Una famiglia di 10 persone è rimasta uccisa e 43 passeggeri sono rimasti feriti dopo che l'autista ha perso il controllo dell'autobus e si è schiantato contro il pilone di un ponte autostradale brasiliano.



Una famiglia di 10 persone è morta e 43 passeggeri sono rimasti feriti dopo che l'autobus su cui viaggiavano si è schiantato su un'autostrada nella città di Itapetininga, nel sud-est del Brasile.

La polizia civile di San Paolo ha riferito che l'autobus si trovava sull'autostrada Francisco da Silva Pontes venerdì mattina presto quando l'autista, il cui nome non è stato rivelato, ha perso il controllo del volante, che si è bloccato.

L'autista non è riuscito a rallentare l'autobus prima che colpisse un pilastro sotto un ponte sull'autostrada.

Avrebbe dovuto essere interrogato venerdì, ma ha detto agli investigatori che l'autobus aveva un problema meccanico.

I vigili del fuoco hanno dovuto tirare fuori 15 passeggeri rimasti bloccati nell'autobus crollato.

Dieci membri di una famiglia sono rimasti uccisi quando l'autobus su cui viaggiavano si è schiantato su un'autostrada a Itapetinga, una città nello stato brasiliano sud-orientale di San Paolo, venerdì.
L'autista dell'autobus ferito ha detto alle autorità che aveva il volante bloccato e che non era in grado di riprendere il controllo dell'autobus prima che venerdì si schiantasse contro un pilastro di cemento sotto un ponte autostradale nella città di Itapetininga, nel sud-est del Brasile. L'incidente ha provocato la morte di 10 persone e il ferimento di altre 43.

Fare clic qui per ridimensionare questa unità

Il proprietario dell'autobus, Onyx Turismo, ha detto al canale di notizie brasiliano G1 che i passeggeri si conoscevano e lo avevano noleggiato per il loro viaggio annuale ad Aparecida de Goiânia, una città nello stato centrale di Goiás.

Le vittime sono state identificate come Mosier Moraes, 73 anni; I suoi due figli, Gilmar Moraes, 48 ​​anni, e Gilberto Moraes, 42 anni; La moglie di Gilberto, Vanessa Souza, 37 anni, e il loro figlio di sei anni, Thiago Moraes; Valdera Moraes, 48 ​​anni; Jose Pinto e sua moglie, Edna Carvalho; Yolanda de Oliveira; E Jesiel Rodriguez.

Moisier Moraes organizza il viaggio annuale della Chiesa cattolica da quattro decenni, ha detto sua sorella Iracema Santos all'agenzia di stampa brasiliana Estoi Dinheiro.

“Era un leader qui nel quartiere”, ha detto.

“Nessuno sa con certezza come sia avvenuto l'incidente, ho viaggiato più volte con il gruppo di mio fratello, ma poiché il numero di persone che volevano viaggiare aumentava, ho iniziato ad organizzare un altro gruppo. Abbiamo fatto il viaggio ad Aparecida a giugno ed è andato tutto bene. “

READ  Uno scorcio di Russia e Ucraina: cosa sappiamo il giorno 203 dell'invasione | Russia

La nipote di Santos, Camila de Moraes, era tra le persone infette, insieme ai suoi genitori.

“È successo così in fretta, l'incidente è stato così forte che non posso nemmeno parlarne”, ha detto De Moraes. “I miei genitori sono in ospedale adesso.”

Edna Proenza ha detto a TM TV che l'autobus passeggeri si è fermato completamente dopo essersi scontrato con il palo in mezzo alla strada. I suoi tre figli e la nipote sono rimasti feriti.

Edna Proenca era sull'autobus con la sua famiglia quando ha sentito l'auto colpire la struttura di cemento in mezzo all'autostrada. I suoi tre figli e la nipote avevano bisogno di aiuto medico.

“È successo tutto così in fretta. L'autobus ha colpito il palo e si è fermato. Non riesco nemmeno a capire cosa sia successo. Ho solo sentito l'autobus tremare e le mie nipoti erano lì che urlavano”, ha detto Proenza al canale televisivo TM di G1.

Le vittime sono tutti residenti nella città di Ribeirão Branco, a ovest di San Paolo.

“I nostri cuori vanno alle famiglie dei pellegrini del quartiere Palmirina e a tutti coloro che hanno partecipato a questo momento difficile”, si legge in una nota dell'ufficio del sindaco.

“Abbiamo annullato tutte le attività ufficiali a sostegno delle famiglie e dichiarato tre giorni di lutto ufficiale in solidarietà con la comunità di Ribeirão Branco. Auguriamo loro conforto e sostegno per superare questo dolore incommensurabile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *