Un agente di polizia di Mariupol è tornato in Ucraina dopo due anni di inferno

Marianna Chichelyuk, 24 anni, è stata riportata in Ucraina venerdì mattina (Foto: Reuters)

Questo è il momento traumatico in cui un agente di polizia mette piede sul suolo ucraino per la prima volta dopo due anni trascorsi nei campi di “filtrazione” in Russia.

Marianna Chichelyuk è tra i 75 prigionieri di guerra rimpatriati venerdì mattina a bordo di diversi autobus diretti nella regione settentrionale di Sumy.

La sua storia – che è stata arrestata nelle acciaierie dell'Azovstal e poi torturata nei centri di detenzione russi – simboleggia l'assedio e la caduta di Mariupol.

La città, situata nel sud-est dell’Ucraina, è sotto assedio dall’inizio delle prime settimane dell’invasione ed è ora sotto il controllo delle forze del Cremlino.

La 24enne è sopravvissuta alle torture fisiche e mentali per mano dei suoi rapitori mentre veniva trasferita tra le strutture russe di Donetsk, Yelinovka, Taganrog, Kamyshin e Mariupol.

Nel marzo 2022, mentre i soldati russi stringono la presa su Mariupol, Marianna e sua sorella minore Alina si rifugiano nei bunker di Azovstal, l'ultima roccaforte per molti intrappolati nella città assediata.

si allarga

Quando è stato aperto un corridoio verde per i civili, a Marianna è stato negato il passaggio a causa del suo ruolo nella polizia nazionale ucraina.

Era stata nel servizio di polizia per circa un anno prima dell'invasione russa su vasta scala.

Suo padre, Vitaly, ha detto ai media Mezha che dopo essersi diplomata all'Accademia di polizia di Kharkiv, sua figlia ha iniziato a lavorare come investigatrice nel quartiere Zovtnevy della città.

Ha detto: “Marianna era una volontaria allo zoo e amava moltissimo i cani, e prima e dopo il lavoro cucinava cibo per cani e dava da mangiare agli animali di strada.

READ  Alec Baldwin avvistato seduto davanti a una tazza di caffè negli Hamptons

“La mia figlia più giovane, Alina, era in prima media quando è iniziata l’invasione.”

Marianna, ufficiale di polizia ucraina e prigioniera di guerra, reagisce dopo uno scambio, nel mezzo dell'attacco russo all'Ucraina, in una località sconosciuta in Ucraina, il 31 maggio 2024. REUTERS/Valentin Ogirenko
Mariana piange pochi istanti dopo lo scambio (Foto: Reuters)

Mariana è stata fatta morire di fame, picchiata e sottoposta ad altre forme di maltrattamenti mentre era detenuta nei campi russi.

A causa delle circostanze, la sua salute peggiorò. Le malattie respiratorie e il mal di gola si sviluppano in una forma cronica di bronchite.

Ha perso molto peso, il suo sistema immunitario si è indebolito, i suoi capelli hanno cominciato a cadere e il suo ciclo mestruale è scomparso.

Sua madre, Natalia, ha detto all'agenzia di stampa Zamina che le forze russe hanno cercato di convincerla a disertare.

“Stavano cercando di attirarla dalla parte russa attraverso la dolce promessa di un grosso stipendio e intimidazioni, ma lei ha rifiutato”, ha detto.

La poliziotta 22enne Marianna Chichelyuk è stata catturata dalla Russia ad Azovstal.  Dobbiamo pubblicizzare il suo caso e chiedere il suo ritorno sano e salvo!  La sua famiglia chiede aiuto: spargete la voce!
Mariana è stata catturata dalle forze russe ad Azovstal

Durante i suoi due anni di prigionia, Mariana ha potuto parlare con la sua famiglia solo una volta e ha inviato solo poche lettere in cui descriveva in dettaglio il suo peggioramento della salute.

Un video di lei sull’autobus per Sumy la mostra mentre recita una poesia che ha scritto mentre era in detenzione: “Mi manca vederti, mamma, per raccontarti com’è stato per me lì”.

'Quanto mi mancavano i tuoi occhi e quanto desideravo porre fine alla mia vita. Come ho sopportato tutto il dolore e il tormento, e come ho tremato di paura.

Come ogni urlo e ogni colpo facevano sparire il mio nome dalla mia testa. Come ho chiesto il suo aiuto e lui mi ha dato forza ogni giorno.

“Mi stavo preparando a partire, ma non è sempre stato così. Non ci sono parole per esprimere tutto il dolore. Non ho fiducia che tutto finirà e non ho speranza di salvare l’Ucraina.

READ  Ufficiale del traffico russo con toilette dorata arrestato dopo che la polizia ha scoperto un massiccio schema di corruzione | notizie dal mondo
Boris Alexander Beissner @boris_beissner ????  Picchiata e affamata per più di due anni: oggi è stata restituita Mariana Chichelyuk, investigatrice 24enne della Polizia nazionale di Mariupol!  Secondo sua madre, Mariana ha sopportato molte torture durante la prigionia, dove è stata fatta morire di fame, picchiata e maltrattata.  A causa delle condizioni di detenzione, la salute della ragazza è peggiorata: malattie respiratorie e mal di gola si sono trasformate in una forma cronica di bronchite.  Mariana ha perso molto peso, il suo sistema immunitario si è indebolito, i suoi capelli sono caduti e il suo ciclo mestruale si è interrotto.
Mariana è sopravvissuta alla tortura fisica e mentale

“Forse tornerò da te, mamma.” NO! Tornerò, capito? Verrò all'alba del mattino. Nel cuore mi sentirai vicino. Griderò che sono libero per sempre. Mi manca mio padre e la mia casa. Mamma, lo ricorderò sempre. Questo orrore si chiama prigionia russa.

Marina sembrava quasi insensibile quando scese dall'autobus a Sumy. Tra i prigionieri di guerra ucraini c'erano quattro civili.

Quando sono scesi, hanno urlato di gioia e hanno chiamato le famiglie per dire loro che erano tornati a casa.

Alcuni si sono inginocchiati e hanno baciato la terra mentre molti si sono avvolti nelle bandiere gialle e blu e si sono abbracciati, scoppiando in lacrime. Molti di loro apparivano emaciati e mal vestiti.

Lo scambio di 150 prigionieri di guerra è stato il quarto scambio quest'anno e il cinquantaduesimo dall'invasione dell'Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022.

Attraverso gli scambi, compreso venerdì, l'Ucraina ha ripreso un totale di 3.210 militari e civili ucraini.

Né l’Ucraina né la Russia hanno rivelato quanti prigionieri di guerra ci siano in totale. Un rapporto delle Nazioni Unite afferma che la maggior parte dei prigionieri di guerra ucraini sono sottoposti a negligenza medica di routine, a maltrattamenti gravi e sistematici e persino a torture durante la detenzione.

Sono stati segnalati anche casi isolati di maltrattamenti nei confronti di soldati russi, soprattutto durante la cattura o il trasferimento nei luoghi di detenzione.

Almeno un terzo degli ucraini tornati a casa hanno subito “gravi lesioni, malattie e disabilità”.

Altro: Putin celebra la Giornata mondiale dell'infanzia ferendo otto bambini ucraini

Altro: Perché i sopravvissuti alla terza guerra mondiale nucleare invidiano i morti?

Altro: Gli eroi dell'Isola dei Serpenti che dissero alla nave da guerra di Putin di “andare all'inferno anche tu” rilasciati durante uno scambio di prigionieri di guerra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *