A Vienna non importa – EURACTIV.com

Il divieto imposto dall’Austria ai camion provenienti dall’Italia ha suscitato indignazione a Roma, spingendo il governo italiano a minacciare di recarsi in Lussemburgo per citare in giudizio il governo austriaco presso la più alta corte dell’UE.

La via di trasporto Austria-Italia al Passo del Brennero è un’importante via di trasporto per le merci. L’eccessivo numero di camion italiani ha spinto la giunta regionale del Tirolo a limitare il numero di camion che possono effettuare il viaggio.

Il ministro dei trasporti di estrema destra Matteo Salvini ha annunciato mercoledì a Roma che porterà Roma davanti alla più alta corte dell’UE per contestare la mossa, accusando l’Austria di violare le leggi dell’UE.

Vienna si sforza di dimostrare che non gli interessa la sfida. Ha detto che il ministro dei trasporti Leonore Küssler era “molto rilassato” alla prospettiva di una causa.

Secondo lui la salute e le condizioni di vita degli abitanti del Tirolo “per loro sono meno importanti dei profitti della lobby italiana del contrabbando”. APA.

Il governatore del Tirolo ha avuto un tono simile. “Nel frattempo in Tirolo queste minacce di azioni legali passano inosservate, perché per noi la protezione della salute, dell’ambiente e delle infrastrutture è più importante della politica dei trasporti di combustibili fossili in Italia”, ha affermato Anton Mattel (ÖVP, PPE). APA.

Salvini, dal canto suo, era furioso. “Non possiamo accettare che l’Austria chiuda unilateralmente il Passo alpino senza che nessuno faccia nulla. È una violazione delle norme dell’UE, un palese abuso che deve essere affrontato”, ha affermato, aggiungendo che Roma sta lavorando su un caso ineccepibile che si basa sull’articolo 259 dei trattati, la clausola che consente ai paesi dell’UE di citarsi a vicenda se credono di violare le norme dell’UE.

READ  Sei Nazioni 2024: Marcus Smith dell'Inghilterra in dubbio per la gara d'apertura dell'Italia

La Commissione europea ha sottolineato la necessità di cooperazione tra i due paesi.

(Nicolas J. Courmayer | Euractiv.de)

Leggi di più con EURACTIV

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *