Un tribunale italiano ha ribaltato un mandato per un sospetto vaticano

ROMA (AP) – La Corte d’Appello italiana ha revocato un mandato d’arresto preliminare per un sospettato chiave nella massiccia indagine vaticana per frode e frode, che porrà fine al processo di estradizione attualmente in corso nel Regno Unito, ha affermato il suo collegio legale di mercoledì.

La decisione del Tribunale del Riesame di Roma è stata un duro colpo per gli avvocati italiani, ma anche per quelli vaticani, che hanno cercato di riportare Gianluigi Dorsey in Italia e alla fine di fermare il processo per il suo ruolo in Vaticano. Costoso affare immobiliare a Londra.

Il Vaticano non ha accordi di espulsione con la Gran Bretagna. Ma gli avvocati della città hanno fornito prove ai loro omologhi italiani, che hanno iniziato a indagare sulle finanze di Torzi e sulle proprie. Ha cercato di arrestarlo con un mandato internazionale L’Italia dovrebbe essere perseguita con accuse tra cui evasione fiscale e riciclaggio di denaro.

Torzi, residente a Londra, nega illeciti sia nel caso italiano che in quello vaticano, ma continuerà in sua assenza.


Imparentato: Il Vaticano sta controllando il deficit del 2022 mentre le donazioni continuano a diminuire in seguito allo scandalo finanziario


La causa è stata probabilmente avviata in Italia dopo che gli avvocati vaticani hanno processato Dorsey per il suo coinvolgimento nell’investimento di 350 milioni di euro della Santa Sede in una proprietà residenziale londinese. Gli avvocati vaticani hanno accusato Darcy di aver tentato di estorcere 15 milioni di euro al Vaticano per trasferire la piena proprietà della proprietà.

È stato incriminato da un tribunale vaticano a luglio, ma la sua posizione nel processo rimane incerta a causa della legittimità del procedimento di estradizione tra Italia e Gran Bretagna e del mandato d’arresto italiano che lo ha avviato.

READ  'Ho rinunciato alla lotta': 'Il Robinson Crusoe italiano' lascia l'isola | Italia

La Suprema Corte di Cassazione italiana ha revocato il mandato in ottobre e ha inviato il caso alla Corte d’Appello. Gli avvocati italiani non hanno fornito documenti completi Quando il giudice decide se emettere un mandato, giova alla difesa di Torzi. Gli avvocati di Dorsey, Marco Franco e Ambra Gioven, hanno dichiarato in una dichiarazione che dopo aver esaminato i testimoni scomparsi, il tribunale di revisione aveva deliberatamente annullato il mandato.

“Finalmente, giustizia è stata resa in relazione al mandato d’arresto senza alcun senso di giustizia o logica”, afferma la dichiarazione. I pubblici ministeri hanno affermato che ora combatteranno sia il caso italiano che quello vaticano “con la necessaria pace”.

La fase iniziale dell’indagine vaticana è stata dominata dai movimenti di sicurezza per accedere all’intera gamma di prove raccolte dai pubblici ministeri, comprese le copie forensi di dati da telefoni cellulari, computer e altri dispositivi elettronici sequestrati.


Imparentato: Il disaccordo con il programma tradizionale domina la riunione dell’Alta Corte degli United Methodists


All’ultima udienza, il giudice Giuseppe Bignadon ha ordinato ai pubblici ministeri vaticani entro il 31 gennaio dopo che gli avvocati difensori hanno lamentato di avere solo 16 copie dei 255 dispositivi sequestrati.

Jan. Estratto mercoledì. Nella petizione 31, i pubblici ministeri si sono rifiutati di consegnare qualsiasi altra cosa, affermando che quanto è stato modificato fino ad oggi “ricrea completamente il set documentario richiesto per l’indagine”. Gli avvocati difensori affermano di avere diritti su tutti gli oggetti sequestrati.

febbraio Pignatone affronterà la questione quando il processo riprenderà il 18, ma gli esperti legali affermano che non ci sono azioni disciplinari nel sistema legale vaticano quando i pubblici ministeri si rifiutano di ottemperare all’ingiunzione del tribunale.

READ  Meneskin of Italy modifica il modo in cui gli americani dicono il cibo italiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.