Una nave della marina italiana monitora il regolare funzionamento delle esercitazioni Eni al largo di Cipro

Una nave della marina italiana è stata vista navigare vicino alla nave di perforazione ENI nel Blocco 6 della Zona Economica Esclusiva (ZEE) di Cipro nel tentativo di “garantire l’interesse nazionale”.

“Il cacciatorpediniere della Marina Militare Italiana, classe Duran de la Penne, Francesco Mimbelli D561 controlla il regolare funzionamento della “Tungsten Explorer”, una nave perforatrice dell’Eni. “Garantire l’interesse nazionale”, si legge in un post su Twitter della Marina Militare Italiana.

La nave ha preso parte all’operazione Safe Mediterranean per proteggere gli interessi nazionali, vicino alla piattaforma di perforazione Tungsten Explorer dell’ENI.

La piattaforma di perforazione ha recentemente scoperto un giacimento di gas con il Kronos 1 ben 90 miglia al largo della costa di Cipro, si legge nel tweet.

Secondo precedenti pubblicazioni della Marina Militare Italiana, il Francesco Mimbelli D561 ha recentemente attraccato a Istanbul dove è salpato la scorsa settimana.

La multinazionale italiana del petrolio e del gas Eni ha annunciato lunedì la scoperta del pozzo, situato a circa 160 chilometri al largo delle coste di Cipro.

Il Blocco 6 è gestito da Eni Cyprus con una quota del 50% e TotalEnergies come partner.

La scoperta di nuovi giacimenti di gas naturale nella zona economica esclusiva di Cipro ha suscitato la reazione della Turchia, che non solo ha occupato il territorio di Cipro dall’invasione del 1974, ma è anche contraria all’integrità del mare territoriale dello Stato membro dell’UE.

READ  3 scienziati di Pune sono stati selezionati per condurre ricerche in collaborazione tra India e Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.