Un buco nero “rutta” le stelle dopo anni passati a mangiarlo

enorme Buco nero È stato osservato mentre ruttava una stella divorata tre anni fa, lasciando gli astronomi sconcertati da un’indigestione intergalattica ritardata.

“Questo ci ha completamente sorpreso: nessuno aveva mai visto niente del genere”, ha affermato Yvette Sendez, autrice principale di un nuovo studio che analizza il fenomeno senza precedenti, Egli ha detto.

Nell’ottobre 2018, gli astronomi hanno assistito a una giovane stella che veniva fatta a brandelli e inghiottita quando vagava vicino a un buco nero in una galassia situata a 665 milioni di anni luce dalla Terra, Secondo lo studio È stato pubblicato la scorsa settimana su The Astrophysical Journal.

E lo studio ha scoperto che la festa violenta in sé non è insolita, quando, quando un buco nero ha iniziato a vomitare misteriosamente materiale stellare nel giugno 2021, gli scienziati sono rimasti sconcertati, perché non c’erano prove che avesse mangiato un’altra stella.

“È come se questo buco nero avesse improvvisamente iniziato a ruttare un mucchio di materiale dalla stella che ha mangiato anni fa”, ha aggiunto Cendez, ricercatore associato presso l’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics.

Il lungo ritardo nell’espulsione della materia celeste non era mai stato visto prima e ha lasciato perplessi gli scienziati.

I buchi neri sono regioni extraterrestri in cui la gravità ha trascinato la materia in un piccolo spazio con così tanta forza che nulla può sfuggirvi, inclusa la luce.

Di solito sono formati dai resti del collasso di grandi stelle morenti e possono consumare tutto ciò che si avvicina molto, spiega la Nasa.

Il Center for Astrophysics spiega che quando un buco nero divora una stella, parte del materiale celeste che costituisce la stella viene occasionalmente espulso nello spazio, cosa che gli astronomi paragonano ai buchi neri come mangiatori caotici.

READ  Stelle lontane si illuminano di rosso, bianco e blu giusto in tempo per il Giorno dell'Indipendenzaعيد

Ma questo processo – che è l’equivalente di Cendes di “ruttare” dopo un pasto – di solito si verifica immediatamente, anziché tre anni dopo, secondo lo studio.

I ricercatori si sono precipitati a studiare la sorprendente scoperta utilizzando telescopi in tre continenti e nello spazio.

Hanno scoperto che il buco nero, soprannominato AT2018hyz, espelle materiale a metà della velocità della luce, cinque volte più veloce del normale.

Tuttavia, non erano sicuri del motivo per cui la stella “Burp” ha impiegato tre anni per essere completata.

“Questa è la prima volta che vediamo un ritardo così lungo tra l’alimentazione e il deflusso”, ha affermato Ido Berger, professore di astronomia ad Harvard e CfA, e coautore del nuovo studio.

“Il prossimo passo è esplorare se ciò si verifica davvero più regolarmente e semplicemente non abbiamo esaminato TDE abbastanza tardi nel suo sviluppo”.

Il team spera che lo studio aiuterà gli scienziati a comprendere meglio il comportamento di alimentazione dei buchi neri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.