Vivendi afferma che la banda larga singola è la “mossa giusta” per l’Italia

MILANO (Reuters) – Creare un’unica rete a banda larga è il “passo giusto” per l’Italia, ha detto martedì il maggiore investitore in Telecom Italia (TIM).

“Ci sono voluti molti anni, ma ora possiamo essere a una svolta. Vogliamo essere proattivi nella creazione della rete unificata”, ha detto in una conferenza a Rimini Arnaud de Boifontaine, amministratore delegato di Vivendi.

Sotto il nuovo CEO TIM Pietro Labriola, il gruppo telefonico italiano sta riformando la propria attività cedendo il controllo della propria rete terrestre all’istituto di credito italiano CDP per raccogliere fondi e ridurre il debito.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

CDP combinerà gli asset di rete di TIM con gli asset Open Fiber più piccoli concorrenti per creare un’unica rete a banda larga.

Tuttavia, il crollo del governo di unità nazionale guidato dal presidente del Consiglio Mario Draghi, che ha sostenuto il progetto, lo ha messo ancora una volta in dubbio. Leggi di più

“Non posso dirti chi possiederà l’unica rete”, ha detto de Boifontaine quando gli è stato chiesto se la banda larga sarebbe stata di proprietà dello stato.

Il CEO di Vivendi ha affermato che Vivendi creerà le condizioni giuste e un ambiente favorevole sia ai responsabili politici che agli azionisti per portare avanti le cose.

CDP, che detiene il 60% di Open Fiber, è anche il secondo investitore di TIM dopo Vivendi.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Reportage di Francesca Landini Montaggio di Chris Reese e Richard Chang

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  Uno davvero pronto ad aprire in Italia, notizie economiche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.