gruppo di allenamento su dove vogliamo andare prima di quella partita italiana a luglio. Probabilmente le cose sono andate un po’ avanti da lì”. [after Cardiff]. Sarà interessante vedere cosa [head coach] Levano [Maisashvili] Pensaci ora. Quando andremo ai Mondiali, le squadre non saranno in grado di prenderci alla leggera o di ruotare tanti giocatori come prima. Dovranno prenderci sul serio, perché sapranno, ai nostri giorni, che non siamo una cattiva squadra”.

Il presidente e vicepresidente della Georgia Rugby Union, Josip Tkemaladze e Nikoloz Alavidze, appartengono alla stessa scuola di pensiero di Tito. I due non si aspettano una convocazione per il Sei Nazioni a breve – anche se vorrebbero essere vicini se battessero più grandi nazioni – e preferirebbero esaurirsi piuttosto che vederli unirsi all’Italia. Il GRU non prenderebbe di buon grado l’inclusione dello Springbok, tuttavia, la situazione è stata sollevata dall’introduzione delle franchigie sudafricane nella United Rugby League e nella Champions Cup.

READ  Il prossimo allenatore dei Glasgow Warriors: quattro potenziali candidati sono stati valutati sulla base della probabilità e dell'idoneità

“Se l’Italia viene espulsa, il rugby italiano fallirà”, aggiunge Tkemaladze. “E una o due vittorie non decidono il nostro futuro. Dobbiamo lavorare e lavorare – come comunità del rugby – per dimostrare che possiamo farcela”.

“Se i sei paesi sono aperti a questo, siamo pronti. So che ci stanno guardando, ma ci sono molti passi da fare da parte nostra sia economicamente che fisicamente per mostrare maggiore stabilità.

Australia, Galles, Italia e Argentina – Il Galles ha battuto Argentina e Georgia [beat Wales] Tutti questi erano nella gamma da cinque a 10 punti. Giochiamo nel campionato europeo di rugby da 14 anni e siamo arrivati ​​primi. Quattordici anni con circa 100-0, 80-0, nessuna gara.

“Ma se il Sudafrica viene invitato al posto nostro, ci sarà una reazione”, ha aggiunto.

La coppia è arrivata domenica da Cardiff per trascorrere due giorni a Londra in un viaggio di esplorazione. Di recente hanno incontrato il vicepresidente del World Rugby, Bernard Laporte. Domenica hanno incontrato i dirigenti della Welsh Rugby Union. Lunedì hanno incontrato Michael Checa e martedì incontreranno l’amministratore delegato della Rugby Football Union, Bill Sweeney. Il tutto con l’obiettivo di raccogliere quante più informazioni possibili sulla creazione di ambienti ad alte prestazioni.

“Voglio conoscere Bill”, dice Tkemaladze. “E voglio ascoltare lui e i suoi consigli. Vogliamo imparare da lui. Vogliamo lavorare a stretto contatto con i club inglesi. Al momento abbiamo solo un giocatore in Premier League”. [centre Giorgi Kveseladze at Gloucester]. E Lilo musulmani [a Georgian club] Aveva alcuni legami diretti con i musulmani inglesi, ma con alcuni cambiamenti nell’amministrazione, questo è andato perso. Domani chiamo Bill [Tuesday] Se riusciamo a rinnovare questi legami.

READ  The Lakers beat the Rockets so hard that James Harden quit the team again

Due mesi fa, il capo del World Rugby Bill Beaumont ha guidato una delegazione in Georgia per incontrare Tkemaladze, Alavidze e il resto del GRU. Si sono svolti colloqui costruttivi, al termine dei quali le due parti hanno convenuto di istituire uno speciale consiglio consultivo; Un panel di sei persone tra cui la leggenda georgiana Mamuka Georgodzi, rappresentanti di World Rugby Coaching e altri.

Nel mese di dicembre proseguiranno gli incontri tra il GRU e l’organo di governo dello sport. Tkemaladze e Alavidze credono entrambi che il fulcro sia lo sviluppo del rugby in Georgia, aggiungendo profondità al loro sistema di club. La loro unica franchigia, i Black Lions, ha già giocato nella European Rugby Super Cup e nella Currie Cup First Division, il secondo livello della competizione nazionale sudafricana, ma intorno a Natale ci saranno incontri ufficiali sulla partecipazione di quella franchigia alla European Challenge Cup. o URC – o entrambi.

I due sbavano all’idea di ospitare l’Inghilterra a Tbilisi. Ma di fronte a Parigi oa Roma, la capitale georgiana non ha proprio lo stesso fascino; Un errore secondo Tkemaladze e Alavidze.

“Quando verrai in Georgia, lì troverai tutte le risposte”, afferma Tkemaladze. “Tbilisi è stata appena annunciata come una delle principali destinazioni turistiche nel 2022. I migliori vini del mondo sono in Georgia. Quando inizi a mangiare, non finisci mai – e tutto è biologico, naturale ed economico! Cuore e anima.”

“Una pinta di birra costa £ 1!” Alavidze interviene.

“Abbiamo una buona esperienza nell’ospitare una squadra di calcio scozzese. Sono arrivati ​​circa 1.000 scozzesi. Il giorno della partita, la maggior parte dei tifosi scozzesi è rimasta nei pub e nei bar, piuttosto che andare alla partita, perché il cibo era così buono e il la birra costava così poco che non volevano andarsene.” !

READ  "Ogni partita è una guerra sportiva" - Antonio Conte ha elogiato il miglioramento del Tottenham dopo che Harry Kane ha raggiunto un traguardo

“Siamo di parte. Non mi credi? Vieni a dare un’occhiata.”

Se la Georgia continua a ripetere l’eroismo di Cardiff, chissà, forse dovremo farlo anche noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.