Una donna in Italia vince la battaglia legale per cacciare di casa i figli, definendoli “parassiti”.

Il tribunale ha ordinato a entrambi di partire prima del 18 dicembre.

Una madre di 75 anni in Italia voleva che i suoi due figli adulti, uno di 42 anni e l’altro di 40 anni, lasciassero la sua casa e vivessero in modo indipendente. Nonostante le ripetute richieste di vivere da soli, hanno rifiutato. Quindi li ha portati in tribunale e ha ottenuto un ordine legale per farli uscire di casa.

Lo riferisce l’agenzia di stampa italiana ANSA, una madre di 75 anni che vive a Pavia, nel nord Italia, ha fatto diversi tentativi per convincere i suoi figli ormai adulti a trovare un posto proprio, soprattutto perché entrambi hanno un lavoro. Tuttavia, i suoi figli non volevano andarsene. Di fronte al loro rifiuto li portò in tribunale e il giudice Simona Caterby si pronunciò in suo favore. Il giudice ha ordinato che i due bambini lasciassero la casa materna entro il 18 dicembre.

Un sito di notizie italiano ha riferito che la madre era frustrata dal fatto che i suoi due figli non aiutassero con le spese domestiche e non fossero disposti ad aiutare nelle faccende domestiche. I suoi sforzi per convincerli a iniziare una vita propria si sono rivelati infruttuosi, quindi ha scelto di sfrattarli attraverso i tribunali.

Secondo Cnn, I due figli, descritti negli atti giudiziari dalla madre come “parassiti”, vivevano nell’appartamento di famiglia senza assistenza, secondo la denuncia della donna anonima presentata al Tribunale di Pavia. .

Il giudice Simona Caterbi, dalla parte della madre in pensione, separata dal padre degli uomini, la cui pensione andava interamente al vitto e al mantenimento della casa, ha stabilito che i due “bamboccioni”, ovvero i figli più grandi, dovranno liberare il locale entro il 18 dicembre. Secondo la sentenza del tribunale di martedì, ho visto CNN.

Fare clic per notizie più popolari

READ  "Penalità per altri 3 mesi, Rt deve diminuire"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *