Virus Marburg: il Ghana conferma la prima comparsa del virus mortale

L’annuncio arriva dopo che due pazienti non imparentati della regione meridionale di Ashanti del Ghana, entrambi morti in seguito, sono risultati positivi al virus.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato che i pazienti presentavano sintomi tra cui diarrea, febbre, nausea e vomito, aggiungendo che erano stati monitorati più di 90 contatti.

Marburg è una febbre emorragica virale altamente contagiosa che appartiene alla stessa famiglia della famosa malattia da virus Ebola e ha un tasso di mortalità dell’88%, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità. “La malattia inizia improvvisamente, con febbre alta, forte mal di testa e malessere”, ha aggiunto.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato che il virus viene trasmesso all’uomo dai pipistrelli della frutta e può essere trasmesso da una persona all’altra attraverso il contatto diretto con i fluidi corporei delle persone infette o con le superfici e i materiali contaminati da questi fluidi.

L’OMS ha affermato che sono state adottate misure di contenimento e che saranno impiegate più risorse in risposta all’epidemia in Ghana. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha anche avvertito che “senza un’azione immediata e decisiva, Marburg potrebbe facilmente sfuggire al controllo”.

Non ci sono vaccini approvati o trattamenti antivirali per il virus Marburg. Tuttavia, le possibilità di sopravvivenza di un paziente possono essere migliorate con cure che includono la reidratazione orale o endovenosa e il trattamento di sintomi specifici.

Il Servizio sanitario del Ghana Ha esortato il pubblico del Ghana a evitare le miniere e le grotte occupate dai pipistrelli della frutta e a cuocere accuratamente tutti i prodotti a base di carne prima del consumo per ridurre il rischio di diffusione del virus. Il servizio sanitario ha affermato che i pipistrelli della frutta sono un ospite naturale per il virus Marburg.
L’epidemia in Ghana è solo la seconda in Africa occidentale dopo la Guinea Scopri il virus l’anno scorso. Il paziente è morto anche nell’epidemia in Guinea a causa del virus. Le autorità sanitarie guineane non hanno confermato altri casi.
in altre parti di AfricaPrecedenti focolai sono stati segnalati in Uganda, Kenya, Angola, Sud Africa e Repubblica Democratica del Congo. L’epidemia in Angola nel 2005 è stata la più mortale Uccise più di 200 persone.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, i paesi a più alto rischio di recrudescenza del virus sono stati contattati “in allerta”.

READ  Cercare! Per una serie di satelliti SpaceX StarLink :: WRAL.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.