Ufficiale: la polizia morale iraniana dietro l’arresto di Mahsa Amini, “chiudendo” Akhbar Al-Alam

Secondo quanto riferito, il pubblico ministero iraniano ha affermato che la polizia morale, la forza che ha arrestato Mohsa Amini e applica il codice di abbigliamento del paese, è stata “chiusa”.

La semi-ufficiale Labor News Agency iraniana ha citato Mohammad Jaafar Montazeri che ha affermato che la forza era stata sciolta.

Tuttavia, il ministero dell’Interno iraniano, che è l’autorità responsabile della polizia morale, non ha ancora commentato lo stato della forza.

“La stessa autorità che ha creato questa polizia li ha chiusi”, avrebbe detto Montazeri, aggiungendo che la polizia morale non è sotto la giurisdizione della magistratura, che “continua a monitorare le azioni comportamentali a livello di comunità”.

La polizia morale è stata punita ancora dal Regno Unito Morte della signora Amini, 22 anniche è morta sotto la custodia della polizia dopo essere stata presa in custodia per aver presumibilmente omesso di coprirsi adeguatamente i capelli con un velo – noto come hijab – che è obbligatorio per le donne iraniane.

La forza è stata anche criticata per la sua violenta repressione delle proteste seguite alla morte di Amini.

L’agenzia di stampa attivista Hana ha dichiarato che sabato sono stati uccisi 470 manifestanti, di cui 64 minorenni. Ha aggiunto che 18.210 manifestanti sono stati arrestati e 61 forze di sicurezza sono state uccise.

immagine:
Una protesta a Teheran a settembre. Foto: WANA/Reuters

Attrici, attivisti e manifestanti iraniani hanno pubblicato foto senza velo in solidarietà con le manifestazioni antigovernative.

Domenica i manifestanti hanno chiesto uno sciopero di tre giorni questa settimana mentre cercano di mantenere la pressione sulle autorità per la morte di Amini.

READ  Hamad Saeed Raghash: il viaggio di un ambizioso emiratino per diventare un'icona riconosciuta della cultura e del patrimonio

Le proteste erano previste per il giorno in cui il presidente Ebrahim Raisi dovrebbe parlare agli studenti dell’Università di Teheran mercoledì.

Naseeb Samsay, una donna iraniana che vive in Turchia, taglia i capelli durante una protesta dopo la morte di Mahsa Amini, fuori dal consolato iraniano a Istanbul, Turchia, 21 settembre 2022. REUTERS/Morad Sezer
immagine:
Naseeb Samsay, iraniana che vive in Turchia, si taglia i capelli durante una protesta a Istanbul

L’Iran dice che sta rivedendo la legge sull’hijab obbligatorio

Dopo i diffusi disordini, Montazeri ha affermato che l’Iran sta rivedendo la legge che impone alle donne di coprirsi il capo.

“Stiamo lavorando rapidamente sulla questione dell’hijab e stiamo facendo del nostro meglio per utilizzare una soluzione saggia per affrontare questo fenomeno che ferisce il cuore di tutti”, ha affermato Montazeri citando l’agenzia di stampa studentesca iraniana.

Ha aggiunto che si è tenuto un incontro con il comitato culturale della Camera dei Rappresentanti, ei risultati appariranno “entro una o due settimane”.

Alti funzionari iraniani hanno ripetutamente affermato che Teheran non cambierà la politica di velo obbligatorio della Repubblica islamica
Richiede alle donne di vestirsi con modestia e indossare un velo.

Si prega di utilizzare il browser Chrome per un lettore video facilmente accessibile

Lo scalatore iraniano ha “dimenticato” l’hijab

Distruggere la casa della famiglia Naz Rekabi

In Iran è stata demolita la casa di famiglia dell’alpinista iraniano Elnaz Rekabi, che ha gareggiato all’estero senza velo.

L’agenzia di stampa giudiziaria ufficiale iraniana, Mizan, ha dichiarato sabato che la distruzione della casa di suo fratello è stata dovuta a “costruzione e uso non autorizzati del terreno” e che è accaduto mesi prima che lo scalatore gareggiasse in una competizione internazionale di arrampicata su roccia in Corea del Sud .

Leggi di più:
Le carceri piene dell’Iran significano che le donne detenute sono confinate in casa
Giocatore iraniano: “la situazione nel nostro Paese non è buona”

READ  Biden respinge le molestie all'evento in Virginia: "Questo non è un raduno di Trump. lasciali gridare

Tuttavia, gli attivisti antigovernativi affermano che la demolizione era mirata. Le autorità iraniane non hanno confermato pubblicamente la demolizione.

La 33enne non ha indossato il velo obbligatorio richiesto per le atlete della Repubblica islamica in una competizione di ottobre. Un successivo post su Instagram, attribuito all’atleta, descriveva il suo aspetto senza velo come accidentale, anche se non era chiaro se l’avesse scritto lei.

Il governo iraniano esercita regolarmente pressioni sugli attivisti in patria e all’estero, spesso trasmettendo quelle che i gruppi per i diritti descrivono come confessioni estorte alla televisione di stato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.