Ufficio passaporti di Durham: un uomo di Glasgow percorre 160 miglia durante la notte prima del volo per l’Italia

Alla fine del suo legame, un uomo ha descritto un ritardo nella ricezione del suo passaporto che significava che doveva percorrere 160 miglia per ritirarlo nella contea di Durham, solo per incontrare lunghe code e “confusione”.

Ethan Alexander, di Glasgow, ha detto di aver dovuto recarsi all’ufficio passaporti di Durham per la frustrazione dopo aver aspettato più di 11 settimane per il suo documento, il giorno prima della partenza per l’Italia.

Il 21enne è una delle dozzine che fanno la fila all’ufficio passaporti, con molti che si lamentano della difficoltà a ottenere aiuto al telefono.

Ethan Alexander ha dovuto viaggiare da Glasgow per ritirare il suo passaporto Immagine: Sarah Caldecott

Arrivano 24 ore dopo che il Northern Echo ha riferito che la deputata di Durham City Mary Kelly Foy aveva scritto al ministro dell’Interno Priti Patel per avvertire di condizioni di lavoro “tossiche” presso l’ufficio passaporti della città.

Mary Kelly Foy ha raccontato ai colleghi parlamentari durante un dibattito in Parlamento all’inizio di questo mese di accuse di “culture del lavoro tossiche”, “tattiche di bullismo” e un impiegato “suicida” presso l’ufficio passaporti di Durham.

Un arrabbiato Mr Alexander ha detto ieri: “Ho chiesto al telefono la scorsa settimana dove fosse il mio passaporto.

Northern Echo: la coda all'ufficio passaporti di Durham In coda all’ufficio passaporti di Durham

“A questo punto sono trascorse circa 11 settimane da quando ho fatto domanda. Mi è stato detto che avrei avuto la garanzia di riceverlo il 23 giugno, non lo era e ho dovuto chiamare dopo il fine settimana.

“Ho chiamato lunedì ma mi è stato detto che avrei dovuto pagare 100 sterline in più. Ho detto che andava bene finché avessi avuto il passaporto in tempo”.

READ  Nella ripresa quattro irlandesi under 20 hanno provato a vincere contro l'Italia

Il signor Alexander ha detto che era stato indirizzato a un “team di miglioramento” e che avrebbe ricevuto una chiamata entro 48 ore, ma non aveva ancora ricevuto loro notizie.

Ha detto: “Ho chiamato 20 persone diverse all’ufficio passaporti e tutti cercavano di consigliarmi su cosa fare e dicevano cose diverse.

Northern Echo: coda all'ufficio passaporti di Durham Immagine: Sarah Caldecott CODA NELLA FOTO ALL’UFFICIO PASSAPORTI DI DURHAM: SARAH CALDECOTT

“Uno di loro ha detto che il mio passaporto era a Durham e che avrei dovuto viaggiare verso il basso per ottenerlo.

“Ho un volo domani e questa mattina dovevo viaggiare in treno da Glasgow.

“Ho bisogno del mio passaporto per riprendere il treno per la Scozia, quindi sto preparando una valigia e ho chiesto a un mio amico di accompagnarmi a Londra per prendere un volo per l’Italia venerdì mattina”.

Ha aggiunto: “È stato davvero scomodo, le persone stanno correndo fuori dall’ufficio chiedendo il mio nome e il tuo numero.

“Sono usciti cinque volte e mi hanno detto che non c’era ancora nessuno che venisse a parlare con te. Alle 11 qualcuno ha detto che sarebbe stato pronto se fossi tornato tra un’ora. Sono tornato al punto e non era pronto.

“È deludente e arrabbiato perché mi era stato promesso qualcosa e poi mi è stato detto che dovevo pagare un extra per i loro errori.

Eco del nord: la deputata Mary Kelly Foy della città di DurhamLa deputata della città di Durham Mary Kelly Foy

“Quindi non c’era una comunicazione adeguata. Nessuno mi ha contattato durante l’intero processo, quindi ero anche confuso.

L’unica cosa che mi è stato detto è di aspettare ancora un po’.

Alle 15:00 il signor Alexander non aveva ancora ricevuto il passaporto e la batteria del suo telefono sembrava essere scarica.

READ  Protagonista del cinema italiano 77 - The Hollywood Reporter

Quando il Northern Echo si è avvicinato al Ministero dell’Interno, ha fornito il nome del signor Alexander e ha chiesto il numero Aadhaar del suo passaporto, che non era disponibile.

Un portavoce del Ministero dell’Interno ha dichiarato: “Northern Echo si è rifiutata di fornirci qualsiasi informazione di cui avremmo bisogno per esaminare le affermazioni.

“Il personale sta elaborando circa 250.000 domande di passaporto ogni settimana. Tra marzo e maggio, il 98,5% delle domande è stato completato entro 10 settimane”.

Il Ministero dell’Interno, che ha risposto in precedenza, ha dichiarato: “Il benessere del personale è della massima importanza e qualsiasi membro del personale che abbia dubbi sul carico di lavoro o sulle condizioni di lavoro è incoraggiato a parlarne con il proprio manager il prima possibile”.

Eco del Nord:

Tieniti aggiornato con tutte le ultime novità sul nostro sito o seguici Facebook, Twitter E Instagram.

Puoi anche seguire la nostra pagina Facebook dedicata della contea di Durham per tutte le ultime informazioni sull’area facendo clic Qui.

Per tutti i principali aggiornamenti sulle notizie da tutta la regione direttamente nella tua casella di posta, iscriviti alla nostra newsletter qui.

Hai una storia per noi? Contatta il nostro ufficio stampa all’indirizzo newsdesk@nne.co.uk o chiama lo 01325 505054

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.