Una famiglia il cui tetto è stato danneggiato da detriti spaziali intenta una causa contro la NASA

Il pezzo di detrito caduto dal tetto dell'Alejandro Otero (a destra) proveniva da un montante scartato dalla Stazione Spaziale Internazionale.

Un proprietario di casa nel sud-ovest della Florida ha presentato una richiesta formale alla NASA per i danni causati da un pezzo di detrito spaziale caduto sul suo tetto a marzo.

Questo caso legale non ha precedenti, poiché nessuno ha mai avanzato chiaramente un simile reclamo contro la NASA prima. Il modo in cui l’agenzia spaziale risponderà costituirà un precedente, e ciò potrebbe essere importante in un mondo di crescente attività in orbita, con detriti spaziali e veicoli che effettuano sempre più rientri incontrollati attraverso l’atmosfera terrestre.

Alejandro Otero, il proprietario della casa di Naples, in Florida, colpita dai detriti, non era a casa quando parte di una batteria della Stazione Spaziale Internazionale colpì la sua casa l'8 marzo. Suo figlio Daniel, 19 anni, era a casa ma è scampato. La NASA ha confermato che l'oggetto da 1,6 libbre, realizzato in lega metallica Inconel, faceva parte di un pacco batterie lanciato dalla stazione spaziale nel 2021.

L'avvocato della famiglia Otero, Micah Nguyen Worthy, ha detto ad Ars che sta chiedendo alla NASA “oltre 80.000 dollari” per perdite di danni alla proprietà non assicurati, danni per interruzione dell'attività, danni emotivi e mentali e costi di assistenza di terzi. Concerti.

“Lo abbiamo intenzionalmente mantenuto molto plausibile perché non volevamo che la NASA sembrasse che i miei clienti stavano cercando una manna dal cielo”, ha detto Worthy.

La famiglia non ha intentato una causa contro la NASA, almeno non ancora. Worthy ha affermato di aver avuto conversazioni produttive con i rappresentanti legali della NASA. Ha detto che la famiglia di Otero vuole rimediare alle perdite subite, ma vuole anche creare un precedente per le future vittime. “Questa è davvero la prima richiesta legale che è stata avanzata per chiedere un risarcimento per i danni legati ai detriti spaziali”, ha detto Worthy. “Il modo in cui la NASA risponderà, secondo me, sarà fondamentale per il modo in cui verranno gestite le richieste future. Questo sta davvero cambiando il panorama legale.”

READ  È diretto verso di noi! La NASA conferma la scoperta della più grande cometa di sempre

Chi è esattamente responsabile dei detriti spaziali?

Se i detriti spaziali provenienti da un altro paese – ad esempio lo stadio superiore di un razzo cinese o russo – colpissero una famiglia negli Stati Uniti, le vittime avrebbero diritto a un risarcimento ai sensi della Convenzione sulla responsabilità spaziale che le potenze spaziali hanno concordato mezzo secolo fa. Secondo questo trattato, lo Stato di lancio ha la responsabilità “assoluta” di risarcire i danni causati dai suoi oggetti spaziali sulla superficie della Terra o dagli aerei, ed è responsabile dei danni derivanti dai suoi errori nello spazio. In una situazione internazionale, la NASA o un altro ente governativo statunitense negozia per conto della vittima per ottenere un risarcimento.

Tuttavia, in questo caso i detriti provenivano dalla Stazione Spaziale Internazionale: un vecchio pacco batterie di cui era responsabile la NASA. La NASA ha completato un aggiornamento pluriennale del sistema di alimentazione della stazione spaziale nel 2020 installando un set finale di nuove batterie agli ioni di litio per sostituire le vecchie batterie al nichel-idrogeno che erano prossime alla fine della loro vita. Durante la passeggiata spaziale, questa batteria è stata montata su una base di ricarica lanciata dal Giappone.

Inizialmente i funzionari avevano pianificato di posizionare piattaforme di vecchie batterie all'interno di una serie di navi mercantili giapponesi per un rientro distrutto e controllato sull'oceano. Ma a causa di una serie di ritardi, l’ultima piattaforma di ricarica delle vecchie batterie non è riuscita a tornare sulla Terra, quindi la NASA ha abbandonato le batterie per un rientro non guidato. La NASA credeva erroneamente che le batterie si sarebbero bruciate completamente durante il rientro attraverso l'atmosfera.

READ  The artificial sun in Korea breaks the world record for an incredible 20 seconds
L'oggetto cilindrico, di pochi centimetri, è caduto dal tetto della casa di Alejandro Otero in Florida a marzo.
Ingrandire / L'oggetto cilindrico, di pochi centimetri, è caduto dal tetto della casa di Alejandro Otero in Florida a marzo.

Poiché questa questione non rientra nell'ambito della Convenzione sulla responsabilità spaziale, non esiste alcun meccanismo attraverso il quale un cittadino statunitense possa presentare richieste al governo degli Stati Uniti per i danni causati dai detriti spaziali. Quindi la famiglia Otero sta presentando la prima richiesta di risarcimento ai sensi del Federal Space Debris Tort Claims Act. Questa legge sulla responsabilità civile consente a chiunque di citare in giudizio il governo degli Stati Uniti in caso di negligenza. In questo caso, la negligenza potrebbe essere che la NASA abbia calcolato male se fossero rimasti abbastanza detriti per distruggere proprietà sulla Terra.

La NASA ha fornito un modulo alla famiglia di Otero per presentare un reclamo, cosa che Worthy ha affermato di aver fatto alla fine di maggio. La NASA ha ora sei mesi per esaminare il reclamo. L'agenzia spaziale ha diverse opzioni. Legalmente, può risarcire la famiglia Otero fino a $ 25.000 per ciascuna delle loro richieste in base al Federal Tort Claims Act (Vedi codice legale). Se l’agenzia intende pagare l’intero risarcimento, avrà bisogno dell’approvazione del procuratore generale degli Stati Uniti. Infine, la NASA potrebbe negare le affermazioni o fare un’offerta di transazione inaccettabile, nel qual caso la famiglia Otero potrebbe intentare una causa federale in Florida.

Ars ha richiesto un commento alla NASA sulle affermazioni fatte e aggiornerà questa storia quando ne riceveremo una.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *