101 momenti memorabili della Coppa del Mondo: la controversa vittoria dell’Italia sulla Corea del Sud

Di Doug McIntyre
Scrittore di calcio Fox Sports

Nota dell’editore: Tutti i giorni da oggi fino all’inizio del torneo Coppa del Mondo FIFA 2022 Il 20 novembre sveleremo un ricordo diverso dalla storia della Coppa del Mondo. Il conto alla rovescia continua da 101 con la controversa vittoria della Corea del Sud contro l’Italia.

I vantaggi del vantaggio sul campo di casa sono estesi a qualsiasi concorrente della Coppa del Mondo. La Corea del Sud era in una posizione ridicola nell’incontro degli ottavi di finale con l’Italia nel 2002.

Il Azzurri I coreani probabilmente sapevano che non sarebbe stata la loro serata quando gli è stato assegnato un rigore fantasma a soli tre minuti. Quella fatica è stata salvata da Gianluigi Buffon, l’ultima fortuna che hanno avuto.

Con il VAR ancora a 16 anni di distanza, l’Italia aveva due gol chiari – di cui uno ai supplementari – dichiarati fuorigioco controverso. Hanno visto anche il maestro Francesco Totti ammonire l’arbitro ecuadoriano nella mezz’ora supplementare per tuffo; I replay hanno suggerito che si trattava di un fallo e avrebbe dovuto invece essere una penalità decisiva per la partita.

L’Italia non ha potuto battere sia il padrone di casa che l’arbitro; Il golden gol di Ahn Jung-hwan per i sudcoreani ha misericordiosamente concluso la partita a tre minuti dalla fine.

Uno dei principali giornalisti di calcio del Nord America, Doug McIntyre ha seguito le squadre nazionali maschili e femminili degli Stati Uniti in diversi Mondiali FIFA. Prima di entrare a far parte di FOX Sports nel 2021, è stato redattore dello staff di ESPN e Yahoo Sports. Seguilo su Twitter @Di Dugmc Intyre.

READ  L'Italia emette un mandato di cattura per mediatore in un affare di proprietà del Vaticano

Ottieni il massimo dalla Coppa del Mondo FIFA 2022 Segui i tuoi preferiti per ricevere aggiornamenti su giochi, notizie e altro ancora



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.