Violazioni della pausa dei “Moonflower Killers”: repressione di Apple e Paramount

Martin Scorsese non ha incluso un intervallo nel suo film epico di 206 minuti, The Killers of the Moonflower. Ma ciò non ha impedito ad alcuni cinema di tutto il mondo di inserirne uno essi stessi, a intervalli compresi tra i sei ei 15 minuti.

Venerdì mattina due catene di cinema europee e un teatro indipendente di Amsterdam avevano venduto i biglietti per le proiezioni di “Killers of the Flower Moon” con intervallo incorporato. Un portavoce di UCI Cinemas, catena di spettacoli con sedi in Germania, Italia, Portogallo e Brasile, ha confermato che quasi tutte le sue 80 sale – ad eccezione degli schermi Imax di Porta di Roma, Orio e Campi Bisenzio – avevano incluso “un intervallo di sei minuti a metà del film.

Anche Vue, una catena di teatri con sede nel Regno Unito, e un cinema di Amsterdam chiamato The Movies Haarlemmerdijk offrivano proiezioni con intervallo, secondo il loro sito web.

A livello locale, The Lyric, un teatro a Fort Collins, in Colorado, trasmette il dramma storico con un intervallo fino al 26 ottobre. Tuttavia, hanno annullato la pausa dopo aver avuto problemi con la Paramount, il distributore del film, e la Apple Original Films. Il suo produttore. Le compagnie hanno contattato i cinema che hanno violato il contratto dividendo il film e dicendo loro di proiettare “Killers of the Flower Moon” come previsto, secondo una persona a conoscenza della situazione.

Per essere chiari, solo alcuni dei quasi 10.000 locali in tutto il mondo che mostrano “Killers of the Flower Moon” includono un intervallo, ma non è passato inosservato. Thelma Schoonmaker, montatrice del film e collaboratrice di lunga data di Scorsese, ha dichiarato a The Standard: “Mi risulta che qualcuno stia girando il film con una pausa e non è giusto. È una violazione, quindi dovrei saperlo”.

Paramount Pictures/per gentile concessione di Everett Collection

Sebbene Scorsese non abbia affrontato direttamente l’intervallo (o la sua mancanza), ha difeso la lunga durata di “Killers of the Flower Moon” in un’intervista con l’Hindustan Times, dicendo: “La gente dice che sono tre ore, ma andiamo, puoi farlo”. “Siediti davanti alla TV e guarda qualcosa per cinque ore.”

READ  Visione televisiva in prima serata dell'ALS ai minimi da 18 anni |

Altri analisti concordano con la posizione di Scorsese.

“Se Scorsese non avesse voluto che ci fosse un intervallo, penso che questo dovrebbe almeno essere il modo principale in cui la gente lo vedrebbe”, afferma Sean Robbins, capo analista di Boxoffice Pro. “Tuttavia, è stato un film lungo. Penso che se ci fosse stata abbastanza domanda, soprattutto se avesse significato una differenza nell’aiutare qualcuno a decidere di andare a comprare un biglietto, piuttosto che non andare a vedere il film, allora forse ci sarebbe stato un vantaggio economico. e almeno un caso pratico. “Scelta limitata.”

I portavoce di Apple e Paramount hanno rifiutato di commentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *