Un secolo dopo il regime, il passato fascista dell’Italia è sotto esame

milano — L’incapacità dell’Italia di venire a patti con il suo passato fascista è evidente mentre si prepara a celebrare il centenario della marcia su Roma che ha portato al potere il dittatore Benito Mussolini, in coincidenza con l’insediamento del primo governo del dopoguerra con radici neofasciste del Paese.

Il simbolismo sembra turbato: i fratelli di estrema destra di Georgia Meloney Italia Il partito conserva il simbolo della fiamma usato dai fascisti; Il co-fondatore del suo partito, Ignacio La Russa, il cui secondo nome è Benito e il cui ufficio interno è pieno di cimeli fascisti, è stato eletto presidente della camera alta del parlamento.

Meloni ha cercato di allontanare i Fratelli d’Italia dalle sue radici neofasciste. Ha fatto la sua chiara dichiarazione questa settimana durante un discorso alla camera bassa italiana prima di un voto di fiducia per confermare il suo governo.

“Poiché considero sempre le leggi razziali del 1938 il punto più basso della storia italiana, non ho mai provato simpatia o vicinanza a regimi antidemocratici, incluso il fascismo, che segnerà per sempre la vergogna del nostro popolo”, ha detto Meloni al mercoledì alla Camera del Parlamento. , riferendosi alle leggi di Mussolini che perseguitavano la comunità ebraica italiana.

Tuttavia, resta la domanda se reggerà il tono moderato recentemente adottato dal presidente del Consiglio e, in tal caso, come durerà la nostalgia del suo partito, che rappresenta un 4% chiave del suo sostegno.

L’Associazione Nazionale Partigiani Italiani, o ANPI, che conserva la memoria della resistenza bellica contro il fascismo, ha notato alcuni segnali di un’estrema destra incoraggiata.

Il presidente dell’Anpi Gianfranco Pagliarulo ha affermato che il governatore delle Marche centrali italiane, governata dai fratelli, ha sospeso i finanziamenti per mantenere i trampolini di lancio ottonati con incise i nomi e le date delle vittime dell’Olocausto fuori dalle case prebelliche.

READ  Sei Nazioni di Rugby | In questo giorno: le star Dominguez in Italia segnano l'arrivo della moda

Gli attacchi sui social media contro la sua organizzazione sono diventati più intensi che mai, ha affermato.

“È un segnale confuso”, ha detto Pagliarulo. “È chiaro che la vittoria della destra nazionalista porterà a una rinascita di approcci provocatori neofascisti… Non siamo preoccupati perché combatteremo con armi politiche e, se necessario, con armi legali.

Giovedì le autorità di Roma hanno rimosso i manifesti che elogiavano la marcia su Roma da luoghi in tutta la città.

Venerdì, l’Anpi prevede di tenere una manifestazione a Predappio, dove è sepolto Mussolini, in occasione della liberazione della città del nord dal fascismo il 28 ottobre 1944. Eclisse Commemorazione della Marcia su Roma, colpo di stato incruento forzato dall’arrivo di migliaia di manifestanti fascisti nella capitale italiana con la tacita approvazione del Re d’Italia.

La nostalgia fascista impedisce convenientemente la commemorazione della marcia su Roma in quel giorno. Il loro evento è in programma per domenica ed è una delle tre commemorazioni che i neofascisti tengono ogni anno a Pretapio.

Altri datano la nascita di Mussolini, il 29 luglio 1883, alla sua morte in una casa non lontana dal cimitero, e il 28 aprile 1944, giorno in cui fu ucciso dai partigiani a Milano.

“La marcia su Roma è stata il mito fondatore dell’Italia fascista, e per noi è stato un mito negativo, l’origine della catastrofe che ha portato l’Italia a molte guerre, la più devastante di tutte, la seconda guerra mondiale”, ha detto Pagliarulo. “Dobbiamo combattere. Il mito positivo della Marcia su Roma e l’inizio di un periodo buio nella storia italiana moderna si collocano oggi.

READ  Mancini dice che l'Italia può migliorare, notizie di calcio e grandi storie

Francesco Minutillo, avvocato di 42 anni di un piccolo paese vicino a Predappio, da anni partecipa a tre commemorazioni annuali presso la tomba di Mussolini. Li ha descritti come momenti di preghiera davanti alla cripta di Mussolini e si aspetta una forte affluenza per il centenario.

“Non sta commemorando la marcia su Roma. Sta commemorando Benito Mussolini, che vi fu sepolto”, ha detto Minutillo.

Quando il messaggio di Meloni è diventato più moderato, Munitello, il rappresentante locale degli ex Fratelli d’Italia, ha lasciato il partito nel 2020.

“Ora non c’è alternativa al diritto dei fratelli italiani. La nostra società deve aspettare un partito politico veramente trasparente con i nostri valori e la nostra struttura sociale”, ha affermato.

Alla domanda se avesse nostalgia di Mussolini o del fascismo, che vedeva come la forza che ha modernizzato l’Italia nel XX secolo, Munidillo credeva che “non è possibile rispondere a questa domanda con le leggi in vigore ora”. .

L’Italia non ha mai subito un processo simile alla nazisificazione della Germania e un partito neofascista, il Movimento Sociale Italiano, fece parte del primo governo italiano del dopoguerra nel 1946. L’eredità fascista è rimasta nell’architettura dei piccoli edifici scolastici in tutto il paese. Dalle città alla maestosa stazione ferroviaria di Milano e all’imponente corte e al quartiere EUR di Roma.

L’opinione popolare persiste sul fatto che i due decenni di fascismo in Italia abbiano portato progresso, esemplificato dal servizio ferroviario tempestivo dell’epoca, dal boom architettonico e dal drenaggio delle paludi infestate dalla malaria.

È ancora possibile, anche se non comune, spiare un ritratto di Mussolini appeso in un bar o un ristorante, soprattutto nel nord Italia, o trovare cimeli o cimeli fascisti in negozi casual. L’associazione partigiana considera le scene come apologetiche per il fascismo, punibili dalla legge, e raramente, se non mai, perseguite.

READ  L'Italia firma un pacchetto di investimenti e riforme per utilizzare i fondi dell'UE

Alessandro Luparini, storico ravennate, ha affermato che mentre gli storici hanno giustamente riesaminato il passato fascista dell’Italia, la consapevolezza non è scemata, lasciando che le incomprensioni persistano.

“L’Italia è un paese molto lento a riprendersi”, ha detto, aggiungendo che l’impatto devastante delle leggi razziali ha superato qualsiasi nozione di modernizzazione.

“Gli storici ci insegnano giustamente che il fascismo finì in Italia nel ’45, ma non i fascisti”, dice lo storico Francesco Filippi, che ha scritto un libro esaminando le idee sbagliate popolari sul fascismo. Anche i partiti citati direttamente hanno partecipato alla vita politica del paese dal 1946 ad oggi. Continuamente.”

Filippi ha affermato che gli elettori moderati, che hanno portato al 26% il 4% dei voti di Meloni nel 2018, hanno indicato un “allargamento fondamentale della base del partito oltre coloro che hanno riconosciuto i fratelli italiani (del dopoguerra) come successori storici del movimento sociale italiano, e quindi un certo tipo di idea fascista”.

Molti dei nuovi elettori, ha detto, pensavano che Meloni avrebbe formato un governo conservatore di destra, “un governo di destra moderata, antifascista, legato ai valori democratici”.

Gli alfieri del movimento partigiano italiano in tempo di guerra hanno detto che avrebbero trattenuto il giudizio fino a quando il governo Meloni non avesse preso misure concrete.

“Ci auguriamo che diventi un governo conservatore di destra come la Francia o la Gran Bretagna”, ha detto Miro Corri, presidente dell’Anpi della provincia Emilia Romagna, dove ha sede Predappio. “Vediamo cosa succede.”

———

Paolo Santalucia ha contribuito da Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.