Un sistema solare di 6 pianeti in perfetta sincronia nella Via Lattea

***Video sopra: la NASA scopre una nuova piccola luna***

CAPE CANAVERAL, Florida (AP) – Gli astronomi hanno scoperto un raro sistema solare sincrono che comprende sei pianeti che si muovono come una grande orchestra cosmica, non toccato da forze esterne sin dalla loro nascita miliardi di anni fa.


La scoperta, annunciata mercoledì, potrebbe aiutare a spiegare come si originano i sistemi solari nella Via Lattea. Si trova a 100 anni luce di distanza nella costellazione della Chioma di Berenice. Un anno luce equivale a 5,8 trilioni di miglia.

Una coppia di satelliti caccia-pianeti – Tess della NASA e Chiopes dell’Agenzia spaziale europea – hanno collaborato alle osservazioni.

Nessuno dei pianeti con una sincronizzazione perfetta si trova nella cosiddetta zona abitabile della stella, il che significa che ci sono poche possibilità di vita, se non nessuna, almeno come la conosciamo.

“Qui abbiamo un obiettivo d’oro” per il confronto, ha affermato Adrian Lelio dell’Università di Ginevra, che faceva parte di un team internazionale che ha pubblicato i risultati sulla rivista Nature.

Questa stella, conosciuta come HD 110067, potrebbe avere più pianeti. I sei pianeti scoperti finora sono circa due o tre volte più grandi della Terra, ma la loro densità è più vicina a quella dei giganti gassosi del nostro sistema solare. Le sue orbite vanno da nove a 54 giorni, rendendolo più vicino alla sua stella di quanto Venere lo sia al sole e rendendolo molto caldo.

Secondo gli scienziati, in quanto pianeti gassosi, si pensa che abbiano nuclei solidi fatti di roccia, metallo o ghiaccio, racchiusi in spessi strati di idrogeno. Sono necessarie ulteriori osservazioni per determinare cosa c’è nelle loro atmosfere.

READ  Usa un sacchetto Ziploc per separare il grasso dal brodo di tacchino

Gli scienziati hanno affermato che questo sistema solare è unico perché i sei pianeti si muovono in una sinfonia completamente sincronizzata. Tecnicamente, la risonanza è nota per essere “estremamente precisa e ordinata”, ha affermato il coautore Enrique Bali dell’Istituto di Astrofisica delle Isole Canarie.

Il pianeta più interno completa tre orbite ogni due dei suoi vicini più vicini. È lo stesso per il secondo e il terzo pianeta più vicino, e per il terzo e il quarto pianeta più vicino.

I due esopianeti completano le loro orbite in 41 e 54,7 giorni, risultando in quattro orbite ogni tre. Nel frattempo, il pianeta più interno completa sei orbite nello stesso tempo in cui il pianeta esterno ne completa una.

Secondo gli scienziati, tutti i sistemi solari, compreso il nostro, hanno avuto origine in questo modo. Ma si stima che solo un sistema su 100 abbia mantenuto questa sincronizzazione, e il nostro non è uno di questi. I pianeti giganti possono gettare le cose fuori posto. Lo stesso vale per i bombardamenti di meteoriti, le collisioni ravvicinate con le stelle vicine e altri disturbi.

Anche se gli astronomi conoscono dai 40 ai 50 sistemi solari sincroni, nessuno ha così tanti pianeti in movimento così perfetto o stelle così luminose come questa, ha detto Paley.

Hugh Osborne, dell’Università di Berna, che faceva parte del team, è rimasto “scioccato e felice” quando i periodi orbitali dei pianeti in questo sistema stellare si sono avvicinati a quanto gli scienziati si aspettavano.

“La mia mascella era sul pavimento”, ha detto. “È stato un momento davvero bellissimo.”

READ  Il Massachusetts riporta due nuovi casi umani di virus del Nilo occidentale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *