Uniformi naziste e commenti razzisti infestano la campagna di Le Pen – POLITICO

C'è anche questo Quelli C’è anche Frederik Boccaletti, che ha fornito servizi personali a Putin agendo come “osservatore elettorale” in varie elezioni farsa tenutesi in Russia o nel territorio controllato dalla Russia in Ucraina. C'è anche Frederic Boccaletti, che unisce il sostegno di Putin – è stato osservatore alle elezioni parlamentari russe del 2021 – alla sua storia di antisemitismo. Alla fine degli anni ’90, infatti, Boccaletti era l’unico osservatore a ricoprire l’incarico di osservatore elettorale in Ucraina. Proprietario della libreria È specializzato in opere antisemite e negazioniste dell'Olocausto.

La leader francese di estrema destra Marine Le Pen ha compiuto sforzi straordinari per liberare il suo partito, Rassemblement National, dalla sua storica reputazione di razzismo e xenofobia. | François Le Presti/Getty Images

Gli elettori puniranno questi candidati per aver abbracciato un leader straniero il cui paese ha appena sostenuto Le Pen come nuovo leader della Francia? non tutto. Anche in questo caso l’estremismo sembra essere un punto di forza piuttosto che un ostacolo. Boccaletti si è piazzato al primo posto, ottenendo il 48,3% dei voti nel Var Sud, roccaforte del Raggruppamento Nazionale.

Lo stesso ha fatto Gentilette, che si è classificata prima nel suo distretto. In totale, secondo tf1infoNove candidati del Rassemblement Nazionale che hanno partecipato a simulazioni di missioni di osservazione elettorale in Russia sono riusciti a superare l’ostacolo del primo turno domenica scorsa e potrebbero essere sulla buona strada per assicurarsi un seggio nell’Assemblea nazionale.

'pecora nera'

Di fronte ai commenti apertamente razzisti fatti dai loro candidati, i leader dell’Assemblea nazionale tendono ad adottare uno dei due approcci. Se un commento o un comportamento supera un certo limite (di solito atti perseguibili ai sensi delle leggi francesi sull'incitamento all'odio), il partito può ritirare il proprio appoggio. È stato questo il caso di Ludivine Daudi, la candidata del nord della Francia che si è ritirata dopo che è apparsa una foto in cui sorrideva con indosso un cappello dell'uniforme dell'aeronautica nazista. “Non possiamo accettare queste cose”, ha detto Philippe Chapron, capo del partito locale. “Lei si ritira per non causare problemi al partito”. [National Rally] “E i suoi candidati.”

READ  Putin si offre di fare della Turchia una capitale per la fornitura di gas russo al mondo

Ma nella maggior parte degli altri casi, l’approccio è quello di ignorare, minimizzare e agire solo quando l’esame diventa scomodo per il “nuovo look” del partito Raduno Nazionale di Le Pen. Alla domanda se questi candidati affronterebbero conseguenze specificamente in caso di razzismo, Jordan Bardella, presidente del partito e potenziale primo ministro, ha risposto: Ha detto a BFMTV Ma questo non significa che Hitler avesse paura di essere costretto a ritirare il suo sostegno a questi candidati, che paragonava a una “pecora nera”. Ma il livello per qualificarsi come “pecora nera” sembra molto alto – alto quanto un cappello della Luftwaffe.

Con l'avvicinarsi delle elezioni di domenica, Le Pen e Bardella faranno sforzi crescenti per presentare il loro partito come un partito sensato, modellato sul primo ministro italiano Giorgia Meloni, un'ala di destra che da allora ha impressionato i suoi colleghi non abbracciando Putin o voltando le spalle all'Occidente. prendere il potere nel 2022.

Ma un partito è ragionevole tanto quanto lo sono in parlamento i suoi membri e i legislatori che ne sostengono l’agenda. In questo caso, sembra che gli sforzi di “normalizzazione” di Le Pen abbiano ancora molta strada da fare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *