Un dipendente senior di un’importante accademia sportiva del Qatar ha pubblicato un video anti-gay

Un dipendente senior di una delle principali accademie sportive del Qatar ha pubblicato un video anti-gay sui social media prima della Coppa del Mondo, che potrebbe essere rivelato.

L’Aspire Academy è orgogliosa della sua capacità di “esercitare un impatto positivo senza precedenti”, ma una delle figure di spicco ha pubblicato un video su Instagram sui “modi per proteggere i bambini dai pensieri omosessuali”.

Nella clip, Salah Al Yafei – che ha 60.000 follower su Instagram, dove si definisce un “consulente educativo” – afferma che Dio “non ha creato Adamo e Adamo, né Eva ed Eva”.

Durante il filmato – che in una fase mostrava un’immagine della bandiera LGBT + arcobaleno attraversato da una linea rossa – Al Yafei ha detto: “Di fronte alla promozione aperta dell’omosessualità, il rifiuto nella tua espressione e nel tuo comportamento ha un enorme impatto su bambini, perché indirettamente trasmette loro il messaggio che questa è una cosa perversa e non dovremmo accettarla”.

Il video è stato rimosso dopo che The Independent si è rivolto a Meta, che possiede Instagram, per un commento

Segui Preferito

Accanto al video clip di 11 minuti, Al Yafei ha pubblicato: “Dieci modi per proteggere i bambini dalle idee omosessuali”.

Da allora il video è stato rimosso indipendente Si è rivolto a Meta, che possiede Instagram, per un commento. Un portavoce di Meta ha dichiarato: “Abbiamo rimosso il post che lo aveva portato alla nostra attenzione per violazione delle nostre regole”.

A febbraio, il signor Al Yafei è stato citato sul sito web dell’Aspire Academy come “Capo dell’LDP” (Programma di sviluppo della leadership).

Nel marzo 2017 è stato citato anche sul sito web dell’accademia, questa volta denominato “Leadership Training Officer”. Viene chiamato “Salah Al Yafi” e “Salah Al Yafi”.

Le preoccupazioni sui diritti umani sono state sollevate ripetutamente nello stato del Golfo, dove l’omosessualità maschile è illegale. Nass Mohammed, un medico del Qatar con sede negli Stati Uniti Si è dichiarato pubblicamente gay nel maggio di quest’annoRaccontare indipendente: “Questo video riflette la rigida censura del punto di vista della comunità LGBT, così come la grave persecuzione affrontata dalla comunità LGBT in Qatar.

Riflette anche la scarsa istruzione e consapevolezza dei qatarioti su cosa significhi veramente essere LGBT.

“Al Yafei ha bisogno di sapere che ho attraversato tutti i modi di isolamento e rifiuto che descrive crescendo in Qatar. Non mi ha impedito di essere una persona LGBT. È stato solo un abuso psicologico nei miei confronti”.

L’ex capitano dell’Inghilterra David Beckham ha reso omaggio all’Aspire Academy in un evento all’inizio di questo mese

(AFP/Getty)

Fondata a Doha nel 2004, Aspire Academy si presenta come la fabbrica nazionale dei talenti sportivi. David Beckham – l’ambasciatore della Coppa del Mondo, che prenderà il via in Qatar il mese prossimo – ha visitato l’accademia a marzo, quando ha detto: “Vedere l’Aspire Academy e le fantastiche strutture che offre è davvero speciale”.

All’inizio di questo mese, l’ex capitano dell’Inghilterra ha reso omaggio all’Accademia durante un evento. “Guarda solo Aspire. È un’eredità. Quando guardi la squadra del Qatar, è giovane e vivace, e molti di loro provengono dall’Aspire Academy – e questo significa qualcosa”, ha aggiunto Beckham, come l’ex compagno di squadra di Beckham in Inghilterra Gary Neville ha anche visitato l’Academy for a Modern Documentary Film.

Non vi è alcuna indicazione che Beckham o Neville siano d’accordo con le opinioni espresse dal signor Al Yafei nel video di Instagram.

Parlando in arabo nel video, che è stato pubblicato a giugno ed è stato visto più di 14.000 volte, Al Yafei ha detto: “Ho preparato alcune riflessioni che volevo discutere con voi sul tema dell’omosessualità e della perversione innata. Osano dire che questo è normale in un modo che ti fa dubitare di te stesso.”

Ha aggiunto: “I personaggi dei cartoni animati appaiono su Netflix e Disney. Fanno tutti parte di questo soft power che agisce come gocce d’acqua che cadono sulle rocce, goccia dopo goccia, fino a quando non vengono distrutte”.

“L’uso costante del soft power, anche sul subconscio, normalizza questa idea nelle giovani generazioni che queste siano persone tra noi – perché le rifiutiamo? – le vediamo nei cartoni animati, nel ruolo di eroi”.

Il signor Al-Yafei ha anche parlato dei “metodi che possiamo usare per sostenere e proteggere i nostri bambini, con l’aiuto di Dio, da questa ondata, da questa marea crescente che si sta facendo strada attraverso telefoni cellulari, televisioni e piattaforme di social media”.

Ha aggiunto più avanti nel video: “Il quinto approccio è esprimere la tua disapprovazione. Di fronte alla promozione pubblica dell’omosessualità, il rifiuto nella tua espressione e nel tuo comportamento ha un grande impatto sui bambini, perché trasmette loro indirettamente il messaggio che questo è qualcosa di perverso e non dovrebbe essere accettato, perché la natura innata Fallo. Non sentirti a tuo agio con questi concetti.

“Questo, ovviamente, non significa che dovremmo sbarazzarci della civiltà o impegnarci nella persecuzione o nell’oppressione degli altri. No. Cerchiamo solo di proteggere i nostri figli da queste questioni”.

Gary Neville ha visitato l’Aspire Academy per guardare un documentario finale prima della Coppa del Mondo

(sovrapposizione)

In un recente documentario di Neville, l’ex calciatore ha visitato il Qatar prima dei Mondiali. Il video si intitola Il conto alla rovescia di Gary Neville per il Qatardove ha intervistato l’ex giocatore dell’Everton Tim Cahill, che è il Direttore dello Sport presso l’Aspire Academy.

Aspire Academy, Al Yafei, lo Stato del Qatar, un rappresentante di Beckham e un rappresentante di Neville sono stati contattati per un commento. Da allora, il profilo Instagram del signor Al Yafei è stato modificato per rimuovere l’indicazione che lavora per Aspire Academy.

READ  La Germania afferma che l'Occidente acconsente a ulteriori sanzioni contro la Russia dopo l'uccisione di Bucha

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.